Categorie

Vanni Santoni

Editore: Laterza
Collana: Contromano
Anno edizione: 2011
Pagine: 147 p. , Brossura
  • EAN: 9788842097679
Usato su Libraccio.it € 5,40

Diciamolo subito: questo nuovo romanzo di Vanni Santoni (classe 1978) non è una guida di Firenze (del resto, di guide al capoluogo toscano ne sono già state scritte fin troppe); è invece un'opera di pura letteratura, nella quale si parla sì di Firenze, ma di una Firenze lontanissima dagli stereotipi proposti e riproposti fino alla nausea dai baedeker. Il titolo stesso, mutuato da un celeberrimo sonetto di Cecco Angiolieri, indica, tra l'altro, la volontà di sbarazzarsi di una certa immagine monolitica, pomposamente monumentale, di Firenze, che vorrebbe ridurla a nostalgico luogo di culto di glorie passate e irripetibili. A questa Firenze un po' polverosa delle oleografie turistiche, Santoni contrappone un'altra Firenze, sotterranea e inquieta, teatro di avvincenti commedie umane che riflettono problematiche assolutamente attuali. E il fatto che l'autore non sia propriamente fiorentino (ma montevarchino) gli consente forse di osservare la città con maggiore lucidità di sguardo. Attraverso un'originale procedura narrativa, già efficacemente collaudata nei precedenti romanzi Personaggi precari (2007) e Gli interessi in comune (2008), Santoni costruisce il proprio libro accumulando progressivamente storie di personaggi diversi che potrebbero sembrare slegate e del tutto autonome, ma che, in realtà, sono segretamente intrecciate tra loro. Il romanzo comincia con un disorientato studente, il quale, dopo aver varcato le soglie del casello autostradale fiorentino, si lancia in un'impresa assai improba che assomiglia molto a un rito di iniziazione: raggiungere in macchina l'intricatissimo "reticolo di sensi unici e zone pedonali" del centro storico di Firenze. Dopo aver fatto diversi giri a vuoto, parcheggia (ovviamente pagando un pesante pedaggio) sotto la stazione di Santa Maria Novella e quindi si reca al Duomo: lì avrebbe un appuntamento con una ragazza conosciuta poco prima durante una sosta al piazzale Michelangelo ma questa non si presenterà, lasciandolo solo in mezzo a una folla di turisti. Lo studente che approda a Firenze è solo uno dei molti personaggi, perlopiù di giovane età, raccontati da Santoni. Ci sono i cosiddetti "gambrini", adolescenti un po' bulli e attaccabrighe che si ritrovano sotto i portici di piazza della Repubblica, dove una volta c'era il cinema Gambrinus; ci sono i giovani aspiranti scrittori che hanno fondato la rivista "maniaco"e si incontrano periodicamente per leggere e commentare le proprie sperimentazioni letterarie; c'è il pittore eroinomane Andrea Rossi, alias Ander, la cui casa è diventata il rifugio di pusher extracomunitari. Ne emerge un affresco romanzesco polifonico, che racconta la città da punti di vista diversi, talvolta contrapposti, e illustra diverse situazioni esistenziali, le quali però sono accumunate da un medesimo disagio, fatto di velleità e ambizioni frustrate. Molti giovani fiorentini affidano all'ambizione artistica – coltivata nell'ambito della pittura, piuttosto che della letteratura o della fotografia – l'unica speranza di riscattare un'esistenza ultraprecaria, che ha ormai smarrito ogni certezza: "Gli unici felici − afferma un personaggio del romanzo – mi sembrano quelli che ancora si aggrappano all'idea di poter essere artisti", per poi domandarsi, retoricamente: "Che poi, artisti o no, ci si può davvero costruire un'esistenza indipendente, qui, senza doversi allacciare a un sistema di supporto vitale fatto di parentele, conoscenze, amicizie, relazioni per niente dinamiche?". L'avverbio "qui" si riferisce a Firenze, ma in questa domanda potrebbero forse riconoscersi anche molti giovani di altre città italiane (e non solo), alla ricerca di un'indipendenza che non sembra mai arrivare. D'altra parte Santoni non si interessa soltanto all'universo giovanile, ma mette in scena anche un personaggio più maturo, Leopoldo Ferretti, facoltoso professore di storia dell'arte, nonché massone. Ebbene, benché, sotto il profilo economico, sia ovviamente al riparo da ogni rischio, Leopoldo, come si vede dal suo rapporto con la figlia, non appare meno insicuro degli altri personaggi del libro. Ma in questo romanzo non c'è solo inquietudine, più o meno giovanile, ma anche ironia e leggerezza, come nella splendida digressione, che occupa quasi quattro pagine, sui panini al lampredotto (potrei sbagliarmi ma non mi risulta che nessuno scrittore avesse mai introdotto prima questa specialità culinaria fiorentina nella letteratura italiana). Se, per questo carattere sterniano e digressivo, il libro di Santoni potrebbe riallacciarsi al Collodi di I misteri di Firenze, per la complessità dell'orchestrazione narrativa l'autore sembra guardare soprattutto a certi grandi autori stranieri contemporanei, da Nabokov a Bolaño. Molto singolare è inoltre la traiettoria del tempo che scandisce la narrazione, che non assume, come di consueto, la forma lineare di una freccia, bensì quella circolare di un anello, laddove il finale si ricongiunge all'incipit, come un nastro che si riavvolge. Raoul Bruni

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    manuel

    05/11/2013 16.43.13

    Mi sono pentito di avere rimandato per tanto tempo la lettura di questo libro. Chi ha trascorso anche un breve periodo a Firenze di certo percepirà l'atmosfera tanto peculiare della città, che viene fuori da ogni pagina del romanzo. Peccato sia così breve.

  • User Icon

    Peppe

    24/01/2013 23.56.56

    Santoni nonostante la giovane età viene spesso elencato tra i migliori scrittori italiani. Sicuramente ha grandi qualità di prosa, di sensibilità, di verve e di capacità di passare dai registri alti a quelli bassi con facilità. Ma questo libro parla di Firenze, città che non sopporto, ed è pieno di personaggi fiorentini, gente che sopporto ancora meno, e quindi non ce la faccio proprio ad apprezzarlo.

  • User Icon

    Paolo

    29/12/2011 17.38.18

    Un libro davvero godibile, con un piano sequenza lunghissimo e circolare su Firenze e i suoi tipi umani.

  • User Icon

    mariateresa burzi

    25/12/2011 07.40.31

    disagio, frustrazioni, speranze raccontate in linguaggio e stile sempre personali ma più maturi. come altri scorci, bella la conclusione con san miniato e ,anche se maddalena "diceva che quella non era firenze", essa è il più forte indizio che, come pensa annabel, "altro che ardere: la verità è che sono io che ardo per questa città". è un fuoco che si conserva nelle "braci"; ecco perché si parte ma si torna, al di là di ogni inattuale ricerca di radici o di inattuale formazione.

  • User Icon

    maria teresa burzi

    17/12/2011 11.48.01

    Disagio, frustrazioni, speranze raccontati con linguaggio e stile sempre personali, ma più maturi. Belli gli scorci della città, bella la conclusione con San Miniato e,anche se Maddalena " diceva che quella non era Firenze ", essa è il più forte indizio che, come pensava Annabel, " altro che ardere : la verità è che sono io, che ardo per questa città ". E' un fuoco che si conserva nelle "braci"; ecco perché si parte, ma si torna, al di là di ogni inattuale ricerca di radici o di inattuale formazione.

  • User Icon

    Ciccibum

    13/11/2011 14.19.21

    era dai tempi di pratolini che non veniva scritto un libro così espolorativo sulla nostra amata/odiata Firenze......

  • User Icon

    Albe

    31/10/2011 13.30.32

    Santoni è un visionario vero, e pochi in Italia hanno la sua straordinaria capacità di prosa. Ora però vogliamo da lui un romanzo lungo.

  • User Icon

    zub zubi

    26/10/2011 20.00.06

    Firenze è una bomboniera, diceva qualcuno, e anche questo libro è una bomboniera, ma come quella di HELLRAISER: bella e geometricamente perfetta fuori come la città stessa, e piena di abissi e inferni personali dentro.

  • User Icon

    oriana oliva

    24/10/2011 20.07.15

    Ho trovato il libro di Santoni esilarante. sono stata trasportata in questo turbinio di viuzze, monumenti, porte e opere d'arti e nella miscela di moderno ed antico data dai personaggi, dove a volte si sentiva l'atmosfera decadente dei nostri giorni ed in altre la nostalgia della precedente generazione che ha vissuto un mondo che non trova più ( eppure mi hai fatto rivivere il periodo del Tenax e di Piero Pelù...) mi è piaciuto molto l'uso della punteggiatura così morbida e veloce, vedevo i personaggi a volte immobili e volte svolazzare per i vicoli della città... mi hai anche ricordato un Joyce moderno, questo flusso di pensieri incessanti che si muovono nella Firenze che diventa noir seppur sempre dorata e perfetta nella sua struttura...

  • User Icon

    PERRO

    18/10/2011 23.07.23

    Santoni porta il romanzo in Contromano Laterza - caratteristica spiccante di questo libro, denso comunque di liriche descrizioni e dialoghi da commedia tra amici miei e ionesco, è l'essere ad ogni effetto romanzo, spostando quindi il tiro della fortunata collana, che dunque si dimostra capace di rinnovare sé stessa oltre che lo stagnante mondo della narrativa italiana contemporanea.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione