Categorie

Sylvie Ménard, Lisa Vozza

Editore: Mondadori
Collana: Ingrandimenti
Anno edizione: 2009
Pagine: 240 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804585947

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrea

    17/02/2009 11.40.28

    Gli aspetti più interessanti del libro sono legati all'esperienza diretta di questa donna che per 40 anni ha curato pazienti oncologici e poi si è ritrovata dall'altra parte; bella la relazione con il figlio (che le dà della bugiarda, dopo aver scoperto su internet che il male della madre è inguaribile, mentre lei cercava di minimizzare), la critica a un certo tipo di sistema sanitario che non presta attenzione ai bisogni del paziente (il dolore, il dramma della depressione) e, soprattutto, è interessante la distinzione che la Dr.ssa Ménard fa tra "inguaribile" e "incurabile". Quando si arriva a temi più etici, come quello dell'eutanasia e del testamento biologico, il libro diventa invece un manifesto clericale; il paradosso è che la Dr.ssa Ménard è atea. Eppure le sue posizioni, oggi, sono al 100% contrarie a eutanasia e testamento biologico. Ho capito e ho trovato interessante il suo bisogno di difendere la vita, ma per finire gli aspetti più bioetici che si mischiano al politico mi hanno un po' infastidito. Chi invece ha pareri opposti ai miei su questo tema troverà un lungo argomentario a sostegno delle sue convinzioni. Testimonianza comunque interessante e non priva di momenti di humour.

Scrivi una recensione