Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

I Settanta. Da William Burroughs ai Clash, da Allen Ginsberg a Patti Smith. Avventure nella controcultura - Barry Miles - copertina

I Settanta. Da William Burroughs ai Clash, da Allen Ginsberg a Patti Smith. Avventure nella controcultura

Barry Miles

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: L. Fusari
Editore: Il Saggiatore
Collana: La cultura
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 24 luglio 2014
Pagine: 266 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788842818588
Salvato in 66 liste dei desideri

€ 20,90

€ 22,00
(-5%)

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

I Settanta. Da William Burroughs ai Clash, da Allen Ginsberg...

Barry Miles

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


I Settanta. Da William Burroughs ai Clash, da Allen Ginsberg a Patti Smith. Avventure nella controcultura

Barry Miles

€ 22,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

I Settanta. Da William Burroughs ai Clash, da Allen Ginsberg a Patti Smith. Avventure nella controcultura

Barry Miles

€ 22,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 20,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Greenwich Village, 6 marzo 1970. Tre esplosioni in rapida sequenza sventrano l'elegante palazzo al numero 18 dell'Undicesima Strada Ovest; dalle fiamme escono, confuse ma illese, due ragazze seminude. Domato l'incendio, le forze dell'ordine trovano in cantina più di sessanta candelotti di dinamite, una bomba anticarro e tutto l'occorrente che sarebbe servito al gruppo terroristico Weather Underground per produrre altri ordigni. È l'atto di nascita degli anni Settanta e Barry Miles è a New York per registrarne i primi, turbolenti vagiti. Giornalista inglese sbarcato negli Stati Uniti per lavorare con i grandi della Beat Generation, Miles attraversa la decade più anticonformista e trasgressiva del Novecento e ne sperimenta in prima persona la genialità e gli eccessi. È l'epoca di sesso, droga e rock'n'roll; della cocaina, della pornografia, delle mode estreme; delle stravaganze notturne all'Hotel Chelsea, casa di poeti come Gregory Corso e musicisti come Bob Dylan e Patti Smith, e degli spettacoli drag delle Cockettes, il gruppo teatrale fondato da Hibiscus, alias George Harris, l'hippy con il dolcevita che in una storica fotografia infila un fiore nel fucile di un militare, fuori dal Pentagono. Ossessioni, provocazioni, conquiste. Ci sono tutti i Settanta in questo memoir: gli astri di quegli anni, come le stelle visibili a Manhattan durante il famigerato blackout del luglio 1977, bruciano con un'intensità che non accenna a spegnersi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  Un vecchio e citatissimo adagio recita così: "Se ti ricordi gli anni sessanta, significa che non c'eri". Assunto che vale anche, e forse a maggior ragione, per i settanta. Più ancora dei mitici Sixties, l'acme del sex&drug&rock'n'roll si è avuto nel decennio successivo. Probabilmente il più decadente ed edonistico del secolo scorso. Barry Miles è uno che c'era, sia nei sessanta che nei settanta, e nonostante abbia partecipato attivamente a qualunque momento di (chiamiamola così) ricreazione fisica, chimica e psichica offerto all'epoca, si ricorda molto bene di ciò che ha fatto e (soprattutto) in compagnia di chi. Miles, classe 1943, è stato il fondatore dell'Indica Gallery, libreria e galleria d'arte della Swingin' London (quella in cui John Lennon incontrò Yoko Ono, per capirci) nonché della leggendaria rivista underground "International Times" (It). Sorta di Zelig della contro-cultura, ha conosciuto tutti ed è stato ovunque meritasse stare in quegli anni ruggenti. Ha scritto a quattro mani la biografia di Paul McCartney, suo amico fraterno, e quelle di Frank Zappa, Allen Ginsberg, William Burroughs e Charles Bukowski. Da tempo si è specializzato nella storiografia alternativa, quella che racconta uno snodo fondamentale della modernità (il secondo dopoguerra) concentrandosi su musica rock, letteratura sotterranea, vita notturna, droghe, movimenti artistici off e jet set da bohémien (ossimoro solo in apparenza). Il capolavoro della sua produzione, in questo senso, è lo splendido London Calling (Edt, 2012), dettagliata mappatura della Londra contro-culturale dal 1945 alla fine degli anni sessanta. Il racconto I Settanta riprende proprio da lì, seppur con una prospettiva puramente autobiografica, laddove il testo precedente era invece un saggio. Nel 1970, Barry Miles è un intellettuale hippy ventisettenne che deve riprendersi da una sbornia psichedelica durata quasi sette anni, e coglie al volo l'opportunità di cambiare aria accettando l'offerta di Ginsberg di aiutarlo a registrare su nastro tutte le sue poesie, per un progetto discografico in realtà concretizzatosi solo vent'anni più tardi. Miles si lascia alle spalle Londra e finisce così a New York. Due giorni dopo l'arrivo, esplode una palazzina vicino a casa sua: era un covo dei Weathermen, organizzazione terroristica che stava preparando un attentato (episodio che ispirerà anni dopo a Philip Roth la trama di Pastorale Americana). Un "inizio col botto", come dice lo stesso autore, ma praticamente niente rispetto a quello che vedrà nella "comune di poeti" che Ginsberg ha messo su in campagna (con Gregory Corso e Peter Orlovsky in piena crisi d'astinenza) nella quale si fermerà per diversi mesi, o al Chelsea Hotel, classico stop-over per scoppiati nella Grande Mela di quel periodo. Tra questi ultimi spicca la figura tragicomica di Harry Smith, antropologo-musicologo-pittore-cineasta perso in un delirio privato fatto di droghe, omosessualità repressa e occultismo. Sono comunque gli amatissimi beat (o quel che ne restava) a occupare il centro del palcoscenico nelle memorie di Miles: imperdibile, ad esempio, il capitolo dedicato alle vicissitudini londinesi di Burroughs, al quale dà una mano nella sistemazione dell'archivio di lettere e manoscritti. La tecnica descrittiva è quella della "mosca sul muro": raramente vediamo l'autore interagire con i protagonisti dei suoi ricordi, spesso l'impressione è quella di leggere il report di un testimone inviato per conto nostro sul luogo (e sul tempo) dei fatti. Una tecnica impressionistica (vagamente affine a quella del Kerouac di On the Road) che funziona soprattutto nella prima metà del volume, forse anche per la maggior vicinanza di Miles ai personaggi citati finora. La stramba, complessa, a tratti inquietante umanità dei vari Ginsberg, Burroughs, Smith (ma anche di "comprimari" come Brion Gysin e Lawrence Ferlinghetti) emerge vivida dal taglio aneddotico di Miles. Successivamente, quando questi diventa collaboratore freelance del "New Musical Express" nella seconda metà del decennio, il racconto si fa più dispersivo, slegato e in definitiva noioso. Il Barry Miles giornalista musicale è uno che osserva più da lontano le vicende di cui narra rispetto al Barry Miles collaboratore/amico dei poeti beat, o forse semplicemente i musicisti punk rock (Clash, Patti Smith, New York Dolls) offrono più retorica e luoghi comuni che episodi interessanti da raccontare. Nonostante questa evidente perdita di ritmo sul finale, I Settanta rimane un testo imprescindibile per chiunque nutra anche soltanto un vago interesse per quegli anni e quei luoghi. Una volta tanto rivisitati senza ricorrere alla mitologia postuma. Per lo stesso motivo, chi è al contrario indifferente al fascino "maledetto" di quel periodo e non possiede uno schema di riferimento entro cui inquadrare le vicende narrate da Miles troverà poco per cui entusiasmarsi.   Carlo Bordone
  • Barry Miles Cover

    Scrittore inglese, Barry Miles è noto per la sua partecipazione e i suoi scritti sull'underground a Londra negli anni sessanta. Tra i suoi numerosi libri si ricordano: London calling. La controcultura a Londra dal '45 a oggi (EDT 2012), Frank Zappa. La vita e la musica di un uomo «Absolutely free» (Feltrinelli 2014), I Settanta. Da William Burroughs ai Clash, da Allen Ginsberg a Patti Smith. Avventure nella controcultura (Il Saggiatore 2014), Io sono Burroughs. Una biografia (Il Saggiatore 2016), Zapple. Il diario dell'ultima label dei Beatles (Jaca Book 2019). Approfondisci
Note legali