Shadows and Light

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Joni Mitchell
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Warner.Esp
Data di pubblicazione: 29 maggio 1990
  • EAN: 0075596059022

11° nella classifica Bestseller di IBS Cd musicali CD - Pop Rock internazionale - Cantautori internazionali

€ 7,90

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Introduction
2
In France They Kiss On Main Street
3
Edith and the Kingpin
4
Coyote
5
Goodbye Pork Pie Hat
6
The Dry Cleaner from Des Moines
7
Amelia
8
Pat's Solo
9
Hejira
10
Dreamland
11
Band Introduction
12
Furry Sings the Blues
13
Why Do Fools Fall in Love
14
Shadows and Light
15
God Must Be a Boogie Man
16
Woodstock
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Nicola Intrevado

    26/02/2011 16:38:24

    Ritmi raffinatissimi, arrangiamenti di classe e di gusto, elaborati fino ad una complessita' tale da rendere molto impegnativa l' intelleggibilita' della melodia al primo ascolto, quindi al di la' di ogni banalita' dei nostri giorni privi del tutto di contenuti come vuoti a rendere. La voce, seducentissima a dispetto della dimessa presenza della Mitchell che appare come un insegnante severa ma giusta, si muove sinuosa, avvolta a spirale tra le note di un brano come Coyote con un riff di assoluta capacita' di seduzione ; con il suo inglese comprensibile gia' dopo due lezioni con le dispense comprate all' edicola della stazione. Il tempo di arrivare a Bologna da Termoli e gia' ne comprendi il senso. E, questo perche' : una diva e' sempre tale anche quando del tutto priva di inutili orpelli a distrarre gli sciocchi e fondali di isole lontane pulite come pavimenti di banche svizzere. Certo le frequentazioni sono delle migliori a giudicare dai nomi dei collaboratori, Joni sa scegliere, e bene, i suoi amici, e non credo abbia mai frequentato i peggiori bar di Caracas ma, eleganti sale da concerto dove al posto del bancone unto di chiazze di rhum e gin dozzinale fa bella mostra di se' un lucido, nero, Steinwey & Son. Superficie che riflette intera la figura della sua grazia di grande singer. Attenzione a come vi appoggiate le mani, nell' essere rapiti dalla sua muscica, potreste lasciare macchie di toppe ai gomiti, sporche per aver sfiorato troppa gente e poter giungere in prima fila per sentirla respirare questi pezzi. Gloriosi. Se intanto, comunque, lo avete fatto, potete sempre ripulire la superficie usando gli spartiti delle cantautrici di queste nostre fiere paesane.

| Vedi di più >
Note legali