La scuola

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia; Francia
Anno: 1995
Supporto: DVD
Salvato in 28 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 7,99 €)

Ultimo giorno di scuola nella periferia romana. Ultime interrogazioni e scrutini che vengono continuamente interrotti. Gli insegnanti ricordano l'anno scolastico che si sta concludendo ed il tempo trascorso a scuola con gli studenti. Il film ha avuto un seguito nel 1997.
5
di 5
Totale 9
5
9
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessia

    27/11/2010 22:24:47

    Anch'io mi aggiungo alla lunga carrellata di recensioni su questo film che confermano una valutazione molto alta ed io sono assolutamente d'accordo. Bellissimo affresco sulla scuola degli anni '90, molto bella la costruzione di tutto il film, dal quale si parte dall'incessante ultimo giorno di scuola, tanto atteso dagli alunni, ma anche dai professori, fino a ricostruire, attraverso una serie di flashback, i momenti salienti di un intero anno scolastico; ironico, frenetico, divertente, ma anche malinconico, nostalgico, molto psicologico, riflessivo su temi importanti. Molto divertenti i professori, rappresentati con le loro manie e debolezze tali da rendeli non così irraggiungibili e non tanto diversi dai propri studenti, chi innamorato, chi detesta scuola e alunni, chi maniaco, chi ottimista e buonista, chi nevrotico, per non parlare poi del preside che non vuole sentire "far poesia" perchè non ha mai letto le "Metamorfosi" di Ovidio o di Kafka ecc... Bravo S.Orlando come sempre, uno dei pochi professori che svolge il proprio lavoro con passione e pazienza, capace di mettersi in discussione e di aiutare gli alunni in difficoltà. Il film è diretto molto bene, le scene sono molto divertenti, è un film consigliatissimo che mette tutti d'accordo, da vedere con tutta la famiglia.

  • User Icon

    francesco

    01/02/2008 00:39:54

    IL MIO VOTO E' OTTO. DA VEDERE.

  • User Icon

    Riccardo

    17/01/2008 22:50:39

    Un Silvio Orlando carismatico. è un film in cui ci si affeziona ai personaggi, che puoi riguardare senza stancarti mai. grottesco e realistico al punto giusto. un pò come la vita di noi studenti e dei nostri insegnanti

  • User Icon

    Fabrizio

    18/11/2007 12:54:43

    Questo film è troppo bello e realistico per non dargli il massimo

  • User Icon

    Fabio - Bari

    14/10/2006 12:59:22

    Il film troppo bello. Bravissimo Orlando e il regista Daniele Luchetti. vorrei sapere come si chiama il film che ha avuto il seguito nel 1997?

  • User Icon

    Francesco

    16/12/2005 19:27:54

    Ho visto il film ameno 10 volte e nn mi stanco mai d vederlo, io vorrei essere come Coffaro ed essere amico di Gardini x aiutarlo!!!

  • User Icon

    demi

    15/03/2005 13:39:28

    Perfetto spaccato di una giornata qualsiasi (o quasi) di una qualsiasi scuola superiore italiana.

  • User Icon

    stefano

    17/07/2003 14:55:27

    Un film che riproduce perfettamente la scuola italiana...con i suoi pregi e i suoi difetti...bellissimo

  • User Icon

    francesco

    05/07/2003 12:11:52

    Ecco, non so se questo sia davvero un buon film e nemmeno mi interessa saperlo. Sono un insegnante, vivo tra gli Sperone e i Coffaro, nel film trovo la verità del mio lavoro, anche nei dettagli infinitesimali, senza cliché, senza retorica. E' una riflessione aperta, priva di conclusioni, è una mosca che continua a ronzarti attorno... vorrei Cardini come studente!!!

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2003
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 102 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,66:1
  • Area2
  • Contenuti: biografie: biografia e filmografia del regista e degli interpreti principali
  • Silvio Orlando Cover

    Silvio Orlando è un attore versatile che si attiene sempre a una recitazione sobria e misurata, pur plasmando la propria personalità a seconda del personaggio che deve interpretare. La presenza del suo nome nel cast di un film assicura qualità di sceneggiatura; ripercorrendo la carriera dell'attore, poche sono le pellicole non riuscite, molti i successi che raggiungono non solo un pubblico colto ma anche quello più popolare che ama tanto i suoi insicuri personaggi presi dalla quotidianità.Esordisce nel teatro napoletano dei primi anni Ottanta e inizia a lavorare anche in tv, ma è Gabriele Salvatores a offrirgli le migliori occasioni sul palcoscenico e a portarlo poi al cinema, con un piccolo ruolo in Kamikazen - Ultima notte a Milano (1987). Sul grande... Approfondisci
  • Anna Galiena Cover

    Attrice italiana. A diciotto anni lascia la famiglia per intraprendere la carriera artistica. Dopo aver viaggiato attraverso Europa, Canada e Stati Uniti, si stabilisce a New York dove frequenta l’Actors’ Studio e debutta sul palcoscenico. Tornata in Italia, nel 1984 si lascia tentare dal teatro e dalla televisione poiché il cinema le offre poche possibilità. Nel 1987, dopo il matrimonio con un distributore cinematografico, si trasferisce a Parigi e inizia finalmente un’intensa attività cinematografica, che la rivela ottima interprete di film sia stranieri sia italiani: è la sensuale e malinconica protagonista di Il marito della parrucchiera (1990) di P. Leconte, prostituta in Prosciutto prosciutto (1992) di J.J. Bigas Luna, madre tormentata di una ragazza epilettica in Il grande cocomero... Approfondisci
  • Fabrizio Bentivoglio Cover

    "Attore e regista italiano. Dopo gli studi alla Civica scuola d’arte drammatica e l’esordio sulle scene con Shakespeare, nel 1981 debutta nel cinema in La storia vera della signora delle Camelie di M. Bolognini. L’incontro con G. Salvatores in Marrakech Express (1989) e in Turné (1990) fa di lui il simbolo del trentenne intellettuale, idealista e un po’ insicuro. Per nulla schiavo del suo fascino personale, accetta ruoli «scomodi» come la guardia che scappa con una zingara in Un’anima divisa in due (1993) di S. Soldini e il prete pedofilo in Pianese Nunzio 14 anni a maggio (1996) di A. Capuano. A film d’impegno civile come Un eroe borghese (1995) di M. Placido e Testimone a rischio (1997) di P. Pozzessere, alterna pellicole di ispirazione letteraria come Le affinità elettive (1996) dei fratelli... Approfondisci
Note legali