Sinfonie complete

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 28 novembre 2012
  • EAN: 5028421944531

€ 10,90

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sinfonia n.1 in Mi bemolle maggiore; Sinfonia n.2 in Si minore; Sinfonia n.3 in La minore; Nelle steppe dell’Asia centrale - Registrazioni: 1994, 1996 e 2000
Le sinfonie di Alexander Borodin, autore che si mantenne per tutta la vita svolgendo la professione di chimico, sono pervase da un’atmosfera inconfondibilmente russa e – se sotto l’aspetto stilistico si collocano nel solco della gloriosa tradizione di Mendelssohn e di Schumann – sotto il profilo dei contenuti presentano molti temi popolari del suo Paese e la tipica malinconia dei paesaggi russi. Questo cofanetto doppio contiene le prime due sinfonie di Borodin e la Terza rimasta incompiuta nella versione portata a termine da Alexander Glazunov, oltre a quella che è considerata da molti la sua opera più conosciuta, ossia il poema sinfonico Nelle steppe dell’Asia centrale, nell’eccellente interpretazione di Mark Ermler, ritenuto uno dei massimi specialisti del Tardo Romanticismo russo, alla testa dell’Orchestra del Teatro Bolshoi di Mosca. Un vero e proprio must per tutti gli appassionati del grande repertorio sinfonico russo.

Nato a Leningrado in una famiglia con una profonda vocazione artistica, Mark Ermler (1932-2002) si mise in evidenza soprattutto nel repertorio tardo romantico e nel 1985 venne nominato principale direttore ospite del Royal Ballet di Londra.
  • Alexander Porfirevic Borodin Cover

    Compositore russo. Figlio naturale di un principe georgiano e di una giovane donna della borghesia pietroburghese, fu iscritto nei registri, secondo l'uso russo, come figlio di un servo del padre, Porfirij Borodin. Imparò da solo a suonare il flauto, il pianoforte, il violoncello e l'oboe. A nove anni componeva già alcuni pezzi caratteristici e intorno ai tredici un trio per due violini e violoncello su un tema di Roberto il diavolo di Meyerbeer. La madre, alla quale era affidata la sua educazione, l'indusse a laurearsi in medicina. Dopo un soggiorno a Heidelberg, dove perfezionò i suoi studi di chimica col celebre scienziato Mendeleev, fu assunto all'ospedale dell'esercito territoriale: lì incontrò per la prima volta Musorgskij; il secondo incontro avvenne nel 1859, in casa di amici comuni.... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali