Collana: La memoria
Anno edizione: 1997
In commercio dal: 28 novembre 1997
Pagine: 204 p.
  • EAN: 9788838913952

70° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Racconti

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

"Che disdetta, che jettatura... E' inutile, non ho fortuna!". Il destino è il nuovo dio di una società siciliana che ha perduto tutti i suoi numi (quelli della religione come quelli della scienza) così come si presenta nel 1887 a De Roberto, narratore allora esordiente. Nelle storie dei personaggi più diversi (dalla principessa all'artigiano, dal barbiere ambizioso al suicida fallito) De Roberto vede la 'sorte' come provvisorio cemento ideologico di una comunità altrimenti avviata alla disgregazione: il più adatto a gente che è troppo debole per costruirsi una vita secondo volontà ma che esige comunque una qualche spiegazione della propria sconfitta.

€ 6,59

€ 7,75

Risparmi € 1,16 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 4,18

€ 7,75

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alessandro

    15/07/2011 16:54:32

    Fedederico De Roberto è conosciuto per il suo capolavoro 'I Vicerè' (ed il relativo eterno duello con 'Il Gattopardo' di Tomasi di Lampedusa). 'I Vicerè' sono la testimonianza malinconica di un mondo senza ritorno,una Sicilia su cui aleggia il senso del disfacimento e della fine imminente. 'La sorte' , ambientata negli stessi luoghi ma dopo l'unita d' Italia,racconta di una società disgregata,disillusa,fatta di apparenze,la cui fragilità economica e spirituale è facilmente riconoscibile. A 151 anni dal famigerato incontro a Teano tra Garibaldi e Vittorio Emanuele,il nostro popolo è ancora nella stessa condizione,e le vicende dei personaggi che De Roberto narra nelle otto storielle,sono le stesse,mutatis mutandis,che occupano le colonne di Cronaca di tutti i quotidiani da Nord a Sud. A quel tempo trovavamo paesani,nobili in declino,nuovi borghesi che miravano a confondersi con l'ambiente dei nobili;oggi operai,studenti,borghesi e politici che cercano di imitare calciatori,veline e rock stars. Grande pregio e novità di De Roberto è di aver utilizzato come mastice (come tara?)per tutti,per tutte le storie, la sorte, che " talvolta dice sì e talvolta dice no",ma sia per i ricchi che per i poveri è il Destino,nuovo dio lunatico e beffardo. Al contrario delle Novelle del Verga o del Pirandello, ne "La sorte",tra la prima novella intitolata 'La disdetta' all'ultima 'Rivolta' , tutti i protagonisti,in un breve arco di anni, si rincorrono tra miseria e nobiltà,sogno e realtà, sempre negli stessi luoghi. Stupenda la postfazione di Dominique Fernandez, sicilianista in pectore.

Scrivi una recensione