Il seduttore segreto. Psicologia dell'olfatto

Piet Vroon,Anton Van Amerongen,Hans de Vries

Traduttore: C. Di Palermo
Editore: Editori Riuniti
Collana: Futura
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 1 settembre 2003
Pagine: 256 p., Brossura
  • EAN: 9788835954293

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Psicologia - Coscienza e psicologia cognitiva - Percezione

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione
"L'olfatto è il senso del ricordo e del desiderio" scriveva Rousseau. Eppure l'olfatto è forse il più trascurato dei nostri sensi, soprattutto in confronto alla vista o all'udito. Platone lo definì un senso animale mentre per Freud era associato alla fase anale. Nel corso di questa trattazione, Vroon sottolinea l'importanza di questo senso straordinario combinando i risultati della ricerca scientifica con teorie più speculative. Dopo interessanti cenni storici, l'autore passa ad analizzare la struttura e il funzionamento dell'odorato nell'uomo e negli animali, lo sviluppo dell'olfatto nelle diverse fasi della vita, il legame tra odori, memoria e comportamento, il significato dei profumi e il rapporto tra olfatto e malattie.

€ 7,00

€ 14,00

Risparmi € 7,00 (50%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

€ 14,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Pubblicato per la prima volta in Olanda nel 1994, Il seduttore segreto è il frutto della collaborazione di tre studiosi (due psicologi, Piet Vroon e Hans de Vries, e un biologo, Anton van Amerongen) accomunati da un'identica passione per il senso dell'olfatto, e in particolare per il ruolo che questa percezione gioca nell'esistenza umana. Vroon e i colleghi si addentrano in un campo estremamente affascinante, ma ancora poco esplorato, i cui meccanismi rimangono in gran parte mal conosciuti. Se infatti negli ultimi decenni sono stati compiuti grandi progressi nello studio dell'olfatto in alcuni animali, per quanto riguarda l'uomo i meccanismi della percezione degli odori e il ruolo dei feromoni rimangono ancora in buona parte da decifrare.

Il libro, piacevole e di facile lettura, può essere un'utile introduzione per chi si vuole avvicinare all'olfatto come campo di studi, ma anche per chi cerchi solo le risposte ad alcune curiosità riguardanti il naso e gli odori. Oltre a sezioni più tecniche (i primi tre capitoli), trattate in maniera chiara e non troppo approfondita, non mancano infatti gli aneddoti e l'analisi di casi e di esperimenti di laboratorio che permettono anche ai non addetti ai lavori di apprendere senza problemi le funzioni fondamentali dell'odorato.

Si scopre così il legame dell'olfatto con la memoria (tutti conoscono il caso della madelaine di Proust, ma forse non è così noto il modo in cui l'odore può richiamare impressioni e ricordi anche molto lontani nel tempo) e il suo intreccio con le emozioni: l'apparato olfattivo intrattiene un rapporto privilegiato con l'amigdala e l'ipotalamo, centri regolatori dell'emotività. Utili indicazioni e curiosità si trovano anche nei capitoli sulle variazioni nelle capacità di riconoscimento degli odori in base all'età e al sesso (le donne hanno un olfatto mediamente migliore degli uomini), e sull'influenza degli odori sul comportamento; a proposito di quello sessuale, Vroon fa il punto sugli studi riguardanti il supposto ruolo dei feromoni nella specie umana, e avanza l'idea che questi abbiano perso importanza con l'affermarsi della vita in società. La stabilità della coppia, necessaria per condividere il duro compito di allevare i figli, risultava minacciata dall'attrazione che i feromoni femminili esercitavano sugli altri uomini del gruppo.

Nel testo sono trattati vari altri argomenti, allo scopo di fornire un panorama il più possibile completo e riassuntivo di ciò che si conosce sull'olfatto. L'impressione alla fine della lettura è però che questa ricchezza di temi faccia perdere incisività e profondità al testo, che risulta forse eccessivamente vasto negli argomenti toccati. Un po' didascaliche le conclusioni, con consigli e raccomandazioni sull'olfatto, il suo legame con le malattie, sui disturbi olfattivi e altro; soddisfano molte curiosità, con tono volutamente divulgativo.

Uno dei meriti maggiori del libro è senz'altro quello di rendere cosciente il lettore dell'onnipresenza degli odori, e della loro capacità di influenzare, spesso inconsciamente, i nostri comportamenti e il nostro umore. In una società in cui il ruolo degli odori e dell'olfatto sono stati storicamente ritenuti marginali, Vroon richiama l'attenzione sul potere del naso, il seduttore più segreto e misterioso che possediamo.