Senza nome. Ediz. integrale - Adriana Altavilla,Wilkie Collins - ebook

Senza nome. Ediz. integrale

Wilkie Collins

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Adriana Altavilla
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,16 MB
Pagine della versione a stampa: 637 p.
  • EAN: 9788854190160

€ 3,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Traduzione di Adriana Altavilla
Edizione integrale


A Combe-Raven, la pacifica dimora della famiglia Vanstone, la vita scorre serena, fin quando l’uggiosa mattina del quattro di marzo del 1846 non arriva una misteriosa lettera con il timbro di New Orleans, le cui conseguenze saranno catastrofiche. Nel giro di pochi mesi, infatti, le sorelle Norah e Magdalen restano orfane di entrambi i genitori e, a causa delle crudeli leggi dell’Inghilterra vittoriana, finiscono sul lastrico, senza casa e senza più il becco di un quattrino. Norah, più mite e riservata, accetta il capovolgimento di fortuna con muta rassegnazione e sceglie la strada del duro lavoro, impiegandosi come governante, mentre Magdalen, bella, sanguigna e determinata, decide di combattere per cercare di riprendersi ciò che le appartiene. Riuscirà a vendicarsi dei soprusi subiti?


Wilkie Collins

(1824-1889), figlio di un pittore paesaggista, studiò Legge senza mai praticare la professione, attingendo alle conoscenze del crimine maturate per le sue opere. La fortuna arrivò dopo l’incontro con Dickens, che pubblicò gli scritti di Collins sulle sue riviste, inaugurando un rapporto di lavoro e di amicizia che durò dieci anni. Fu un autore molto prolifico, scrisse venticinque romanzi, più di cinquanta racconti e numerose opere teatrali. Di Wilkie Collins la Newton Compton ha pubblicato La donna in bianco e Senza nome.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Laura

    18/09/2018 15:49:36

    Due sorelle, un destino comune per un'eredità che non ottengono in quanto senza nome di fronte alla legge. Il desiderio di riprendersi il mal tolto da parte di Magdalen, l'accettazione passiva degli eventi di Norah. Mistificazioni, travestimenti e intrighi per un finale tutto da assaporare. Romanzo vittoriano con stile tipico della pubblicazione a puntate, scansione lenta e piacevole per una lettura rilassante e appagante. Collins non delude neanche con questa storia che, come da prefazione, ritrae la lotta di un essere umano sotto le opposte influenze del bene e del male.

  • User Icon

    Roberta

    11/05/2018 06:22:43

    Come Dickens, anche Collins mi affascina , sono due “classicisti”, passatemi il termine, che hanno il potere di tenermi incollata alle pagine che non vorrei mai smettere di leggere. In questo bellissimo romanzo, il tema principale , e’ l’amore tra due sorelle, di cui una piu’ forte caratterialmente rispetto all’altra. Il senso di giustizia spinge la piu’ determinata, a combattere per avere quello che spetta di diritto ad entrambe. Ci sono inganni, rancori, amori contrastati, gelosie, il tutto magistralmente raccontato. Una bella storia di carattere psicologico.

  • Wilkie Collins Cover

    Considerato il padre del genere poliziesco, Wilkie Collins, figlio del pittore di paesaggi William Collins, nacque a Londra l'8 gennaio 1824. Dopo aver cercato senza successo di intraprendere una carriera commerciale, studiò legge e nel 1851 ottenne l'abilitazione all'avvocatura. Non praticò però mai la professione legale e utilizzò la conoscenza del crimine nei suoi scritti. Oltre alla passione per la scrittura, coltivò anche quella per la pittura, ed espose le sue opere alla Royal Academy in una mostra nell'estate del 1849.Nel 1852 conobbe Charles Dickens, con il quale iniziò una duratura amicizia. Scrisse per la sua rivista, un settimanale, "Household Words", e insieme viaggiarono in Francia, dalla quale tornarono con la... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali