Il sogno di una notte di mezza estate. Testo inglese a fronte - William Shakespeare - copertina

Il sogno di una notte di mezza estate. Testo inglese a fronte

William Shakespeare

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Edizione: 2
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
In commercio dal: 21 luglio 1998
Pagine: 272 p.
  • EAN: 9788804453291
Salvato in 203 liste dei desideri

€ 8,64

€ 9,00
(-4%)

Venduto e spedito da OCCASIONI SICURE

Solo una copia disponibile

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

€ 4,86

€ 9,00

Punti Premium: 5

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 9,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Due giovani innamorati in fuga e un gruppo di attori ingannati dagli incantesimi del re degli spiriti sono i protagonisti di una commedia fantastica, tenebrosa e sorprendente come la notte in cui si snoda la vicenda. Una delle opere più fantasiose e "magiche" del grande drammaturgo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,53
di 5
Totale 17
5
10
4
6
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Francesca

    15/05/2020 18:32:33

    Questa edizione della Mondadori è veramente bellissima e la storia mi è piaciuta molto. Un libro da consigliare assolutamente.

  • User Icon

    Simone

    02/03/2020 14:37:05

    Primo libro che leggo di Shakespeare. Conoscendo di fama l'autore credo che questa sia una commedia atipica per il suo stile. Mi è piaciuto? Direi proprio di si. A suo modo una storia d'amore e perfidia, ma anche con uno spunto comico che non guasta

  • User Icon

    Gio

    22/12/2019 08:09:05

    Ambientato in un bosco, impregnato di un'atmosfera onirica e quasi surreale, dove si incrociano, e si imbrogliano, storie diverse. Trama accattivante, come solo Shakespeare poteva fare. Consigliato!

  • User Icon

    Pitti

    24/09/2019 19:56:39

    E' una storia avvincente, emozionante che mi ha stravolto. L'ho adorata. Mi ha affascinato il modo in cui scrive Shakespeare.

  • User Icon

    Giada

    23/09/2019 14:35:29

    Bellissimo! Nonostante sia un'opera teatrale e quindi con un'impostazione teatrale è molto piacevole. Letto in una giornata!

  • User Icon

    Francesca

    14/09/2019 14:23:09

    Geniale, fantastico , divertente. Copertina stupenda. Secondo il mio gusto personale è uno dei migliori di Shakespeare, il mio preferito. Lo sfondo è un bosco fatato .... Un folletto dispettoso che si mette a fare scherzi , fra il diabolico e il divertente, dove tutti si innamorano della persona sbagliata.... un po' come accade anche nella realtà senza bisogno di folletti dispettosi ...

  • User Icon

    n.d.

    27/07/2019 13:30:19

    Come già ravvisato da altri lettori, non ho molto apprezzato le introduzioni al testo e dunque questa edizione resta - a mio avviso - non degna di nota (anche per la scelta dei caratteri di stampa ). Ma che dire dell' opera? Par di volteggiare nell' aria, condotti in luoghi fatati e immersi totalmente in un'atmosfera onirica, fiabesca e surreale. Tante le chiavi di lettura e le indagini in cui immergersi per tentare di essere padroni dei diversi significati. Incredibile come, tanto il primo impatto con l'opera diverta e renda leggero il cuore - grazie allo stile scespiriano inimitabile e arguto - quanto, a ben riflettere, ci si ritrovi subito dopo sprofondati in sapienza, saggezza e grazia. Consiglio: se vi è piaciuto "Sogno di una notte di mezza estate" non mancate di leggere "La Tempesta", edizioni Feltrinelli: un piccolo stupefacente capolavoro, l'ultimo interamente attribuito a Shakespeare.

  • User Icon

    Francesca

    09/03/2019 08:15:33

    Si narra la storia di quattro innamorati infelici, Ermia, Lisandro, Demetrio e Elena, e poi a seguire dei regnanti di Atene, Teseo e Ippolita e la compagnia di attori che stanno organizzando uno spettacolo per le loro nozze nella quale ogni figura è delineata con abilità e anche ironia. In quella notte speciale, dove fate e folletti s’aggirano indisturbati in un bosco incantato, i malcapitati amanti in fuga e i loro inseguitori si ritroveranno, loro malgrado, protagonisti di un’avventura straordinaria e sconcertante. In questa sua commedia Shakespeare riesce a far convivere elementi tragici e comici e, nonostante la presenza di figure immaginarie, opera una rappresentazione della realtà profondamente verosimile.

  • User Icon

    Anna

    16/01/2019 11:56:12

    Niente da dire, se non divino.

  • User Icon

    Antonella M.

    09/05/2016 19:41:39

    è sublime e divertente! la prima volta che leggo qualcosa di Shakespeare e sono stata rapita! WOW

  • Una commedia fantastica, un intreccio fine e ben condotto. Parole sublimi e una storia non comune. Un linguaggio dei più fini, non sempre facile da capire ma che merita tutta la nostra attenzione. Nel versione Mondadori è presente anche l'opera originale in inglese, un'aggiunta ben apprezzata. Un pò troppi saggi introduttivi, a mio avviso, ma si possono pur sempre saltare. Ben accetta la cronologia sulla vita e le opere dello scrittore.

  • User Icon

    annamaria

    09/01/2008 16:07:30

    bello, bello!

  • User Icon

    Francesca

    08/05/2007 16:35:11

    Se vuoi sognare ad occhi aperti, ecco il libro.

  • User Icon

    Pamela

    11/03/2007 13:31:50

    In assoluto l'opera più bella e coinvolgente di Shakespeare..Meraviglioso!

  • User Icon

    Erika

    21/09/2005 02:50:23

    Sono superficiale. Niente di più vero. Sovente mi ritrovo a giudicare bello un libro dal titolo ed alla fine rimango delusa dai contenuti. Questa volta, invece, "Sogno di una notte di mezza estate" non mi ha affatto delusa! Assolutamente da non perdere!!!

  • User Icon

    hernie

    26/09/2003 13:06:10

    Il voto non e' altissimo solo perche' amo piu' le tragedie che le commedie. Ma il postulato su cui ruota tutta la commedia non e' cosi' leggero , anche se Shakespeare e' qui leggiadro ,allegro ..un giullare alla corte del suo re. Cos'e' l'innamoramento se non un temporaneo accecamento del tutto casuale. Gia' in Omero troviamo Ate la dea che pone un velo dinnanzi agli occhi delle sue vittime e crea cosi' l'inganno mortale .Titania regina delle fate si innamorera' , per sortilegio, di un villico cammuffato da asino: una testa d'asino.Ci innamoriamo tutti di teste d'asino!prendiamo continuamente abbagli , salvo poi risvegliarci e dire a noi stessi :"" Come ho potuto?" Arrendiamoci : l'innamoramento e' frutto del caso, l'amore , se esiste, nasce da un piu' freddo calcolo.

  • User Icon

    Nicola Vendramin

    21/04/2003 15:03:49

    Divorato in tre giorni... Bello fantastico e agevole. Nulla a che vedere con l'oscenità del film uscito qualche anno fa che oltre ad avere bei costumi ed un grande cast non è riuscito a trasmettere la vivacità del libro; con il film dormi (come è successo a due miei tentativi di visione) con il libro ti diverti... Bella la compagnia di attori che mettono in scena Piramo e Tisbe che da tragedia diventa una commedia.

Vedi tutte le 17 recensioni cliente
  • William Shakespeare Cover

    Nacque da John, guantaio e piccolo proprietario terriero e da Mary Arden, di famiglia socialmente più elevata di quella del marito. Terzo di otto fratelli, studiò nella scuola di Stratford, che dovette forse abbandonare per sopravvenute ristrettezze economiche. A 18 anni si sposò con la venticinquenne Anne Hathaway da cui ebbe subito la prima figlia Susan, causa delle affrettate nozze, e nel 1585 i due gemelli Judith e Hamnet, morto poi nel 1596. Fino al 1592 non ci sono notizie attendibili; certo è che a questa data aveva ormai lasciato famiglia e paese natio per trasferirsi a Londra, dove era in contatto con l’ambiente degli University Wits. Nel periodo della peste (1593-94) scrisse due opere poetiche dedicate al duca di Southampton:... Approfondisci
Note legali