Traduttore: L. Lax
Editore: Corbaccio
Anno edizione: 2017
Pagine: 224 p., Rilegato
  • EAN: 9788867002948
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 13,94

€ 16,40

Risparmi € 2,46 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Endo ritrae, con la visione d’insieme di uno storico e l’afflato lirico del poeta, le violenze subite dai cristiani giapponesi attraverso una scrittura di un nitore cristallino che esalta la descrizione paesaggistica e l’introspezione psicologica.

È un peccato che il lettore si avvicini a questo portentoso romanzo storico solo in occasione dell’uscita della sua trasposizione cinematografica ad opera di Martin Scorsese. Rischia infatti di esserne irrimediabilmente oscurato. Non merita di finire nell’oblio destinato ai romanzi di buon valore surclassati dalle relative opere cinematografiche a loro ispirati. Un esempio? Forrest Gump. Chi si ricorda dell’ottima prova di Winston Groom adattata da Zemeckis? Penso, almeno qui in Italia, che si possano contare sulle dita di una mano.

Endo, morto alla fine degli anni Novanta e più volte vicino al Nobel, fu una mosca bianca nel panorama della letteratura giapponese. Di famiglia cristiana, i suoi lavori sono fortemente influenzati dall’appartenenza a un credo con scarsissime adesioni in Giappone. Sentitosi sin dall’infanzia un outsider, ha indagato le ragioni per cui il cristianesimo non ha mai attecchito nel paese del Sol Levante, giungendo con Silenzio a ritrarne la principale: le persecuzioni del diciassettesimo secolo.

Immaginando il rinvenimento del diario di un missionario, Endo ricostruisce, con la visione d’insieme di uno storico e l’afflato lirico del poeta, le violenze subite dai giapponesi che abbracciarono il cattolicesimo, portato nel Cinquecento da Francesco Saverio e dai gesuiti. Dapprima ingolositi dalle opportunità commerciali portate dallo sbarco dei portoghesi, i daimyo giapponesi - l’equivalente dei nostri feudatari - si convertirono in massa, obbligando i loro contadini a seguirli, per compiacere i nuovi arrivati e stringere lucrosi patti mercantili. Pessime premesse. Infatti i daimyo fecero presto ritorno all’esercizio dei culti tradizionali una volta appresa l’opprimente esclusività del monoteismo portato dal lontano occidente. Questo, unito alle mal celate ambizioni di conquista degli Europei, spinsero le autorità a sterminare non solo i missionari, ma anche le comunità locali che si erano genuinamente convertite al messaggio cristiano.

Il protagonista è padre Rodrigues, giovane gesuita di stanza a Lisbona, rimasto sconcertato dalle notizie giunte dalla lontana Nagasaki. Il suo mentore, padre Ferreira, campione di fede, scampato più volte al martirio nonostante le terribili torture, ha improvvisamente abiurato. Non si conosce la ragione. Dopo anni di resistenza a indicibili violenze fisiche e psicologiche non può aver semplicemente ceduto. Avrebbe preferito un nobile martirio. Il suo allievo vuole indagare i motivi di un gesto tanto inspiegabile e accompagnato da altri due missionari, si recherà verso il lontano Cipango - il nome dato a quei tempi al Giappone - non solo per ritrovare Ferreira ma anche per lenire le sofferenze di una comunità di fedeli oramai ridotta all’osso, costretti alla clandestinità.

L’intento di Endo è chiarissimo. Innestare sulla possente intelaiatura di un romanzo storico riflessioni sull’intolleranza, la chiusura mentale del suo popolo e l’imperialismo europeo, servendosi al contempo di una scrittura di un nitore cristallino che valorizza la descrizione paesaggistica e l’introspezione psicologica. Il diario del missionario sembra una raccolta di appunti di un pittore intento a ritrarre l’anima del Giappone, le cui risaie, ridotte in paludi, paiono rappresentarne il cuore nero, avvizzito dalle persecuzioni e dalla miseria in cui versano non solo i cristiani clandestini, ma tutti i contadini piegati dall’iniquità sociale. Non bisogna dimenticare la data di uscita di questo romanzo, quel 1967 che precedette di un anno la contestazione studentesca. Anche in Giappone si verificarono moltissime proteste, all’insegna della denuncia dell’imperialismo statunitense in Vietnam e dell’ipocrisia della società nipponica, rinvigorita da un boom economico sorto sulle ceneri radioattive di Hiroshima e Nagasaki e favorito da quel nemico che, dall’altra sponda del Pacifico, trasmetteva il credo consumista, pronto a erodere le antiche radici di una cultura millenaria. Endo assorbì queste tensioni, riuscendo a traslarle in un romanzo che rifiuta il paradigma dello scontro di civiltà o la riduzione dell’appartenenza religiosa a mere ragioni socio-culturali, ricordando quella magnifica stagione di piogge di quattrocento anni prima in cui sia a un prete portoghese che a un misero coltivatore di riso sembrava possibile intravedere in quella terra lorda di sangue la speranza di un futuro di pace e mutuo rispetto.  

Recensione di Matteo Rucco

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luisa

    15/09/2017 16:32:01

    Non mi è piaciuto. Scritto in modo prolisso, lento e ripetitivo.

  • User Icon

    Giacomo Ricciari

    12/08/2017 14:17:30

    Una delle tante perseguitazioni dei Gesuiti. Questa volta il teatro e' il Giappone, nel diciasettesimo secolo. Forse poteva essere tradotto meglio.

  • User Icon

    Giuliana

    03/07/2017 15:43:11

    Un racconto raffinato sul silenzio di dio difronte alla sofferenza dell'uomo anche quando questa è a lui dedicata; sulla volontà di potenza dell'individuo in ordine alla fede religiosa messa alla prova dal dolore fisico e, infine, sulla correttezza (efficacia) o meno del proselitismo.

  • User Icon

    Nadia

    29/04/2017 07:06:57

    Un libro che, voltata l'ultima pagina, ti lascia il desiderio di rileggerlo per capirlo più a fondo....

  • User Icon

    stefi82

    13/02/2017 13:00:35

    Temevo che questo romanzo “storico” mi annoiasse. Perché mi ero immaginata il mero racconto del viaggio dei preti Rodrigues e Garrpe in Giappone, alla ricerca del prete apostata, Ferreira. E invece sono stata piacevolmente colpita per due motivi: dallo stile della scrittura dell’autore, appassionante e fluido, la storia è come un serpentone che si snoda tra i dubbi del prete che accompagnano la sua fuga. E dal fatto che il libro è il pretesto per raccontare i dubbi della fede. Più e più volte, quando messo alla prova duramente, Rodrigues si chiede se Dio esista davvero, e perché Quel Dio stia in silenzio. Paragona il suo calvario con il calvario di Gesù, l’orto dei Getsemani, il tradimento da parte di Giuda, la via Crucis… e la morte in croce. Si sente come Gesù che, salito sulla croce, forse dubita dell’esistenza di Dio, se lo chiede, se Gesù, potesse avere i suoi stessi dubbi. Mi ha colpito da questo punto di vista, questa storia, forse perché ho sempre pensato che i preti, loro no, non abbiano mai dubbi sul loro Dio. Mi sono piaciuti molto anche i pensieri dei due sacerdoti, sempre tutti rivolti a una cosa: la povertà e il sacrificio dell’essere cristiano in un Paese inospitale per il Cristianesimo, come il Giappone. Sacrificio che anche oggi alcuni cristiani vivono. Dunque… i dubbi, i problemi, e gli atteggiamenti dei cristiani di allora, sono uguali a quelli dei cristiani di oggi. La fragilità umana di fronte al mistero divino.

  • User Icon

    andrea campi

    06/02/2017 09:49:38

    Mi ha impressionato la delicatezza che l'autore usa per descrivere la debolezza e la fragilità dell'uomo.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione