Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

È solo una storia d'amore - Anna Premoli - ebook

È solo una storia d'amore

Anna Premoli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 499,89 KB
Pagine della versione a stampa: 314 p.
  • EAN: 9788854198371
Salvato in 38 liste dei desideri

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Numero 1 nelle classifiche italiane

Cinque anni fa Aidan Tyler ha lasciato New York sul carro dei vincitori, diretto verso il sole e il divertimento della California. Fresco di Premio Pulitzer grazie al suo primo libro, coccolato dalla critica e forte di un notevole numero di copie vendute, era certo che quello fosse solo l’inizio di una luminosa e duratura carriera. Peccato che le cose non stiano andando proprio così: il suo primo libro è rimasto l’unico, l’agente letterario e l’editore gli stanno con il fiato sul collo perché consegni il secondo, per il quale ha già incassato un lauto anticipo. Un romanzo che Aidan proprio non riesce a scrivere. Disperato e a corto di idee, in cerca di ispirazione prova a rientrare nella sua città natale, là dove tutto è iniziato. E sarà proprio a New York che conoscerà Laurel, scrittrice di romanzi rosa molto prolifica. Già, “rosa”: un genere che Aidan disprezza. Perché secondo lui quella è robaccia e non letteratura. E chiunque al giorno d’oggi è capace di scrivere una banale storia d’amore. O no?

Un’autrice da mezzo milione di copie
Vincitrice del Premio Bancarella
Numero 1 in classifica


«Anna Premoli è capace di tuffare il genere del rosa nazionale in suggestioni internazionali e ben piantate nello spirito del nostro tempo.»
la Repubblica

«Anna Premoli è uno spot vivente del self-publishing: dal web al Premio Bancarella con il suo romanzo d’esordio.»
Vanity Fair

«Il primo vero caso italiano di self-publishing fortunato.»
La Stampa

È nata nel 1980 in Croazia e vive a Milano, dove si è laureata alla Bocconi. Lavora nel campo degli investimenti finanziari per una holding di partecipazioni. La scrittura è arrivata per caso, come “metodo antistress” durante la prima gravidanza. Ti prego lasciati odiare è stato il libro fenomeno del 2013: è stato per mesi ai primi posti nella classifica, i diritti cinematografici sono stati opzionati dalla Colorado Film e ha vinto il Premio Bancarella. I suoi romanzi sono tradotti in diversi Paesi. Con la Newton Compton ha pubblicato anche Come inciampare nel principe azzurro; Finché amore non ci separi; Tutti i difetti che amo di te; Un giorno perfetto per innamorarsi; L’amore non è mai una cosa semplice; L’importanza di chiamarti amore; È solo una storia d’amore; Un imprevisto chiamato amore e Non ho tempo per amarti.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,6
di 5
Totale 27
5
6
4
9
3
7
2
4
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Vale

    21/09/2020 17:17:05

    Divertente e anche romantico, da leggere tutto d'un fiato!

  • User Icon

    Marcolrs

    10/04/2020 17:05:33

    Una bella storia ben raccontata da una brava scrittrice, intrigante e coinvolgente. Forse non il suo best seller ma degno di nota per chi volesse passare un po' di tempo in una commedia romantica dei giorni nostri.

  • User Icon

    un po' troppi cliché

    13/11/2019 10:22:46

    Per essere una storia d'amore è un filino stereotipata. Lotta tra il maschilista lui che alla fine si innamora e si ricrede e lei, che sembra una zitella acida, ma che alla fine si lascia andare fin troppo facilmente. Nn mi ha convinta.

  • User Icon

    Elisa

    14/10/2019 00:40:50

    Adoro Anna Premoli e il suo modo di raccontare e scrivere... Si sono una romanticona che piange come una fontana ma che impazzisce per ogni protagonista dei suoi libri.. Qui la storia cresce tra 2 scrittori, lui vincitore del premio Pulitzer con il blocco dello scrittore e lei scrittrice di romanzi rosa... Lei sarà la sua nuova musa nonostante lui ancora non ne sia consapevole...

  • User Icon

    Kaosviola

    22/09/2019 08:15:02

    Assolutamente divertente e ironico, e guai a definirlo un banale romanzo "rosa"! Anna Premoli non delude mai

  • User Icon

    gazzieroelisa812000@yahoo.it

    19/09/2019 13:53:26

    Anna premoli e" una brava scrittrice contemporanea. Le sue storie sono divertenti e frizzanti. Si leggono velocemente. Questo libro mi e" piaciuto molto perche fa vedere I punti di vista maschile e femminile con molta ironia

  • User Icon

    Chibivale

    28/05/2019 11:44:39

    Carino e piacevole ma dalla Premoli mi aspettavo qualcosina in più

  • User Icon

    Martina

    09/03/2019 17:09:06

    la Premoli non si smentisce mai. Molto scorrevole e ben scritto. Letto tutto d'un fiato. in particolare affronta in modo molto chiaro la questione sui pregiudizi del genere rosa.

  • User Icon

    Elga

    09/02/2019 21:31:45

    Un libro leggero, una scrittura fluida e frizzante, piacevoli le battute botta e risposta fra i protagonisti. Ottimo per passare una domenica pomeriggio sul divano a dimenticare le fatiche di ogni giorno.

  • User Icon

    Francesca

    23/09/2018 17:54:24

    La scrittura della Premolo è scorrevole, la storia può anche risultare prevedibile ma è assolutamente in linea con le aspettative e permette di trascorrere ore spensierate e divertenti. In più affronta la questione del pregiudizio sul genere rosa che andrebbe capita sicuramente meglio.

  • User Icon

    VERONICA

    22/09/2018 15:31:24

    Di questo libro mi sono piaciuti tanto i personaggi, creati dall'autrice così diversi tra di loro ed è incredibile come le loro esistenze si intrecciano. Un libro che si lascia leggere senza fatica perchè molto scorrevole, incuriosisce la trama al punto che mi sono ritrovata a leggere molte pagine in un solo pomeriggio tanta era la curiosità di sapere il finale.

  • User Icon

    eu.

    20/09/2018 20:25:45

    I due protagonisti, scrittori sono così diversi tra loro: Aidan Tyler ha vinto il premio Pulitzer con un romanzo che viene considerato un capolavoro eppure da cinque anni non riesce più a scrivere nulla che sia all’altezza della fama che si è creato. Laurel invece scrive romanzi rosa, storie d’amore dolci e divertenti , favole moderne per le sue lettrici che vogliono evadere un po’ dalla realtà. E il suo lavoro viene disprezzato da Aidan che considera romanzi veri solo le storie più serie. Tra loro scatta la sfida: per lui chiunque può scrivere una storia d’amore, per lei invece ci vuole passione, così si ritrovano a scrivere due versioni della stessa storia quasi. Lui impara che alla fine un libro non va giudicato dalla copertina, dal genere o dalla collana in cui viene pubblicato mentre lei rimane convinta che la passione che si trasmette attraverso un libro è per i lettori, che uno non deve amare il rosa per scrivere romanzi rosa, uno non deve credere nel finale felice per scriverne uno perché lo scrittore e la persona che vive fuori dai libri, sono completamente diversi a volte. Fa riflettere molto su come lo scrittore sia alla fine un mestiere come un altro e anche se spesso molti usano l’esperienza personale per scrivere, alla fine un libro non va giudicato a seconda di chi lo ha scritto così come uno scrittore non è ciò che lui scrive. Una visione davvero interessante.

  • User Icon

    anna

    20/09/2018 19:07:37

    bellissimo adoro la premoli

  • User Icon

    Annalisa

    20/09/2018 17:53:46

    Storia disimpegnata e disimpegnante di un flirt (credo che le storie d'Amore vadano raccontate in modo piu' convincente). La scrittura della sign.ra Premoli non e' male, ma il racconto non racchiude una morale ne' in se', ne' oltre se' (il lettore non avra' da crucciarsi, perlomeno), dunque per quel che ne so io arriva appena alla sufficienza.

  • User Icon

    Annalisa

    20/09/2018 17:45:57

    Romanzo rosa. Niente piu' che il racconto della nascita di un flirt (le storie d'amore sono argomenti da trattare con piu' impegno). Storia scanzonata e piacevole perche' disimpegnata: di veramente interessante, fra queste pagine, non si trova qualcosa. La scrittura della signora Premoli non e' male, ma credo che temi cosi' leggeri si possano affrontare senza troppi dilemmi, dunque, a parer mio, guadagna appena una sufficienza.

  • User Icon

    Mary

    20/09/2018 08:18:24

    Libro molto bello. Travolgente. Lo si legge tutto d’un fiato

  • User Icon

    Paola

    19/09/2018 10:16:44

    E' il primo libro che leggo di questa autrice e purtroppo non mi ha entusiasmato particolarmente. In un momento in cui di cerca di riabilitare il "romanzo rosa" non facendolo scadere al livello della sola lettura da ombrellone o da inguaribile sognatrice un po' ingenua questo libro si colloca purtroppo in queste ultime categorie.

  • User Icon

    Mari

    19/09/2018 09:25:57

    Un romanzo abbastanza prevedibile. I protagonisti sono, né più né meno, quelli presentati in sinossi. Non c'è un loro sviluppo in crescendo, restano sempre gli stessi. Lui, antipatico come pochi. Il classico spaccone che si crede superiore a tutti per cui pare non esserci speranza. Poi arriva lei, la sua nemesi e scoppia il colpo di fulmine. Dovrebbe essere la classica guerra degli opposti che si attraggono senza volerlo. Laurel rispetto ad Aidan risulta più realistica, ma non mi è piaciuto l'atteggiamento ambivalente che ha verso il genere che l'ha portata al successo, fino alla fine non si capisce bene cosa realmente ne pensi.

  • User Icon

    Dany

    08/01/2018 13:04:01

    Delusione. Anna Premoli difficilmente mi delude, ma qui la storia ci mette davvero troppo a decollare. Ebbene sì, l'ho trovato noioso e poco convincente. Aspetto di leggere dei due personaggi Norman e Alex, lì mi sembra che possa esserci del potenziale...

  • User Icon

    Lisetta

    13/12/2017 17:34:19

    Ho letto altri libri dell'autrice, che ho sempre trovato godibili, ma questo mi ha delusa. Solo nella parte centrale sembra un po' animarsi ma non a sufficienza: la storia dei due protagonisti non è per niente delineata, non ci sono eventi né fatti particolari o memorabili. Si parla anche della questione dei libri "rosa" categoria spesso creduta da molti un genere molto leggero e privo di spunti, ma questo non è sufficiente per rendere bello questo romanzo.

  • User Icon

    Teresa (Fall in books blog)

    25/09/2017 10:34:38

    Ciò che mi ha colpito di questo romanzo è il fatto che la storia d’amore fa quasi da sfondo all’argomento principale del testo: la denigrazione del genere letterario “rosa”. L’autrice credo abbia voluto scrivere questa storia soprattutto per sfatare i tantissimi luoghi comuni che da sempre sono legati ai romanzi rosa e ai loro personaggi e che oggi non valgono quasi più. Da qualche tempo a questa parte il genere “rosa” si è rimodernato arricchendosi di personaggi realistici e non più perfetti, di donne forti e intelligenti che cercano sì l’amore ma non sono le donzelle indifese che bisogna proteggere a tutti i costi. La mia opinione sul libro è molto positiva, penso che la Premoli abbia un ottimo stile di scrittura e che abbia davvero reso molto credibili entrambi i personaggi. Laurel è una donna come molte, in cui ci si può immedesimare facilmente: precisa, forte e sicura di sé ma allo stesso tempo con tanta voglia di innamorarsi. Aidan invece è uno di quegli uomini che indossano una maschera e che si nasconde dietro la simpatia e la bellezza perché ha paura di mostrarsi agli altri con le sue fragilità. Sa di aver sbagliato a lasciarsi andare dopo la vittoria del Pulitzer per il suo primo romanzo ma non riesce a ritornare su i suoi passi e ad ammetterlo a sé stesso e agli altri. Mi è piaciuto molto il finale e non avrei cambiato niente di tutta la storia. Inoltre sono curiosissima di sapere cosa sia successo davvero tra Norman, l’agente dei due scrittori, e la sorella di Aidan, Alex. Nei ringraziamenti finali la stessa autrice spiega che ha intenzione di scrivere di loro per chiarire quello che è stato detto in questo testo (o NON detto). Quindi c’è solo da aspettare e speriamo non troppo.

  • User Icon

    lau

    28/08/2017 11:56:28

    Premetto che me l'hanno regalato a Natale e che l'avevo conservato come lettura da ombrellone, premetto che di solito i libri così spensierati e sdolcinati mi piacciono, ma qs veramente è il peggiore che abbia mai letto. Se cercate un Armony a tutti gli effetti eccolo...da non leggere assolutamente.

  • User Icon

    Stefania

    27/07/2017 13:41:17

    Non è propriamente il genere di romanzo che sono solita leggere, infatti nella prima parte faticavo a concentrarmi, quasi tentata di chiudere e metterlo da parte. La curiosità ha avuto la meglio e ho deciso di continuare la lettura. Ho fatto molto bene! Mi sono appassionata alla storia, volevo arrivare alla fine per capire come si sarebbe conclusa. La cosa che più ho apprezzato, è il modo con cui sono stati inseriti i pensieri dei vari personaggi, mentre compivano qualcosa. Come pensava Laurel e come invece ragionava Aidan. E' stato questo a spingermi a continuare la lettura e a terminarla poco fa molto soddisfatta!

  • User Icon

    Marina

    10/06/2017 10:31:11

    Essere una scrittrice di romanzi rosa al giorno d'oggi non è facile. c'è sempre molto pregiudizio intorno a questo mondo e c'è anche tanta competizione per ritagliarsi un posto sugli scaffali delle librerie. No, non sto parlando dell' autrice, Anna Premoli,ma della protagonista del libro, Laurel, che si ritrova a dover far fronte ad un premio Pulitzer, Aidan, che con i suoi pregiudizi e il suo sentirsi già uno scrittore finito, si accorge di essere in crisi e chiede aiuto alla stella nascente del genere più amato dalle donne! Carino, scorrevole, senza troppi personaggi inseriti nella storia e alcuni di cui vorremmo sicuramente sapere di più (prendi Norman ed Alex) , "E' solo una storia d'amore" è il tipico romanzo da leggere in pochi giorni o addirittura poche ore, o d'inverno davanti ad un camino o d'estate sotto l'ombrellone.

  • User Icon

    Ombretta

    16/02/2017 15:35:04

    Senza infamia e senza lode. Lo spunto sembrava interessante ma lo svolgimento mi ha piuttosto delusa. Questo libro è rimasto dentro alla nicchia dei romanzi rosa, anzi, nella nicchia ma dietro molti altri, nonostante i noiosissimi discorsi dell'autrice su quanto il rosa abbia dignità quanto gli altri generi. Poteva meritare 3 stelle perchè la lettura è stata abbastanza fluida ne ho date 2 a causa degli errori di ortografia, di grammatica e anche nei nomi dei personaggi. Non mi era mai capitato di leggere un libro con così tanti errori di tal genere. Forse Newton Compton non ha un correttore di bozze ? Mah.

  • User Icon

    AriaM

    17/01/2017 11:33:52

    Questo libro è fantastico. La storia, che ruota attorno a Lourel e Aidan è bellissima. Due scrittori che si ritrovano a scrivere lo stesso libro, intrecciando le loro vite insieme ai loro romanzi. Scrivere d'amore parlando d'amore. Il cliché dei Cliché che però funziona. Divertente fino all'inverosimile lo consiglio a tutti :)

  • "E' solo una storia d'amore" è un romanzo rosa che rompe i classici schemi del genere per andarli ad analizzare nel dettaglio. Il testo è scritto con ironia e devo ammettere di essere stata conquistata già dalla citazione iniziale della Austen. Che dire poi dei personaggi? Penso che sia la prima volta in cui ad attrarmi sono i personaggi secondari e non principali. Per quanto riguarda la narrazione mi è piaciuto il tono allegro con cui il tutto veniva raccontato, ma mi hanno infastidito le imprecisioni nella trama.

Vedi tutte le 27 recensioni cliente
  • Anna Premoli Cover

    Nata nel 1980 in Croazia, nel 1987 si è trasferita a Milano, dove si è laureata in Economia dei mercati finanziari, presso la Bocconi. Ha lavorato alla J.P.Morgan e, dal 2004, al Private Banking di una banca privata, dove si occupa di consulenza finanziaria e ottimizzazione fiscale. La matematica è sempre stata il suo forte, la scrittura invece è arrivata per caso, come “metodo antistress” durante la prima gravidanza. Ti prego lasciati odiare è stato il libro fenomeno del 2013: ha vinto il Premio Bancarella e ne sono stati opzionati i diritti cinematografici. Con la Newton Compton ha pubblicato tra gli altri: Come inciampare nel principe azzurro, Finché amore non ci separi, Tutti i difetti che amo di te, Un giorno perfetto per innamorarsi,... Approfondisci
Note legali
Chiudi