Sinfonia n.1 - Concerto per archi, pianoforte, timpani e percussioni - CD Audio di Alfredo Casella

Sinfonia n.1 - Concerto per archi, pianoforte, timpani e percussioni

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Alfredo Casella
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Naxos
Data di pubblicazione: 22 giugno 2010
  • EAN: 0747313241378

€ 10,50

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Dopo i 4 CD sulla musica orchestrale di Martucci, il progetto dedicato alla musica italiana del XX secolo affidato all’Orchestra Sinfonica di Roma prevede l’uscita di 4 nuovi CD (disponibili i primi due) sulle opere orchestrali di Alfredo Casella. Dei musicisti che vanno sotto l’etichetta di "generazione dell’80" Casella fu il più sensibile alle tendenze d’oltralpe e il più impegnato nel promuovere la musica e la tradizione italiana all’estero. Poco note le sue Sinfonie, molto rare su CD, presentano un "gigantismo" orchestrale e un’influenza di derivazione mahleriana, ma anche oscillante fra la musica russa e Brahms. Forse la poca fortuna di questi ampi lavori si deve proprio a una mancanza di una precisa cifra stilistica, in favore di una grande varietà di scrittura. Il progetto discografico, che comprende anche brani con il pianoforte solista, è fra le più precise iniziative nel valorizzare i protagonisti del rinnovamento musicale italiano.

Ideatore della Fondazione Arts Academy di Roma, Francesco La Vecchia è ritenuto uno degli interpreti più ispirati del repertorio italiano del Novecento storico, del quale ha realizzato una serie di registrazioni di altissimo livello.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alfredo Casella Cover

    Compositore e pianista. Avviato allo studio del pianoforte dalla madre, visse fino all'età di 13 anni nella città natale, frequentando un ambiente musicale che stava riscoprendo i classici e avvertiva (soprattutto con G. Martucci) l'esigenza di una rinascita della musica strumentale italiana. Trasferitosi nel 1896 a Parigi, continuò lo studio del pianoforte e della composizione in quel conservatorio. Fu allievo di G. Fauré, che insieme a Debussy, Mahler e Strauss, esercitò un sensibile influsso sulle sue prime opere. A Parigi C. venne inoltre a contatto con personalità come quelle di Ravel e di Stravinskij e con la musica di Schönberg, ricevendone impulsi e suggestioni vari e complessi: da una parte l'invito al «dubbio tonale», che determinò la sua produzione fra il 1914 e il 1918, volgendola... Approfondisci
Note legali