Se mai un giorno

Marco Vichi

Editore: Guanda
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 5 luglio 2018
Pagine: 281 p., Brossura
  • EAN: 9788823521100

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Racconti

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    patrizia b.

    28/08/2018 17:35:12

    Davvero scarsino, scritto in fretta e male oppure una raccolta di vecchie cose messe insieme.Le storie del Bangladesh avrebbero proprio avuto bisogno d'altro.

  • User Icon

    Barbara Missaglia

    15/08/2018 08:55:10

    Ho letto ogni cosa di questo autore e anche se qualche rara volta, i suoi libri mi sono sembrati angoscianti, tipo quello sulle Donne, nella maggior parte dei casi li ho amati dalle prime parole, specialmente nero di luna e, ovviamente, tutti quelli del commissario Bordelli. Ma questo libro proprio no, non sono nemmeno riuscita a finirlo. Ammetto di non amare i racconti ma Vichi mi aveva abituata a bei racconti che però questa volta non mi sono sembrati all'altezza. Peccato

  • User Icon

    milano1954

    04/08/2018 07:51:48

    noiosissimo coacervo di luoghi comuni della piu' vetera sinistra radical chic contro le varie categorie della borghesia italica. Una narrazione della società italiana fatta da chi vive completamente fuori dalla realtà e che ripete stancamente luoghi comuni di quarant'anni fa.

  • User Icon

    Michele Vaccaro

    02/08/2018 14:41:16

    Un Vichi in gran forma, racconti di altissimo livello, con almeno cinque capolavori (Cara Virginia, Il vicino di casa, Il macellaio, Eppur si vive, Notturno). Molto interessante anche la seconda parte del volume, interamente dedicata a storie ambientate nel Bangladesh. Vichi non tradisce mai.

  • User Icon

    Sergio

    10/07/2018 14:42:38

    Un po' diverso dall'abituale Vichi, anche se la scrittura mantiene il ritmo meraviglioso di sempre. Sono personaggi seri, quelli di Vichi, non sono mai commedie i suoi libri. Ma il dramma si unisce alla vita quotidiana e tutto viene ricondotto alla "normalità". Un libro veramente da leggere.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Se mai un giorno è una raccolta di racconti nella quale ogni storia, anche quando prende le mosse da eventi quotidiani e all’apparenza insignificanti, ha il dono di saper aprire un varco per far riflettere sulla realtà.

Per scelta dell’autore, la raccolta è divisa in due parti, vicine nello stile, ma lontane per ambientazione e contenuti. Nella prima sezione, Vichi mette in scena vicende brevi, servendosi di uno stile e un linguaggio diretti ed incisivi, senza fronzoli, che a tratti calano sugli eventi un velo cinico e disincantato. D’altra parte, la tecnica narrativa ben si accorda all’intento di mettere sotto i riflettori i turbamenti e le bassezze dei protagonisti, quasi sempre uomini con esistenze del tutto ordinarie, dalle quali Vichi isola ed estrapola episodi che fanno emergere quella parte oscura che ciascuno cerca di tenere nascosta. È in queste zone d’ombra che si celano le dipendenze, le mancanze e le incapacità che l’autore mette a nudo senza filtri, con spiazzante onestà.

La seconda parte dell’opera include invece una serie di racconti ambientati in Bangladesh; è preceduta da una sintetica nota nella quale l’autore motiva la sua scelta e spiega che le vicende narrate sono state a lui riportate da chi invece le ha vissute in prima persona. In questa seconda sezione, il focus si allarga: oggetto di analisi non sono più distorsioni e perversioni dell’individuo, ma dell’intera società. È questa a forgiare, sotto la spinta dell’omologazione e dell’abitudine, norme assurde e incoerenti che ricadono sulle spalle di chi non può o non vuole ribellarsi, generando una catena di sfruttamento e sofferenza.

Marco Vichi, classe 1957, è autore di numerosi romanzi, tra i quali spicca la serie dedicata alle indagini del commissario Bordelli; vincitore del Premio Scerbanenco nel 2009, ha tenuto corsi di scrittura creativa in diverse città italiane.