Categorie

Manuel Vázquez Montalbán

Traduttore: H. Lyria
Editore: Feltrinelli
Edizione: 18
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 191 p. , Brossura
  • EAN: 9788807887086
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    andrea

    12/01/2007 11.33.41

    Con questo secondo romanzo della saga del detective Carvalho, Montalban assurge al massimo dei voti (molto meglio rispetto all'esordio con "Tatuaggio") ed esce definitivamente dal genere giallo per passare alla dimensione di scrittore a tuttotondo. Di noir c'è solo la trama, ma in realtà l'avventura di Carvalho è solo un pretesto per un'indagine non poliziesca, bensì letteraria sulla società spagnola ( e, per estensione, anche europea) all'alba degli anni '80. Da questo punto di vista la Spagna, con la fame di democrazia e di vita che aveva in quel periodo dopo il letargo del regime di Franco (il libro è della seconda metà degli anni'70), rappresenta un ottimo campo per un'analisi che, da particolare spagnola, può estendersi a universale europea, con il suo carico di speranze disattese malgrado il sopraggiungere del benesssere e di una formale democrazia. E proprio il disincanto e il cinismo del protagonista sono la giusta lente con cui guardare a come Spagna ed Europa hanno man mano perso la loro innocenza. Nel privato come nel pubblico. Per questo penso che i vari romanzi della saga di Pepe Carvalho siano solo tanti capitoli di un unico libro che ci porta passo passo ad indagare le tante disillusioni dell'umanità e dell'animo umano. Secondo episodio carvalhesco, è da leggersi dopo "Tatuaggio" e prima dell'imperdibile "I mari del sud".

Scrivi una recensione