Sotto gli occhi dell'Occidente

Joseph Conrad

Traduttore: G. Lonza
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 2
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 5 luglio 2007
Pagine: XLII-357 p., Brossura
  • EAN: 9788811365594
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Razumov conosce Haldin, che ha assassinato un ministro e cerca di fuggire dalla Russia. Di fronte alla ricerca d'aiuto da parte di Haldin, Razumov reagisce con il tradimento: consegna l'amico alla polizia, accorgendosi ben presto della gravità del proprio atto. L'ombra della colpa lo perseguita e il destino lo porta a incontrare la sorella di Haldin, della quale si innamora. Dovrà confessare a Natalia ciò che ha fatto? La vicenda è narrata da un professore inglese che vive a contatto con gli emigrati russi: un occidentale, quindi, estraneo ai fatti, nei quali però scopre, come Conrad stesso, una proiezione dei propri atteggiamenti contraddittori. Il gioco di specchi si moltiplica quindi fra scrittore e protagonista. Introduzione di Francesco Binni.

€ 7,56

€ 8,90

Risparmi € 1,34 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    sandro landonio

    21/07/2013 00:13:32

    L'ambientazione non é tipicamente conradiana: la trama si svolge nell' ambiente dei rivoluzionari russi di inizio secolo emigrati a Ginevra per sfuggire alla polizia zarista. Più volte (già nel titolo) viene sottolineato il contrasto fra la visione orientale (russa) nell'interpretazione di certi avvenimenti in contrasto con quella occidentale della voce narrante, un insegnante inglese, amico di una delle protagoniste. A fronte del fatto che la figura di quest' ultimo é molto meno credibile di quella di Marlow, la sensazione é che un pò tutto il romanzo sia avvolto da un atmosfera artificiale, come una costruzione preparatoria solo del colpo di scena finale. Colpisce comunque in certi accenni dell' autore, la preveggenza, dieci anni prima, sul destino della rivoluzione russa, con il contrasto al suo interno fra certe idealità e chi poi nei fatti deterrà il potere.

Scrivi una recensione