Sono un uomo morto. Parla il pentito che ha svelato i segreti della 'ndrangheta al Nord - Federico Monga,Rocco Varacalli - copertina

Sono un uomo morto. Parla il pentito che ha svelato i segreti della 'ndrangheta al Nord

Federico Monga,Rocco Varacalli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Chiarelettere
Collana: Principioattivo
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 14 febbraio 2013
Pagine: 176 p., Brossura
  • EAN: 9788861903876
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 7,51

€ 13,90
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Sono stato io ad aprire agli inquirenti il libro della 'ndrangheta." Questa è là storia dell'uomo che per primo ha raccontato l'infiltrazione della 'ndrangheta nel Nordovest d'Italia, in particolare in Piemonte e in Liguria. Si chiama Rocco Varacalli, la sua è un'epopea criminale che inizia in Calabria e finisce a Torino. Nel mezzo scorre una vita violenta, qui raccontata in prima persona e dall'interno dell'organizzazione. Più volte arrestato, Varacalli è stato condannato per traffico di stupefacenti. Dodici anni di militanza che gli hanno valso contatti di primissimo livello nell'onorata società, fino alla decisione di diventare testimone di giustizia. La sua confessione è diventata l'architrave dell'inchiesta Minotauro che nel giugno 2011 ha portato all'arresto di 150 persone e al coinvolgimento di politici, assessori, consiglieri regionali e imprenditori. L'alta velocità, i cantieri delle Olimpiadi invernali a Torino, la costruzione del centro commerciale Le Gru di Grugliasco (Torino) con le famiglie calabresi che stringono la mano a Berlusconi il giorno dell'inaugurazione, il porto di Imperia. E poi il traffico internazionale di droga dall'America del Sud all'Europa e alle grandi città dell'Italia del Nord, passando per l'Africa. Varacalli racconta tutto: la scelta di pentirsi, le pressioni della famiglia, il disconoscimento, le minacce, le stragi e gli omicidi. E come funziona l'organizzazione.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marco Tolotti

    08/08/2013 12:41:07

    Un libro molto utile, in grado i aprire finalmente una fessura nel muro di omertà che gravita intorno alla criminalità organizzata in generale in Piemonte (ma discorso analogo lo si potrebbe fare per tutto il nord Italia). Spiega bene anche i meccanismi di reclutamento ed il fiume di denaro che le cosche calabresi dell' 'ndrangheta guadagnano al nord. Spiegato bene anche il concetto di infiltrazione nei capitali delle società. Speriamo sia il primo libro di una lunga serie sulla criminalità organizzata al nord!

Note legali