Editore: Adelphi
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 22 febbraio 2006
Pagine: 175 p., Brossura
  • EAN: 9788845920387
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 8,64
Descrizione
Tutto comincia con una terrifica profezia pronunciata in un salotto di Mosca alla vigilia della Grande Guerra da un certo Ananchin: ciascuno dei presenti avrebbe assistito alla propria rovina e a quella della Russia, ciascuno avrebbe trovato una morte atroce e uno di loro, la bella Wera, avrebbe messo al mondo un demonio. Vent'anni dopo il conte Chlodowski, che allora stava per sposare la donna, ha visto realizzarsi ogni cosa: il vecchio mondo è stato travolto, lui è ridotto in miseria e a nulla è valso che Wera rinunciasse alle nozze e si facesse suora: la guerra e la rivoluzione l'hanno strappata al convento e spinta nelle steppe dell'Asia dove, violata da un assassino, ha avuto quel figlio che Chlodowski cerca ora di tenere lontano da sé.

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lapo

    25/06/2018 16:51:33

    Al tramonto della Russia zarista e in prossimità dello scoppio della Prima Guerra Mondiale e della rivoluzione bolscevica, una lugubre profezia sparge incredulità e inquietudine in un salotto aristocratico russo. Profezia di sconfitta e disonore per la Patria, della morte violenta dei nobili e dei militari di alto rango che sono presenti a quella premonizione, e della nascita di un essere demoniaco, in accordo con i tempi infernali che si avvicinano. Ancor più che in altri lavori di Lernet-Holenia, si sente l’odore di zolfo del diavolo, si avverte la presenza di spiriti maligni, si intravede l’Anticristo; e il cerchio si chiuderà con un finale diabolico e misterioso.

  • User Icon

    LEON

    23/05/2016 23:33:24

    Un autore troppo poco conosciuto, ma che ha saputo come pochi raccontare quello che ormai e'divenuto un vero mito culturale come la "mittleeuropa". Un libro evocativo, geniale. Il male e il bene come semplici spettatori? o come protagonisti? Ognuno di noi puo' rispondere anche leggendo "un sogno in rosso". Grazie Adelphi!

  • User Icon

    Adriano

    04/01/2012 15:17:25

    Intreccio che rapisce e si dipana coinvolgendo nella lettura, pagina dopo pagina. Onirico e fantastico accompagnano anche le descrizioni più realistiche, in più ci si accorge che il racconto di una divinazione passata(la Rivoluzione Russa) diventa divinazione dell'immediato futuro, ovvero dell'Anticristo hitleriano che avanza. Da un autore, conservatore e a tratti "reazionario" si sarebbe detto un tempo, ci giunge un lucido e chiaro monito, forse una sentenza, e una profezia che riesce ancora a colpire e nello stesso tempo a stupire.

  • User Icon

    Lucia

    13/06/2011 14:52:51

    Breve romanzo veramente godibile. A parte la difficoltà dei nomi russi, cinesi, mongoli ecc., si legge che è un piacere. Il tema, che si basa sulla teoria della sincronicità, risulta affascinante. Si tratta di una predizione che inevitabilmente si avvera...perchè alle volte andiamo incontro al nostro destino proprio sulla strada intrapresa per evitarlo. Da leggere.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

La storia diventa lo scenario dell'irruzione delle forze del male in lotta contro le energie della redenzione e della luce che si contendono sia il dominio del mondo sia quello dell'anima. E il romanzo Un sogno in rosso nella stupenda traduzione di Elisabetta Dell'Anna Ciancia ripropone interamente tutto l'inventario ideologico e narrativo dell'autore viennese. Le malefiche forze oscure sono simbolicamente collocate nella geopolitica sacra di Lernet-Holenia in un'Asia remota lontana e arcaica terra incognita di stregoneria e diavolerie inaudite unica causa della rivoluzione comunista e di tutte le sciagure della modernità oltre che della rovina del povero e simpatico protagonista del romanzo il conte Adam Chlodowski. Il fascino delle narrazioni di Lernet-Holenia che si avvera anche in questa sua prova del 1938 consiste nella rievocazione di quella Mitteleuropa postabsburgica in quelle lande degli ultimi nobili latifondisti alla vigilia della loro definitiva scomparsa provocata ovviamente dalle forze del male sempre in agguato con le loro tenebrose trame che s'intrecciano meravigliosamente con i destini degli umani. La scrittura sollevata dalla contemporaneità resta come per incanto sospesa fra intrattenimento di un aristocratico causeur e la filosofia di un autentico raffinatissimo ideologo della rivoluzione conservatrice degno discepolo di Hofmannsthal.
Marino Freschi