-15%
Semantica delle rovine - copertina

Semantica delle rovine

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: G. Tortora
Editore: Manifestolibri
Collana: Esplorazioni
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 1 ottobre 2006
Pagine: 405 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788872855089
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 25,50

€ 30,00
(-15%)

Punti Premium: 26

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Semantica delle rovine

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Semantica delle rovine

€ 30,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Semantica delle rovine

€ 30,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nelle rovine, diceva Georg Simmel, si avverte quasi sempre la vendetta della natura per la violenza subita dallo spirito, che altro non è che l'intero processo storico dell'umanità. Oggi la rovina, rispetto all'aura estetizzante che l'avvolgeva negli orizzonti settecenteschi e in quelli romantici, è sempre più la perturbante incarnazione dei tempi che viviamo, potente allegoria del mondo globalizzato. Più che a rammentarci la caducità di ogni cosa, la rovina diventa sempre più il simbolo che ci chiama a un incondizionato e vigile principio di responsabilità. Questo volume raccoglie i testi di numerosi studiosi di varia estrazione disciplinare che si misurano con il tema della rovina (e delle macerie), fornendone molteplici rappresentazioni e verificandone l'impatto sul terreno della pensabilità politica.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Oradour-sur-Glane. In questo piccolo villaggio francese nel giugno del '44 si consumò un eccidio a opera di soldati nazisti. Il villaggio, per una scelta precisa, non è stato ricostruito ed è diventato un museo a cielo aperto di rovine. Oggi quelle macerie si trovano in simbiosi con la vegetazione che lentamente è loro cresciuta attorno. Un'immaginaria ghirlanda di moderne, leopardiane ginestre prova a riportare la vita nel luogo simbolo della più devastante delle distruzioni. E conferma la profonda verità di quell'idea di Simmel per cui nella rovina si manifesta il conflitto insanabile tra natura e spirito, o meglio prende corpo la vendetta della natura contro lo spirito che l'ha costretta tra le spire del proprio dar forma.
Ma qual è il significato della rovina oggi? Per Maria Ercolino ormai "le rovine hanno incluso la società intera al punto che esse non documentano più il passato quanto, piuttosto, il presente, come mute testimoni di un evento, di un momento, di una responsabilità".
È un passo di quello che forse è il saggio centrale di questa raccolta a cura di Giuseppe Tortora. Un libro che mette insieme i contributi scientifici presentati da diversi studiosi in occasione del convegno "Rovine e macerie" tenutosi a Pompei nel novembre del 2005. La domanda ancora una volta è: come fare un buon uso delle rovine? Ercolino, nel suo Il trauma delle rovine, passa in rassegna diversi modi di elaborare il lutto architettonico in diversi contesti storico-geografici. Si può infatti restaurare e ricostruire daccapo, cancellando le tracce della distruzione, oppure si può mantenere lo stato rovinoso dei resti come monito perenne e come pungolo per una rinascita. Dalle scelte fatte nella Dresda bombardata del secondo dopoguerra alle proposte di Daniel Libeskind per il monumento di rovine a Ground Zero, quest'ultima opzione sembra quella capace di non rimuovere un passato che, proprio in quanto introiettato a fondo, diventi molla verso la costruzione di un futuro meno vulnerabile.
Due sono i dioscuri i cui nomi ricorrono di più in questi saggi: Freud e Benjamin. Per il primo segnaliamo almeno il lavoro di Antonio Vitolo, Caducità, entropia, ginestre, in cui il discorso sulle rovine è legato a quello freudiano su lutto e malinconia. La rovina come segno duplice di caducità e riscatto. "Se c'è un fiore che fiorisce una sola notte, non perciò esso ci sembra meno prezioso" (Freud). Ma Benjamin risponderebbe che "una volta è nessuna volta". Le rovine non sono facilmente esorcizzabili. Come si sa, l'angelo della storia si lascia alle spalle un cumulo di macerie e non può in alcun modo fermarsi per "destare i morti e ricomporre l'infranto". Le rovine semmai vanno approfondite, bisogna farsene carico sapendo di non poterle redimere.
La nostra è l'epoca storica in cui distruzione e morte sono diventate alcune fra le merci più vendute sul mercato, come ci spiega Alessandro Dal Lago nel suo bel saggio Strategia degli scarti umani. Punto su cui anche il lavoro di Mario Costa finisce per convergere, anche se a partire da un'altra prospettiva: l'affermarsi prepotente di un "tecnomondo", che nella sua lotta con quello già dato della natura produce resti umani riottosi al cambiamento. Costa rinviene nel verum-factum vichiano, una prima manifestazione filosofica di questo rivolgimento, imposto dalla invasività della tecnica. Non manca una riflessione acuta sui riflessi che il dominio della tecnica proietta nella sfera del diritto, giunto ormai a esautorare l'azione del politico (Le antinomie del diritto di Giuseppe Cantarano).
Alla regola non scritta della distruzione cui è sottoposta la nostra realtà si può opporre la valorizzazione della soggettività vivente. In questo quadro vanno collocati gli sforzi teoretici di Aldo Masullo, che recupera un'idea di tempo come luogo della passione incomunicabile di un io storico che sperimenti su di sé "l'apriori della percezione", e quello molto intenso di Domenico Jervolino in cui, rielaborando concetti di Ricoeur, si sottolinea il nesso tra storiografia e memoria vissuta, nel tentativo di pensare la storia come un "collettivo singolare" in cui intrecciare ricordo e oblio.
Ma Benjamin ci ricorda che: "Il carattere distruttivo è sempre al lavoro. È la natura a dettargli i ritmi, indirettamente almeno: perché deve prevenirla. Altrimenti si incaricherà essa stessa della distruzione". Nel saggio di Giuseppe Pucci Il buon uso delle rovine si racconta come nel 1796 il pittore Robert, tanto amato da Diderot, abbia presentato dei disegni per il progetto di una Grande Galerie al Louvre in forma ancipite, e cioè raffigurandone anche la futura distruzione. Quindi idealmente anticipandola. Qualcosa di simile fece Speer, architetto del Terzo Reich, nella progettazione di deliranti edifici nazisti.
Ma qualcuno aveva già compreso e spiegato: "Il carattere distruttivo non vede alcunché di duraturo. E proprio per questo scorge ovunque vie d'uscita (…) Tuttavia, proprio perché scorge ovunque una via d'uscita, deve anche sgomberarsi ovunque la strada (…) riduce l'esistente in macerie non per amore delle macerie ma della via d'uscita che le attraversa" (ancora il critico berlinese). Come si potrà non fare un uso delle rovine migliore?
  Gabriele Fichera
Note legali