Seven. Grandi Film

Regia: David Fincher
Paese: Stati Uniti
Anno: 1995
Supporto: DVD

11° nella classifica Bestseller di IBS Film - Giallo e thriller

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,43

€ 7,99

Risparmi € 0,56 (7%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 4 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ciro andreotti

    12/03/2018 14:24:51

    Il detective David Mills e sua moglie Tracy arrivano a Seattle in corrispondenza dell’ultima settimana di lavoro di William Somerset, investigatore della omicidi e nuovo compagno di David. I due indagheranno su una serie di omicidi compiuti probabilmente dallo stesso autore e dettati dal desiderio di punire un’umanità corrotta e ormai priva di morale. Nel più classico dei classici del cinema d’autore - e hard boiled in particolare – s’incastona questa splendida perla firmata dal regista David Fincher su un’idea dello sceneggiatore e soggettista Andrew Kevin Walker, qui alla sua opera prima. Siamo a metà degli anni ‘90 e Brad Pitt era ancora solamente un attore di belle speranze che faceva uso del suo corpo per lasciarsi guardare, come accade nel piccolo ruolo in cui appare in Thelma & Louise. Nel frattempo il non più giovane Morgan Freeman dispensava capacità recitative e letteratura nei panni di un poliziotto prossimo alla pensione, disilluso ma anche speranzoso di dare fino all’ultimo al suo lavoro un’impronta molto personale. Fra i due poliziotti, ai quali s’aggiunge Gwyneth Paltrow nel ruolo della moglie di David; si crea una veloce amicizia cementata da una settimana di lavoro molto particolare e costellata dalla caccia a uno spietato serial killer amante, esattamente come Somerset, di letteratura classica e testi sacri, entrambi molto utili per una ricerca interiore da parte di tutti i protagonisti riguardo cosa sia la loro vita di fronte alle storture del mondo. Un film claustrofobico, girato in una perenne penombra favorita dalla pioggia battente che per tutta la pellicola si rovescia sulla città di Seattle. Un film imperdibile per il ritmo serrato e al tempo stesso profondamente psicologico. Imperdibile per una trama che ti lascia incollato allo schermo per oltre due ore. Imperdibile perché il lavoro di David Fincher è la risposta più recente a il Silenzio degli Innocenti di Jonathan Demme riguardo il mostro che si può celare dentro ciascuno di noi.

  • User Icon

    Davide

    19/10/2016 03:36:18

    Come sempre in Fincher è frustrante la presenza unica e preponderante della componente formale, anche se a volte si traduce in espressionismo, che non sopperisce ad una carenza sostanziale imperdonabile. Il tentativo di riempirla con un esoterismo mistico da due soldi è patetico. Ironico e apprezzabile il fatto che la tragedia smuova Freeman da un nichilismo qualunquista ad un altrettanto qualunquista ottimismo pragmatico - temo una sottigliezza più involontaria che altro, trattandosi di mentalità ( e ingenuità ) americana. Spacey sprecato e il personaggio di Pitt è inconsistente ai limiti del ridicolo. Fincher non ci prova nemmeno a fare l'avvocato del diavolo e mettere in ipotesi che l'assassino abbia le sue ragioni. Il male è invece irrimediabilmente irrazionale e la speranza ridotta alla parodia di sé stessa.

  • User Icon

    EUGENIO

    09/09/2015 12:25:49

    Non è male, ma è il film che guardi ogni 10 anni. Perchè il pezzo forte sta tutto nei minuti finali. Che il filo conduttore siano i sette peccati capitali lo dicono subito e poi non ci sono particolari colpi di scena, suspence, bluff o doppi giochi. Se ti ricordi la sequenza dei peccati, ha poco senso riguardarlo, perchè la trama ha diversi luoghi comuni.

  • User Icon

    Braggart

    08/05/2015 22:15:35

    L'idea dei sette peccati capitali è ben orchestrata....la coppia Pitt-Freeman funziona...lo sviluppo della trame e la scenografia ti tengono incollato allo schermo....finale spettacolare...

  • User Icon

    Mr Gaglia

    29/01/2015 14:03:41

    Probabilmente il miglior lavoro di Fincher degli anni '90, Seven è stato un capolavoro di tensione e suspance, che tiene col fiato sul collo per tutti e sette i giorni della durata dell'indagine. Il film col tempo è diventato un vero cult: anche se molte volte rischia l'approccio grottesco alla vicenda, si mantiene su uno schema ben preciso ed ha una struttura a matrioska, con i vari tasselli da sfogliare fino alla risoluzione finale per quanto dolorosa e inaspettata. La fotografia mantiene il film sui binari dell'oscurità fredda, umida e cupa, dandoci l'impressione che in ogni scena domini l'effetto notte. Giocato per la maggior parte sull'introspezione psicologica e sui parallelismi tra carnefice e uomini di legge, il film si regge complessivamente sulle grandi interpretazioni di Brad Pitt e Morgan Freeman. David Fincher calca anche la mano sul delicato rapporto tra Freeman e Pitt, nel quale fa capolino di tanto in tanto la moglie di quest'ultimo (una Gwyneth Paltrow funzionale in un ruolo delicato eppure mai banale): il parallelismo è evidente ed è chiaro che si vorrebbe ricreare un certo rapporto come di paternità tra i due uomini, con uno spunto di rapporto abbastanza marcato. Interessante anche la figura del serial killer: anche se potrà apparire banale la matrice pseudo religiosa del suo operato, non si può non rimanere colpiti da come la sua figura viene delineata, con cura e a volte anche con discrezione: anche Kevin Spacey è super promosso! Seven verrà ricordato per un finale eclatante eppure bellissimo.

  • User Icon

    cristian

    03/11/2008 19:44:28

    capolavoro nel suo genere!ottimi sia brad pitt che morgan freeman con finale interpretazione di Kevin Spacey breve ma PERFETTA.da vedere rivedere e rivedere ancora.

  • User Icon

    michela

    19/04/2005 09:42:57

    bhè!?!? che dire... brad fa un po' il bullo e morgan freeman è un bravissimo attore!!!!!!1 un film bellissimo con finale che ti lascia un po male... ma forse è proprio bello per questo!!!!!!!!!!!

  • User Icon

    Piciolino

    28/11/2003 09:41:02

    Bello

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Un thriller di culto

Trama
Dal romanzo di Andrew Kevin Walker. Ci sono sette delitti ispirati ai sette peccati capitali. Un obeso (la gola) viene ucciso col cibo. Un avvocato famoso per l'avarizia, prima di essere ucciso è stato costretto a mangiare un pezzo di se stesso. E così via per le altre vittime, che vengono uccise secondo la pena del contrappasso rispetto agli altri peccati capitali: accidia, superbia, ira, lussuria, invidia.

  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2007
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Durata: 128 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1);Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2