Stripe PDP
Salvato in 173 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Sopra eroi e tombe
22,10 € 26,00 €
;
LIBRO
Venditore: IBS
+220 punti Effe
-15% 26,00 € 22,10 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
22,10 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
26,00 € + 8,00 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
22,10 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
26,00 € + 8,00 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Sopra eroi e tombe - Ernesto Sabato - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Sopra eroi e tombe Ernesto Sabato
€ 26,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Il romanzo racconta i destini degli ultimi rappresentanti di una famiglia oligarchica decaduta nella Buenos Aires peronista degli anni Cinquanta, intercalati con la tragica storia dei seguaci del generale Lavalle, che da sconfitti trasportarono il cadavere del loro comandante fino in Bolivia nel 1841. Da un lato, la cronaca di un amore, quello fra il malinconico Martino e la misteriosa Alessandra, una relazione intensa e tormentata, con l'algida diciottenne incapace di sottrarsi a un atroce destino: la predisposizione genetica della sua famiglia alla pazzia. Dall'altro l'atmosfera nella quale si dibattono gli altri protagonisti: con le ossessioni paranoiche del padre di Alessandra che racconta (un vero e proprio romanzo nel romanzo) di un'implacabile setta di ciechi che governerebbe il mondo e le speranze di Bruno (il confidente dei due innamorati, nonché alter ego di Sabato).
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2009
10 novembre 2009
579 p., Brossura
9788806178352

Valutazioni e recensioni

4,25/5
Recensioni: 4/5
(16)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(12)
4
(0)
3
(1)
2
(2)
1
(1)
Sandro G 74
Recensioni: 5/5

Il capolavoro del grande autore argentino, opera avvolgente, mistica, politica, esistenzialista, ed inquietante. Da solo il romanzo nel romanzo "Il rapporto sui ciechi", vale il prezzo del biglietto, sembra scritto e pensato da uno come Lovecraft. Eros e thanatos, cospirazioni infernali ai danni dell'umanita', una setta di ciechi che governa il mondo da dietro le quinte, una delle migliori opere di tutta la letteratura argentina novecentesca.

Leggi di più Leggi di meno
Nicola
Recensioni: 5/5

“Sopra eroi e tombe” è un’opera complessa dai molteplici contrapposti temi: amore e morte, realtà e apparenza, tutto permeato di una tragica ambiguità. Né si può dire che vi sia un solo protagonista intorno al quale si dipana la storia. Siamo di fronte a personaggi di grande rilievo e spessore, ciascuno dei quali rappresenta una metafora della vita e della realtà. Il più semplice è certamente Martin che si trova ad affrontare tuttavia personalità enigmatiche, talvolta incomprensibili quali Alejandra o Fernando. Proprio questi ultimi due personaggi sono in effetti la chiave del romanzo, nella misura in cui essi rappresentano il lato oscuro della vita, la tragica irrisolta speranza di sedare le inquietudini e la disperazione. Alejandra è luce e ombra allo stesso tempo, proprio come la vita, ella è infatti la metafora stessa della vita. La sua ambiguità la rende irraggiungibile agli occhi di Martin che soffre terribilmente, consapevole di non potere avere la sua anima e risolvere le sue angosce. Fernando è personaggio ancora più complesso, egli rappresenta la disperata ricerca dell’uomo di un mondo migliore, senza tuttavia riuscire a interagire con un mondo mercificato e globalizzato. La sua è una vera discesa agli inferi, con lo scopo di trovare una sintesi tra bene e male, e ricreare un sentimento di speranza. È buio il mondo dominante in cui agisce Fernando, come è buio il mondo stesso di Sabato, è lo stesso buio in cui sono immersi i ciechi. Ogni valore si è dissolto, la ragione si è smarrita. Fernando cerca di cambiare la realtà, ma sprofonda nell’abiezione e nella trasgressione estrema. Il suo mondo è popolato delle paure che egli coltiva dentro di sé. La complessità del romanzo non si limita tuttavia ai suoi contenuti, esso è infatti un insieme di diversi generi, dal romanzo sentimentale al gotico, alla satira sociale, al resoconto storico-politico.

Leggi di più Leggi di meno
hlovecraft
Recensioni: 5/5

Capolavoro di Ernesto Sabato che riesce a costruire, o meglio a rinvenire, a portare alla luce da qualche profondità ctonia, una storia di amore impossibile e umanissima, un affresco a tinte fosche di un mondo spinto fino all'orlo dell'abisso e che nell'abisso si getta, come testimonia il romanzo nel romanzo "Rapporto sui ciechi", cuore del libro e cuore (di tenebra) di tutta l'opera di Sabato.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,25/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(12)
4
(0)
3
(1)
2
(2)
1
(1)

Voce della critica

"Sebbene abbia un solo dorso, un libro possiede cento volti": è una frase che Julio Cortàzar attribuisce a Nâser-e Khosrow, "nato in Persia nel XI secolo", ed è un buon viatico per avvicinare Sopra eroi e tombe, il secondo e più grande romanzo di Ernesto Sábato, ora riproposto da Einaudi con una densa prefazione di Ernesto Franco e in una nuova traduzione (la precedente, di Fausta Leoni, era passata da Feltrinelli, 1965 e 1975, a Editori Riuniti, 1987 e 1997). In Prima della fine (Einaudi, 2000), che intrecciava i fili dell'autobiografia a quelli di una senile e un poco generica complainte sui destini del pianeta e della civiltà, Sábato avvertiva all'inizio il lettore: "Dio, se esiste, dev'essere mascherato", a significare che l'incandescente materia dei suoi romanzi non era passibile di un'esegesi biografica, che la vera vita abitava tra le pieghe delle finzioni e delle parole e non tra quelle dell'esistenza. Ben più crudele è la teodicea che leggiamo nel Rapporto sui ciechi, terzo terribile capitolo di Sopra eroi e tombe: "Dio è un povero diavolo, alle prese con un problema troppo complicato per le sue forze. Lotta con la materia come un artista con la propria opera. Qualche volta, in qualche momento, riesce ad essere Goya, ma generalmente è un disastro". Ecco, Sopra eroi e tombe, che assume di volta in volta le sembianze di storia d'amore e di conte philosophique, di poema in prosa e di romanzo di costume, di narrazione epica e di pamphlet letterario, non è che la cronaca di uno dei disastri di Dio, e delle vittime e dei reduci.
Che sia un disastro ci viene detto sin dalla primissima pagina, nella tragica conclusione che aggredisce il lettore ad apertura di libro: la protagonista femminile, l'evanescente oscura e splendida Alejandra, si è suicidata ardendosi viva dopo aver ucciso il padre Fernando Vidal Olmos con quattro colpi di pistola. Tra gli effetti personali di Fernando viene scoperto un manoscritto intitolato Rapporto sui ciechi, da cui "è possibile ricavare ipotesi che getterebbero una luce particolare sul delitto e che, caduta l'ipotesi di un gesto di follia, favorirebbero un'ipotesi ancora più truce". Nei primi due capitoli si snoda la storia dell'amore tormentato, inafferrabile e dissestato, tra Alejandra e l'attonito ma risoluto Martín: come la Nadja di André Breton (amico di Sábato, che fu tra i surrealisti parigini negli anni trenta), la ragazza è sensibile e magnetica, l'antenna di un sismografo che misura terremoti psichici di inaudita violenza. Martín e Alejandra sono i giovani che in Prima della fine Sábato definirà "eredi di un abisso": la similitudine si fa reale quando conosciamo i genitori dei ragazzi, la "madrefogna" di Martín e la galleria di freaks dell'anima che condivide con Alejandra le stanze dell'enorme, antico Belvedere, dove un secolo di storia argentina, di eroismi e di massacri scricchiola tra le pareti in attesa del fuoco. Insieme e intorno a loro vive una pletora di personaggi che paiono abitanti di una Babele immaginaria, dove la torre è crollata ma ancora si parla la lingua franca dei muratori superstiti: un impasto di toni e cadenze che deve aver fatto disperare il traduttore Jaime Riera Rehren, tra violinisti e camionisti, politica e campionati di calcio, pettegolezzi teatrali e discussioni letterarie. Vi compare anche Jorge Luis Borges in persona, amato e detestato da Sábato: se nelle pagine autobiografiche e in quelle saggistiche lo scrittore non perderà occasione di accarezzare in contropelo i metafisici arabeschi dell'autore di Finzioni, in Sopra eroi e tombe ce ne restituisce un icastico ritratto difficile da dimenticare:"Il viso pareva fosse stato disegnato e poi mezzo cancellato con una gomma. Balbettava". Quella Babele è ovviamente Buenos Aires, ma è soprattutto una metropoli del sogno e della memoria. Fa sorridere dunque la premura dell'editore, che al romanzo premette una mappa dei quartieri in cui le vicende si svolgono: come l'isola del baleniere Queequeg in Moby Dick, la Buenos Aires di Sábato "non era segnata su nessuna carta: i luoghi veri non lo sono mai".
Come il luogo, anche il tempo del romanzo trascolora subito in una dimensione interiore: tutto è narrato a giochi fatti, quando consummatum est, ma allo stesso tempo è presente nel ricordo e nel racconto di Bruno, letterato amico dei due giovani e del padre di lei nonché trasparente alter ego di Sábato. Ad amplificare questa sensazione di caleidoscopio, in cui ogni personaggio e ogni gesto e parola hanno un senso solo nel gioco di rifrazioni e distorsioni che fanno eco e modulano la materia del romanzo, Sopra eroi e tombe contiene, distillato e rischiarato in una tenebrosa luce di complotto, il primo romanzo di Sábato, Il tunnel (1948; Einaudi, 2001), e sarà a sua volta contenuto nel terzo capitolo della trilogia, il meno riuscito L'angelo dell'abisso (1974; Rizzoli, 1977), dove alcuni degli eroi sopravvissuti alle tombe ritorneranno per confrontarsi con l'Apocalisse e con lo stesso Sábato, che da narratore si sdoppia in personaggio.
A questo gioco di rimandi, cornici e specchi deformanti sfugge il Rapporto sui ciechi, che sta "come un monolito" al centro del romanzo. Nella sua compattezza agghiacciante, il Rapporto è la mappa dettagliata di una strada per l'inferno lastricata di pessime intenzioni: lo smascheramento del complotto ordito dai ciechi per governare il mondo "mediante gli incubi e le allucinazioni, le pesti e le streghe, gli indovini e gli uccelli, le serpi e, in generale, tutti i mostri delle tenebre e delle caverne". La scrittura si fa affilata e tagliente, la voce di Fernando Vidal Olmos riempie di sé la pagina incendiando e riducendo in cenere le tessiture polifoniche del romanzo, l'ironia si fa ghigno spietato, l'elegia diviene invettiva. Ernesto Franco, nella prefazione, lo avvicina fascinosamente, a "un pianeta Kafka compreso in un universo Dostoevskij", ma altre e più atroci letture vengono alla mente.
È come se Céline dirigesse uno spartito di Lovecraft, come se, ben oltre il termine della notte, il contemptor mundi di Bagatelle per un massacro guardasse in faccia i responsabili della vacherie cosmica ed eterna, e scoprisse che i loro lineamenti sono quelli di una razza preumana, progenie di Chtulhu esiliata nei sotterranei e tra le ombre di Buenos Aires. Molti sono i ricordi céliniani, come il protagonista, che legge soltanto più "la pubblicità e la cronaca nera" (mentre per Céline era "la pubblicità e i necrologi… sai quel che la gente vuole e sai che sono morti… Basta!"). Céliniano è anche lo humour del Rapporto, uno humour che solo per difetto possiamo definire nerissimo; e degna del Céline "chroniqueur des Grands-Guignols" è la terribile traversata della legione Lavalle, impegnata a scortare in Bolivia il corpo in putrefazione del generale che l'ha guidata. Molte sono poi le citazioni, quasi palmari, da Lovecraft, ma anche dal Poe del Gordon Pym, dall'Arthur Machen di Il gran dio Pan (secondo il quale, come per Sábato, "i gerarchi dell'inferno passano inosservati tra di noi"), dal William Hope Hodgson di La casa sull'abisso. Quanto peso quella letteratura visionaria e fantastica abbia avuto nella cultura argentina può confermarlo la Vita di Edgar Allan Poe di Cortàzar (Le Lettere, 2004), ma anche il racconto di Borges There are more things (in Il libro di sabbia, Rizzoli, 1975), dedicato alla memoria di Lovecraft. Ci si potrebbe arrischiare a pensare che il complotto ultraumano sia divenuto una sorta di Genius loci, se l'incantato flâneur del mondo intero Bruce Chatwin incontrerà In Patagonia (Adelphi 1982) la temibile Brujeria, evidente emanazione della setta dei ciechi che finirà con il perdere Fernando Vidal Olmos e forse il mondo intero. Il Creatore, sembra dirci lo gnostico Sábato, è un re atroce: e non solo per le istanze dell'anagramma.
Luca Bianco

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Ernesto Sabato

1911, Rojas

Ernesto Sabato (1911-2011) è autore di tre soli romanzi: Il tunnel (1948), Sopra eroi e tombe (1961) e L’angelo dell’abisso (1974; SUR 2012) e di una corposa produzione saggistica fra cui spiccano Lo scrittore e i suoi fantasmi (1963), La resistencia (2000). Nel 1983, in seguito alla caduta della dittatura argentina, Sábato fu nominato presidente della commissione nazionale sui desaparecidos, le cui ricerche sono raccolte nel rapporto Nunca más (Mai più) che denunciò le atrocità commesse dalla giunta militare. Nel 1984 ha vinto il Premio Cervantes, e nel 2007 è stato candidato al Nobel.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore