Recensioni Severina

  • User Icon
    07/06/2012 15:23:24

    Consigliato a chi adora i libri e le storie semplici. Una piacevole lettura intrigante e spensierata. Un sorbetto al limone nel pranzo nuziale della letteratura.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/06/2012 07:48:37

    sulla fascetta attorno al libro si legge: "il miglior tessitore di storie, la stella più luminosa della mia generazione" firmato Roberto Bolano. ehm.... resto basita! francamente non conoscevo Rey Rosa ma se devo basarmi su questo libretto per farmene un'idea, penso che in futuro lo eviterò. è una storia raffazzonata, priva di spessore, senza dialoghi di rilievo, campata per aria. non affascina, non ha poesia, sebbene il soggetto sembrasse ben sviluppabile. credo ci vogliano molte più creatività e sensibilità a scrivere una storia, seppur brevissima, per l'infanza, di quante ne abbia usate l'autore in questo libro. non lo consiglio per nulla.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/05/2012 10:08:54

    Anch'io mi sono sentita un Findus! Questo romanzo non mi ha suscitato emozioni...solo il dispiacere di averlo comprato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2012 08:47:10

    Tanto rumore per nulla. Nonostante le parole entusistiche del grande Roberto Bolano sull'autore, stampate sulla fascetta editoriale, questo breve racconto di Rey Rosa mi lascia surgelato come un bastoncino Findus, e dopo averne atteso la pubblicazione col batticuore del lettore curioso, amante di queste storie paraletterarie. Invece è un compitino semplice semplice, senza alcuna lama che ti entra nell'anima, senza clangori e luminosità, con dialoghi da terza media e un plot al limite del risibile. Questa moda italiota di tradurre da tempo quasi tutta la letteratura di lingua spagnola dove ci porterà? cominciamo ad essere meno provinciali, cancelliamo tanti nomi e diamo la possibilità ai nostri talenti (ma ci sono?) di pubblicare. L'editoria in Italia sta da anni assumendo la fisionomia delle squadre di calcio: su 11 giocatori 10 sono stranieri, così i vivai muoiono di asfissia, come le belle, corpose narrazioni che nessuno leggerà mai.

    Leggi di più Riduci