Sinfonia n.9

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Anton Bruckner
Direttore: Claudio Abbado
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Deutsche Grammophon
Data di pubblicazione: 27 giugno 2014
  • EAN: 0028947934417
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 20,90

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Deutsche Grammophon, in collaborazione con Accentus Music, pubblica l'incisione della Sinfonia n.9 di Bruckner, registrata nell'agosto 2013 nel corso dell'ultimo concerto tenuto da Claudio Abbado al Festival di Lucerna.
Disco 1
1
1. Feierlich. Misterioso
2
2. Scherzo (Bewegt lebhaft) - Trio (Schnell)
3
3. Adagio (Langsam, feierlich)
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sir John

    10/10/2017 11:37:30

    Ripresa dal vivo a Lucerna nell’agosto 2013 e premiata da Gramophone come Recording of the Year, questa registrazione della Sinfonia n. 9 d Bruckner costituisce l'ultima testimonianza discografica di Claudio Abbado. A mio avviso, la cifra stilistica che distingue l’interpretazione del maestro milanese da tutte le altre è da individuare nella continua e meticolosa ricerca dei chiaroscuri dinamici, che genera un suono orchestrale più morbido, meno roccioso di quello solitamente associato al nome del compositore austriaco, e consente di disegnare linee musicali in cui ad ogni nota sembra corrispondere uno specifico peso espressivo. Esemplari in questo senso non solo le ampie volute melodiche dell’Adagio, ma anche il lirico secondo tema del Feierlich, fraseggiato dall’orchestra con estrema finezza e delicatezza. Lo stesso Scherzo, nel suo incedere quasi danzante, appare alleggerito rispetto alle sonorità ipertrofiche cui ci hanno abituato i grandi interpreti del sinfonismo bruckneriano. Siamo dunque di fronte – come sostiene qualcuno – ad un Bruckner ‘addomesticato’? Prima di rispondere a questa domanda, provate ad attendere i grandiosi climax del primo e del terzo movimento, dove l’impressionante energia sonora sprigionata dalla Lucerne Festival Orchestra risalta ancor di più nel contrasto con le dolcissime frasi musicali che precedono. Come sempre, Abbado rifugge le insidie della retorica e della magniloquenza, ma lo fa attraverso una lettura pervasa da un senso di misticismo che non va a sostituire ma ad arricchire l’approccio analitico e razionale tipico delle sue interpretazioni, con risultati stupefacenti. Suggestiva la foto collocata all’interno della custodia. A concerto ormai concluso, i professori d’orchestra si scambiano battute sul palcoscenico, mentre Claudio, solitario e di spalle, se ne va dal lato opposto. Difficile immaginare un’uscita di scena migliore.

  • Anton Bruckner Cover

    Compositore e organista austriaco.La vita e l'opera. Di origine contadina, fu avviato dal padre, che gli impartì anche le prime lezioni di musica, all'insegnamento nelle scuole elementari. Dopo aver terminato gli studi nell'abbazia collegiale di Sankt Florian (nei pressi di Ansfelden), dove ebbe anche lezioni di musica (organo, pianoforte e composizione), nel 1841 fu assunto come maestro elementare nelle scuole di Windhaag e poi di Kronstorf. Temperamento timido e indifeso (fu spesso paragonato a Schubert), B. intensificò in solitudine i suoi studi musicali: soprattutto dell'organo e del contrappunto, che portò avanti da autodidatta. Nel 1848 venne assunto come organista nell'abbazia di Sankt Florian, dove maturò la propria esperienza interiore: il culto cattolico della musica e lo spirito... Approfondisci
  • Claudio Abbado Cover

    Nasce a Milano nel 1933 (figlio di Michelangelo, violinista e musicologo, e fratello di Marcello, pianista e compositore), dove studia composizione, pianoforte e direzione d’orchestra al Conservatorio G. Verdi, con E. Calace, G. C. Paribeni, A. Votto e B. Bettinelli, diplomandosi nel 1957 in direzione d'orchestra all'Accademia musicale di Vienna, dove è allievo di H. Swarowski. Inizia l'attività direttoriale nel 1958 vincendo a Tanglewood (SUA) il premio Kusevickij e nel 1963 il premio Mitropoulos alla Filarmonica di New York.Debutta al Teatro alla Scala nel 1960 e ne sarà direttore musicale dal 1968 al 1986. Ha diretto il Berliner Philharmoniker. Ha fondato nel 1986, per valorizzare i giovani musicisti, la Mahler Jugendorchestra, l’European Community Youth... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali