Categorie
Collana: Saggi
Anno edizione: 2016
Pagine: 266 p. , Rilegato
  • EAN: 9788820061234

Indice

I. Carrai, il prestacasa di Renzi
II. Dallo storytelling allo storyballing
III. La strategia della disattenzione
IV. Renzi, il consulente finanziario di Mps
V. La banca e un mistero di nome Carboni
VI. Il sardo muto che però parla
VII. Il fratello della ministra e il conto riservato
VIII. La truffa della banca islamica
IX. La truffa del principe arabo
X. Gli intrecci bancari del Giglio magico
XI. Le vacanze di Renzi e le minacce ai giornalisti
XII. I quattro amici del bar nella stanza dei bottoni
XIII. L'uomo dei servizi. Di sicurezza
XIV. La Costituzione che piace alla banca
XV. Una Repubblica fondata sui conflitti. D'interesse
XVI. «Libero» e l'inchiesta sul papà di Renzi
XVII. Coop, soldi e parentele

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manuela Capri

    23/10/2016 08.47.21

    Desidero solo porre l'attenzione sull'umiliazione provocata dagli stipendi spropositati dei nostri governanti, che in continuazione parlano di riforme , di referendum ma in concreto si fermano, restano immobili di fronte alle quotidiane e principali necessità di chi, a fatica, riesce a sopperire alle principali esigenze che il caro costo della vita impone. Da anni, oramai, i politici vagano nel tentativo di ristabilire equità e giustizia fra i poveri. Ma le tasse aumentano ogni giorno di più. Così pure le spese sanitarie. Ammalarsi è diventato un lusso che solo i ricchi possono permettersi. Invecchiare non è un verbo piacevole per chi possiede poco denaro. La mia vicina di casa (di 86 anni, invalida, con glaucoma ad un occhio) deve continuamente rinunciare a cure mediche, escluse dal sistema sanitario pubblico, dalle quale la sua patologia riuscirebbe a trovare sollievo. E che cosa dire di tutti quei colliri non mutuabili di cui da sola deve sostenere il relativo costo (elevatissimo), pur essendole stata riconosciuta un'invalidità del 100 per cento? Le criticità sono tantissime, ma la classe politica si affanna solamente a mantenere intatto il proprio stipendio, il proprio potere. A che cosa potrà mai servire il referendum del 4 dicembre? Chiediamolo ai giovani che si devono immettere nel mondo del lavoro. E' giunta l'ora di aiutare anche loro. Chi verrà in nostro aiuto? Forse la Chiesa? Come può accadere che la Chiesa voluta da Cristo possieda addirittura uno Stato, una Banca, appartamenti lussuosissimi, un esercito? ... "Gesù entrò nel tempio e scacciò tutti quelli che vi trovò a comprare e a vendere..." . Ma la vera Chiesa, quella voluta da Cristo, è esistita veramente? ... forse solo per circa quarant' anni. La ricchezza , la brama del potere ha raggiunto da secoli anche la sede di Pietro, successore di Cristo. Un aiuto potrà venire da quei giornalisti che , come Lei, sono liberi professionisti e non "dipendenti di un partito politico". Grazie.

Scrivi una recensione