I secoli bui del Medioevo. Curiosità, misteri e superstizioni di un'età tutta da scoprire - Giuseppe Staffa - copertina

I secoli bui del Medioevo. Curiosità, misteri e superstizioni di un'età tutta da scoprire

Giuseppe Staffa

0 recensioni
Scrivi una recensione
Editore: Newton Compton
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 6 dicembre 2018
Pagine: 671 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788822723567

95° nella classifica Bestseller di IBS LibriStoria e archeologia - Storia - Dalla preistoria al presente - 2. Storia: dal 500 d.C. al 1450-1500 d.C.

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,20

€ 12,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un viaggio attraverso i secoli oscuri alla riscoperta del Medioevo: in quell'apparente decadenza, i germi di una grande rinascita.

Paragonati allo splendore dell'antichità classica, i secoli che seguirono il perio¬do romano vennero definiti "oscuri" da Petrarca. Una definizione che finì per identificare gli anni tra il 476 d.C., data della caduta dell'impero romano d'Occidente, e l'Anno Mille, che gli storici definiscono Alto Medioevo. Solo un'assidua rilettura ha finalmente permesso di restituire questo periodo alla sua reale dimensione storica: a ben vedere esaltante. Basta ricordare come la tradizione dell'impero romano costituì la base per una coscienza comune dell'Occidente. Per non parlare della nascita del libro inteso nella forma che noi conosciamo, o delle evoluzioni tecnologiche che permisero un profondo rinnovamento del settore agricolo. Un periodo, quindi, ingiustamente definito "di decadenza". Questo saggio vuole essere un contributo alla riscoperta di quell'età, non solo per comprendere meglio la reale entità dei cosiddetti "secoli oscuri", ma anche per interpretare il mondo attuale come figlio di quella esperienza.
Note legali