Sleep. Poesie in inglese - Amelia Rosselli - copertina

Sleep. Poesie in inglese

Amelia Rosselli

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Emmanuela Tondello
Editore: Garzanti
Collana: I grandi libri
Anno edizione: 2020
Formato: Tascabile
In commercio dal: marzo 2020
Pagine: 240 p., Brossura
  • EAN: 9788811813217

€ 15,20

In uscita da: marzo 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Queste poesie, composte tra il 1953 e il 1966, toccano alcuni degli aspetti tra i più personali, se non privati, dell'opera di Amelia Rosselli. I due grandi temi della raccolta, l'amore come desiderio e il rapporto con Dio, sono dominati da un'intima inquietudine e da un forte senso di estraneità. Estraneità che si riflette del resto anche nell'uso della lingua: un inglese tortuoso e continuamente piegato all'andamento ritmico del dettato italiano. In questi versi il senso di non appartenenza è tuttavia lontano da rassegnazione e compiacimento: rappresenta una condizione esistenziale e non definitiva, in cui trova espressione l'identità complessa, multiforme e tormentata di un'autrice d'eccezione.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Amelia Rosselli Cover

    (Parigi 1930 - Roma 1996) poetessa italiana. Nata da Carlo Rosselli, esule, e da madre inglese, è vissuta in Francia, Inghilterra, Stati Uniti prima di stabilirsi a Roma, dove è morta suicida. I suoi versi (ora raccolti in Le poesie, 1997) la collocano in primissimo piano nella ricerca letteraria contemporanea: Variazioni belliche (1964); Serie ospedaliera (1969); Documento (1976); Primi scritti (1980); Impromptu (1981); Appunti sparsi e persi (1983 e 1996); La libellula (1985); Sleep (Poesie in inglese) (1992); Diario ottuso (1996). La sua prosodia, fortemente innovativa, fa uso della parola affrancandola parzialmente dalla convenzione linguistica (uso consapevole del lapsus, secondo Pasolini; ridondanza spontanea della lingua, secondo Giudici). Il suo linguaggio diventa così «pozzo della... Approfondisci
Note legali