La solitudine del maratoneta - Alan Sillitoe - copertina

La solitudine del maratoneta

Alan Sillitoe

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Vincenzo Mantovani
Editore: BEAT
Collana: BEAT
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 12 maggio 2015
Pagine: 173 p., Brossura
  • EAN: 9788865591086
Salvato in 41 liste dei desideri

€ 9,00

Venduto e spedito da LIBRERIA KIRIA

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 6,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"La solitudine del maratoneta" deve la sua fama in parte a una suggestiva trasposizione cinematografica di Tony Richardson, ma soprattutto allo stile innovativo, e ancor oggi modernissimo, della scrittura di Sillitoe. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è un lungo e inarrestabile fiume in piena di sessanta pagine che ripercorre, al ritmo dei suoi passi durante una gara di maratona, i pensieri agitati del protagonista. Colin Smith, un giovane scapestrato rinchiuso in riformatorio, di cui il direttore dell'istituto ha intuito e incoraggiato il talento sportivo, continuerà a chiedersi a ogni passo della sua gara per chi o per cosa stia correndo, trovando l'unica risposta possibile a un passo dal traguardo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,69
di 5
Totale 7
5
1
4
3
3
3
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    alessandro cascone

    18/10/2015 01:02:02

    Il Times ebbe a definirlo "il migliore e più saggio degli scrittori inglesi viventi". Una serie di storie sulla working class inglese degli anni 40-50 del secolo scorso raccontate con una prosa semplice, avvincente, mai noiosa. Una piacevolissima scoperta.

  • User Icon

    Paolo

    24/02/2014 17:43:29

    Il titolo può ingannare dato che gli altri racconti non sono legati al tema della corsa. "La solitudine del maratoneta" è un racconto coinvolgente, lascia il segno. Gli altri racconti non sono tutti di eguale caratura.

  • User Icon

    PROT

    16/04/2012 17:20:25

    mi ha un pò deluso, anche se i vari racconti erano più o meno interessanti

  • User Icon

    alfonso

    13/04/2012 18:20:28

    Nettamente meglio dei 9 racconti di Salinger. Punto.

  • User Icon

    policlo

    29/03/2010 16:00:29

    Per essere un libro di racconti, è interessante. Il suo ruolo di "giovane arrabbiato" della letteratura inglese degli anni '60 si nota benissimo nei racconti, alcuni molto coinvolgenti, altri meno. Quando i protagonisti sono i bambini, un po' ricorda Frank McCourt, mentre se fosse nato 30 anni dopo, magari avrebbe scritto Trainspotting o una sceneggiatura per Guy Ritchie, visto le tematiche di degrado e delinquenza.

  • User Icon

    Mauro

    22/07/2009 00:58:02

    E' difficile costruire un'opinione su più racconti. Mi soffermerò sul primo e più lungo, che dà il titolo all'opera. Ho un debole per la narrazione che prevede un viaggio; tutti coloro che hanno almeno corso o nuotato per davvero, concentrati, non possono che restare sbalorditi di come un autore sia riuscito a riproporre dubbi, riscatto, ideologia, motivazione, coerenza, orgoglio e sfinimento. Tutte emozioni che passano quando sei davvero solo con te stesso. Tu, l'aria e tutt'intorno la Terra. E non ti imprta più niente, s enon solo quel passo in più, verso la tua gloria personale, dicendoti ce la faccio, ce la faccio.

  • User Icon

    philo

    16/02/2009 18:49:33

    scrittura semplice ed essenziale. i racconti però sono molto belli.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Alan Sillitoe Cover

    Scrittore inglese. Di origine operaia, è un rappresentante della nuova generazione degli «arrabbiati». Si è rivelato narratore di talento col romanzo Sabato sera, domenica mattina (Saturday night and sunday morning, 1958), cronaca impietosa della giornata di un operaio, che avrà un seguito in Compleanno (Birthday, 2001). Altrettanto nitidi, concisi e graffianti i racconti raccolti nei volumi La solitudine del maratoneta (The loneliness of the long distance runner, 1959) e La figlia del rigattiere (The ragran’s daughter, 1964). Ha inoltre pubblicato i romanzi Viaggi a Nihilon (Travels to Nihilon, 1971), un’utopia alla rovescia, La morte di William Posters (The death of William Posters, 1965), una trilogia imperniata sulla figura di un operaio rivoluzionario,... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali