Sotto falso nome. Verità e menzogna nella letteratura cristiana antica - Bart D. Ehrman - copertina

Sotto falso nome. Verità e menzogna nella letteratura cristiana antica

Bart D. Ehrman

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Giancarlo Brioschi
Editore: Carocci
Collana: Le sfere
Anno edizione: 2012
Pagine: 266 p., Brossura
  • EAN: 9788843066278
Salvato in 60 liste dei desideri

€ 30,10

€ 31,60
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

Solo una copia disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Falsi vangeli, false lettere, false apocalissi, anche fra i libri del Nuovo Testamento, impiegati come armi per affermare alcune convinzioni religiose o per contrastarne altre. In questo nuovo volume Bart D. Ehrman ci conduce in un viaggio nei primi quattro secoli dell'era cristiana, mettendo in luce un altro aspetto di quella "battaglia per le Sacre Scritture" di cui aveva già delineato i contorni nei Cristianesimi perduti: la pratica della contraffazione. Una storia di fede, dunque, ma soprattutto di libri falsi e di falsi apostoli, di imposture patenti e di mezze verità sullo sfondo turbolento e affascinante dei primi secoli cristiani.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Lee66

    15/04/2016 12:58:19

    Un altro importante lavoro con il quale l'autore mette in discussione in maniera esaustiva e documentata, i dogmi finora indiscussi della Chiesa basati sulla letteratura cristiana antica. Un importante documento che fa luce su quel misterioso periodo dei primi secoli del cristianesimo primitivo fervido di vangeli, lettere, trattati ed apocalissi che dichiarano di essere stati scritti da qualcuno che in verità non l'ha fatto. Un periodo in cui il dilagare di scritti e di interpretazioni libere sul cristianesimo, ha generato una quantitá spropositata di testi, di correnti di pensiero e di illustri ma discutibili personaggi che hanno contribuito, ognuno a suo modo, a distorcere in maniera forse irreversibile il messaggio di Cristo. A cominciare dai vangeli canonici scritti da chiunque ma non dai discepoli, cosa che invece da circa duemila anni è data per scontata e che contengono ognuno imprecisioni, aggiunte e/o omissioni a seconda del messaggio o della destinazione d'uso del vangelo stesso. L'autore, inoltre, fornisce alcune spiegazioni logiche per il periodo in questione, per giustificare il dilagare di scritti contraffatti o anonimi o di falsi autori come indicato nel titolo. Un testo obbligatorio per chi vuole aumentare le proprie conoscenze religiose facendo luce sulle origini del cristianesimo e le sue dinamiche storiche prima ancora che dogmatiche e incontestabili. Il libro cerca di rispondere alla domanda: chi ha veramente scritto cosa e perchè? Come sono nati i Vangeli e quanti ne sono esistiti? Quanto è affidabile il contenuto di un testo se l'autore non è quello dichiarato? Un testo che mette a dura prova la propria fede e le proprie certezze e che rimette in discussione le basi monolitiche della Chiesa e del cristianesimo primitivo. Ottimo.

Note legali