Sinfonie n.7, n.8, n.9

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Antonin Dvorak
Direttore: Carlo Maria Giulini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Plg
Data di pubblicazione: 17 giugno 2016
  • EAN: 0094635085921
Salvato in 1 lista dei desideri
Disco 1
1
Symphony No. 7 in D minor B141 (Op. 70) (1995 Digital Remaster): I. Allegro maestoso
2
Symphony No. 7 in D minor B141 (Op. 70) (1995 Digital Remaster): II. Poco adagio
3
Symphony No. 7 in D minor B141 (Op. 70) (1995 Digital Remaster): III. Scherzo (Vivace)
4
Symphony No. 7 in D minor B141 (Op. 70) (1995 Digital Remaster): IV. Allegro
5
Symphony No. 8 in G major B163 (Op. 88) (1995 Digital Remaster): I. Allegro con brio
6
Symphony No. 8 in G major B163 (Op. 88) (1995 Digital Remaster): II. Adagio
7
Symphony No. 8 in G major B163 (Op. 88) (1995 Digital Remaster): III. Allegretto grazioso - Molto vivace
8
Symphony No. 8 in G major B163 (Op. 88) (1995 Digital Remaster): IV. Allegro, ma non troppo
Disco 2
1
Symphony No. 9 in E minor B178 (Op. 95), "From the New World" (1988 Digital Remaster): I. Adagio - Allegro molto
2
Symphony No. 9 in E minor B178 (Op. 95), "From the New World" (1988 Digital Remaster): II. Largo
3
Symphony No. 9 in E minor B178 (Op. 95), "From the New World" (1988 Digital Remaster): III. Scherzo (Molto vivace)
4
Symphony No. 9 in E minor B178 (Op. 95), "From the New World" (1988 Digital Remaster): IV. Allegro con fuoco
5
Carnival B169 (Op. 92) (1988 Digital Remaster)
6
Scherzo capriccioso B131 (Op. 66) (1988 Digital Remaster)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Antonin Dvorak Cover

    Compositore ceco.Dagli esordi all'affermazione internazionale. Fu avviato agli studi musicali dal padre, un locandiere dilettante di musica che gli fece studiare il violino e poi il pianoforte e l'organo. Nel 1857, grazie all'aiuto finanziario di uno zio, poté essere inviato a Praga, dove studiò regolarmente alla scuola di organo. Nel 1873, dopo aver fatto parte per una decina d'anni come violinista dell'orchestra del Teatro Nazionale, ebbe la nomina di organista nella chiesa di S. Adalberto; dal 1874, grazie agli interventi di Hanslick e di Brahms, fruì di una borsa di studio del governo austriaco; poté così concentrarsi nella composizione, acquistando presto notorietà europea: dapprima con le Danze slave, poi con lo Stabat Mater che, eseguito a Londra nel 1883, è all'origine della straordinaria... Approfondisci
  • Carlo Maria Giulini Cover

    Direttore d'orchestra. Allievo di B. Molinari, si è dedicato al repertorio operistico e sinfonico classico e romantico, affermandosi in campo internazionale per il rigore, il gusto raffinato e il dinamismo lirico delle sue interpretazioni, spesso paragonate a quelle di Toscanini. Dal 1973 al '76 ha diretto stabilmente l'Orchestra sinfonica di Vienna, dal 1978 all'85 la Filarmonica di Los Angeles. Fra le sue incisioni si segnalano un Don Giovanni e altre opere di Mozart e Verdi (Trovatore, Don Carlos), sinfonie di Schubert e Bruckner. Approfondisci
  • London Philharmonic Orchestra Cover

    Orchestra sinfonica fondata nel 1932 da Th. Beecham, che ne fu il primo direttore e responsabile artistico. Fin dagli esordi conquistò la scena londinese con concerti alla Queen's Hall e alla Royal Philharmonic Society e con collaborazioni alle stagioni estive del Covent Garden. Durante la guerra, nonostante l'assenza di Beecham emigrato negli Stati Uniti, l'orchestra fu mantenuta in vita da un comitato di gestione costituito dagli orchestrali, lo stesso che, finita la guerra, ricostituì l'intera formazione chiamando a dirigerla E. Van Beinum (1948-50), quindi Adrian Boult (1950-57), W. Steinberg (1958-60) e infine John Pritchard (1962-66), che dette alla formazione orchestrale un decisivo riassetto finanziario e artistico. Sotto la guida di B. Haitink (1967-79) e G. Solti (1979-83) la Filarmonica... Approfondisci
Note legali