Sogni e favole - Emanuele Trevi - copertina

Sogni e favole

Emanuele Trevi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: Scrittori
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 10 gennaio 2019
Pagine: 224 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788862208512
Salvato in 116 liste dei desideri

€ 15,20

€ 16,00
(-5%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Sogni e favole

Emanuele Trevi

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Sogni e favole

Emanuele Trevi

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Sogni e favole

Emanuele Trevi

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 15,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Vincitore del premio Viareggio-Rèpaci 2019 per la Narrativa.

Il nuovo «libro strano» di Emanuele Trevi, un quasi-romanzo di tre vite vere. La memoria fantastica di una Roma disfatta, la giovinezza e la mezza età degli umani, l'illusione che le fa felici, l'imprudente verità dell'arte.

«Nel suo fascinosco memoir Sogni e favole, Emanuele Trevi racconta le passegiate di uno scrittore romano, flâneur umbraile e bastevolmente depresso, che scopre "alle soglie della vecchiaia", di avere un passato, fin da quando al liceo lavorava in un cineclub, forse il "Labirinto".» - Il Venerdì

«Era ancora il tempo degli artisti, nel senso che questa parola poteva avere nel lento crepuscolo del Novecento, quando un poeta, un pittore, un regista erano esseri umani investiti da una vocazione, e la loro vita non era un pettegolezzo, una delle tante variabili mercantili della celebrità, ma una storia vissuta fino ai limiti dell'umano»

Roma, 1983. Il Novecento brilla ancora. Emanuele, neppure ventenne, lavora in un cineclub del centro. Una notte, al termine di un film di Tarkovskij, entra in sala e vi trova un uomo solo, in lacrime. È Arturo Patten, statunitense trapiantato a Roma, uno dei più grandi fotografi ritrattisti. Per tutto lo scorcio del secolo, Emanuele ascolterà la lezione del suo amico, Lucignolo e Grillo Parlante assieme, che vive la vita con invidiabile intensità, e grazie a lui incontrerà Cesare Garboli, il «grande critico» cui è qui dedicato uno splendido cammeo, che prima di morire gli affiderà la missione di indagare su Metastasio e sul suo sonetto Sogni, e favole io fingo. «Favole finge» tutta la grande letteratura moderna qui evocata, da Puškin a Pessoa fino ad Amelia Rosselli, somma poetessa italiana del Novecento, che abita nella stessa strada di Arturo e che come lui lascerà la vita per scelta; Emanuele incontrerà più volte quel meteorite umano, sempre in fuga da oscuri e spietati nemici, e con Arturo è lei, e la sua eredità, l'altra protagonista di questo folgorante «libro strano» di Trevi – romanzo autobiografico e divagazione saggistica assieme, sette anni dopo Qualcosa di scritto.
Arturo, Amelia, Metastasio guidano lui e noi nel cuore di una Roma piovosa e arcaica, nel cerchio simbolico della depressione e dell'insensatezza, verso l'approdo vitale dell'illusione: se, come scrive Metastasio, le storie inventate suscitano in noi la stessa commozione delle vicende reali, forse di sogni e favole è fatta la vera vita.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,25
di 5
Totale 8
5
3
4
4
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Elena8573

    02/09/2020 10:19:52

    Sogni e favole di Emanuele Trevi. Ponte delle grazie Il segnalibro di Boldini, utilizzato durante la lettura, rappresenta perfettamente l’essenza di questo libro, poetico e spietato nello stesso tempo, chiaro scuri che si miscelano come una opera d’arte. L’autore narra, attraverso l’esperienza personale, il suo incontro con uomini e donne straordinarie, quelle persone definite artiste, gente che vive attraverso i propri sogni e i propri incubi (favole). Sogni e favole è l’inizio di un poema Pietro Trapassi in arte Metastasio, che da semplice borgataro romano divenne poeta ufficiale alla corte Austriaca. Libro denso di citazioni letterarie, spunti culturali e di profonde riflessioni, è un navigare faticoso ma fecondo in mezzo alla sua ricchezza. Una Roma vista con occhi lontani dallo splendore “instaggrammabile” ma splendore visivo aperto agli occhi di chi si ferma e guarda. Un omaggio meraviglioso alla città. Alla fine la vita non è tutto un susseguirsi di sogni e favole?? Sogni, e favole io fingo; e pure in carte mentre favole, e sogni orno, e disegno, io lor, folle ch'io son, prendo tal parte, che del mal che inventai piango, e mi sdegno.5 Ma forse, allor che non m'inganna l'arte, piú saggio io sono? È l'agitato ingegno forse allor piú tranquillo? O forse parte da piú salda cagion l'amor, lo sdegno? Ah che non sol quelle, ch'io canto, o scrivo,10 favole son; ma quanto temo, o spero, tutto è menzogna, e delirando io vivo! Sogno della mia vita è il corso intero. Deh tu, Signor, quando a destarmi arrivo, fa ch'io trovi riposo in sen del Vero.

  • User Icon

    Gigi

    23/05/2020 15:10:47

    Un libro semplicemente stupendo. Con una scrittura sublime accompagna il lettore tra i versi di Metastasio, la poesia di Amelia Rosselli e le fotografie di Arturo. Fondamentale.

  • User Icon

    Giuseppe

    14/05/2020 18:00:32

    Sogni e Favole è un'opera incantevole scritta da un grande autore. Trevi ha uno stile raffinato, come pochi altri (ricorda Busi per certi aspetti). Questo è effettivamente romanzo strano, un alternarsi di parti, autobiografiche e biografiche: l'educazione dello stesso Trevi a Roma (la più bella parte), Garboli, Amelia Rosselli. Lo consiglio a chi ama la ricerca linguistica e romanzi tutt'altro che convenzionali. Sicura leggerò ancora altro di Trevi, forse tra i migliori in Italia oggi.

  • User Icon

    davide b

    19/09/2019 11:44:35

    Quanta arte con l’ani In questo scritto... Roma,Metastasio, Tarkovsky, Patten,Rosselli,Garboli.. Alcuni dei loro non li conoscevo, ma Trevi mi ha dato la chiave per entrare nei loro piccoli-grandi mondi.

  • User Icon

    Valentina

    19/09/2019 10:53:26

    Emanuele, appena ventenne lavora in un cineclub a Roma. Una notte entra in sala e trova un uomo solo in lacrime, è Arturo Patten, uno dei più importanti fotografi ritrattisti. Emanuele ed Arturo diventano subito amici. Arturo gli insegna tutto ciò che conosce e gli fa incontrare Cesare Gaboli che affida ad Emanuele la sua missione: quella di indagare su Metastasio e sul sonetto Sogni e favole io fingo. Ecco dunque, che il libro descrive quei momenti e i viaggi che Emanuele intraprende per i suoi studi su Metastasio e sui grandi autori della letteratura moderna- da Puskin a Pessoa fino ad Amelia Rosselli. A metà fra l’autobiografia e il saggio, Emanuele Trevi crea un’opera che mette seriamente in discussione la nostra capacità di esistere davvero.

  • User Icon

    Federica

    17/09/2019 21:41:36

    Un libro strano, consigliatomi da un caro amico e che a tratti mi ha commosso - la storia dell'amicizia con il fotografo Arturo Patten oppure la descrizione della vita di Amalia Rosselli - e fatto scendere un velo di malinconia - nelle parti in cui Trevi racconta la Roma degli anni '80 - ma che non mi ha avvinto del tutto, non mi ha fatto scattare la scintilla della lettura appassionante. Sicuramente un'occasione per riflettere sul tempo e il suo trascorrere, su ciò che è vero ed importante e su ciò che è fugace. Una scoperta sicuramente il sonetto di Metastasio che accompagna il lettore lungo tutta la narrazione.

  • User Icon

    Valentina

    10/08/2019 13:34:05

    Un quasi- romanzo fatto di incontri, passeggiate e riflessioni per capire la differenza fra la vita vera e la vita immaginata. Emanuele Trevi si chiede e ci chiede se esistiamo davvero e la verità è solo una- se le storie inventate suscitano in noi la stessa commozione delle vicende reali, forse di sogni e favole è fatta la vera vita. Consigliato ai sognatori e ai disillusi.

  • User Icon

    Selene

    10/06/2019 06:11:21

    Sono di parte . Lo confesso. Non perché conosca l’autore. Ma perché, fruitrice come tanti del suo scritto, come Atreio ne La storia infinita, in questo libro ci sono io. E mi chiamo Arturo. E mi stropicciavo gli occhi di incredulità ad ogni parola che mi dava voce e mi permetteva, descrivendo anfratti e pieghe, di sentirmi e tastarmi , tutta intera e viva. Arturo, l’infuocata passione per la Bellezza della Vita in ogni sua Forma, quanto più anonima e inconsapevole di se’. Sono Arturo. E con la totalità di cui sono capace, questo è il modo più anonimo che ho trovato per esprimere gratitudine a chi ha dato voce a tutti gli Arturi del mondo. Selene

Vedi tutte le 8 recensioni cliente

Felicemente inattuale, abbastanza nostalgico di uno scorcio del ventesimo secolo, piuttosto dinamico nella misura in cui… bisogna tornare agli anni dei cineclub e, soprattutto, seguirlo per le strade di Roma. Nel suo ultimo libro Emanuele Trevi mette in fila Metastasio, Arturo Patten, Amelia Rosselli, Cesare Garboli: figure che i ragazzi di oggi dediti a serie tv, tecnologia avanzata e spleen del terzo millennio – nelle migliori delle ipotesi – non hanno probabilmente idea di chi fossero. Trevi scava nei reperti del suo passato e regala un altro libro speciale e inclassificabile, in cui la nostalgia è scrollata di dosso ma non del tutto. Magari non tocca i vertici di Qualcosa di scritto (Ponte alle Grazie) del 2012, ma pizzica comunque felicemente corde inconsuete e, spesso, è già tanto.

Nell’ultimo Sogni e favole (224 pagine, 16 euro), pubblicato da Ponte alle Grazie, tono e stile richiamano inevitabilmente quelli di Qualcosa di scritto, mentre cronologicamente si va ancora un po’ più indietro nel tempo, all’inizio degli anni Ottanta. Il grande fotografo di ritratti Arturo Patten («incarnazione visibile del potere dell’opera d’arte») appare per primo col volto rigato di lacrime nel cineclub dove Trevi lavora; poi al centro della scena arrivano anche la poetessa Amelia Rosselli, amica dello psicanalista Mario Trevi (padre di Emanuele), che sulla «scacchiera della vita, così affollata di pedoni, era un pezzo nobile», e il critico Cesare Garboli, che al tavolo di un caffé si farà promettere dal giovane Trevi di scrivere un commento a un sonetto di Metastasio, filo conduttore del volume. Un sommo trio che aveva a che fare con la «bellezza duratura» e l’arte, come potevano intendersi nel ventesimo secolo, una questione sacra, anche di vocazione (oltre che di vita e di morte), non qualcosa utile a «tenere buona la gente a colpi di consenso narrativo e identificazione emotiva».

Pochi passi tra le quinte teatrali di Roma – la capitale è protagonista notevole, grigia e poco ospitale, con alcune sue contraddizioni – tra coincidenze e connessioni sono lo spunto per digressioni, divagazioni e aneddoti di quello che era un adolescente, Trevi, alle prese con tre spiriti guida, maestri speciali e i loro ritratti commossi. Il risultato è una sorta di frammentata autofiction, un non romanzo intessuto di rievocazioni, una specie di saggio autobiografico, in cui c’è spazio per i fari coltissimi ed eclettici di un’educazione non solo artistica, ma di vita. «…e se qualcuno – si legge – ci trasmette qualcosa prima di andarsene, non siamo venuti al mondo per sciogliere gli enigmi, ma per conservarli intatti e trasmetterli a nostra volta ancora più incomprensibili di quando li abbiamo ricevuti». “Esistiamo davvero?” sembra chiedersi l’autore, che riflette sul tempo e sul desiderio, e in questo è aiutato tanto dalle strade e dagli edifici di Roma, vera ossessione di Trevi.

Recensione di Giovanni Leti

 

  • Emanuele Trevi Cover

    Figlio dello psicanalista junghiano Mario Trevi, è uno dei critici più promettenti della nuova generazione. Ha tradotto e curato edizioni di classici italiani e francesi: si ricordano testi dedicati a Leopardi, Salgari, e autori italiani del Novecento. Collabora al «Manifesto» (Alias) e alla trasmissione radiofonica Lucifero di Radio Tre, con una sezione dedicata alla poesia. Il suo libro Istruzioni per l’uso del lupo ha riscosso un notevole successo. All’uscita questo libro ottenne un successo di critica sulle pagine letterarie dei magazine e dei quotidiani più engagé. È redattore di «Nuovi Argomenti». Ha fatto parte della giuria del premio Calvino nel 2001, e del premio Alice 2002. Nel 2012 esce per Ponte alle Grazie... Approfondisci
Note legali