Sonata per pianoforte n.3 - 3 Intermezzi op.117 - 2 Rapsodie op.79 - CD Audio di Johannes Brahms,Thomas Beijer

Sonata per pianoforte n.3 - 3 Intermezzi op.117 - 2 Rapsodie op.79

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johannes Brahms
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 5 maggio 2009
  • EAN: 5028421938158

La produzione di Brahms per solo pianoforte abbraccia la sua intera vita creativa dallo Scherzo Op.4 del 1851 ai tardi Intermezzi Opp.116-9. La Sonata n.3 Op.5, opera centrale di questo disco, fu l'ultima ad essere scritta per pianoforte solo - le altre prevedono, oltre al pianoforte, il violino, il violoncello, il clarinetto o la viola. Si tratta di un eroico pezzo su larga scala che presenta notevoli pretese dal punto di vista tecnico per il pianista.

Disco 1
1
Sonata No. 3 in F Minor, Op. 5: Allegro maestoso
2
Sonata No. 3 in F Minor, Op. 5: Andante espressivo - Andante molto
3
Sonata No. 3 in F Minor, Op. 5: Scherzo: Allegro energico
4
Sonata No. 3 in F Minor, Op. 5: Intermezzo (Rückblick): Andante molto
5
Sonata No. 3 in F Minor, Op. 5: Finale: Allegro moderato ma rubato
6
3 Intermezzi, Op. 117: No. 1 Andante moderato in E-Flat Major
7
3 Intermezzi, Op. 117: No. 2 Andante non troppo e con molto espressione in B-Flat Minor
8
3 Intermezzi, Op. 117: No. 3 Andante con moto in C-Sharp Minor
9
2 Rhapsodies, Op. 79: No. 1. Agitato in B Minor
10
2 Rhapsodies, Op. 79: No. 2. Molto passionato, ma non troppo allegro in G Minor
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Johannes Brahms Cover

    Compositore tedesco.La formazione e l'incontro con Schumann. I rudimenti di musica impartitigli dal padre, suonatore di contrabbasso, e lo studio del pianoforte, effettuato con F.W. Cossel, gli permisero presto di guadagnarsi la vita in orchestrine locali. Approfondiva intanto, sotto la guida di E. Marxsen, lo studio della composizione. A vent'anni, nel corso di una tournée (accompagnava al pianoforte il violinista R. Reményi) conobbe J. Joachim che, già celebre, lo introdusse nei più influenti circoli musicali tedeschi. Se l'incontro con Liszt a Weimar (1853) lo lasciò indifferente, decisivo per la sua formazione fu quello con Schumann a Düsseldorf. Vedendo in B. una sorta di antidoto alla corrente «progressista» rappresentata da Liszt e Wagner, Schumann segnalò al pubblico il giovane musicista,... Approfondisci
Note legali