DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Sotto una stella crudele. Una vita a Praga (1941-1968)

Heda Margolius Kovaly

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Silvia Pareschi
Editore: Adelphi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,03 MB
  • EAN: 9788845978845
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Si puo` scampare alle persecuzioni dei due grandi regimi totalitari del Novecento e poi scrivere un libro di memorie come questo: sobrio, indomito, luminoso. Heda Bloch e` fuggita dalla marcia della morte verso Bergen-Belsen, ma Praga la riaccoglie con ostilita`: troppo forte, per i suoi amici, e` il terrore delle rappresaglie naziste. Dopo la liberazione e la «rinascita comunista», nel 1952 il marito, Rudolf Margolius, alto funzionario governativo – un «mercenario al servizio degli imperialisti» –, verra` condannato all’impiccagione nel clima plumbeo e maligno del processo contro il segretario generale Sla?nsky?. Inizia il periodo del «silenzio attonito, terrorizzato»; solo le seconde nozze con Pavel Kova?ly salveranno Heda e il figlio Ivan da una lunga, tragica vita da reietti. E quando sta per giungere il lieto fine, quando dopo la Primavera di Dubcek tutta la popolazione di «una citta` che non riusciva a dormire per la gioia» si riversa festosa in strada, ecco l’estremo orrore: l’arrivo dei carri armati sovietici.
5
di 5
Totale 4
5
4
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    antonella t.

    01/07/2019 09:57:26

    Emozionante e coinvolgente. Una testimonianza che insegna moltissimo dal punto di vista storico e soprattutto umano. Consigliatissimo!

  • User Icon

    Simona

    23/04/2019 06:10:55

    Ho letto questo testo in due giorni terminandolo alle 4.50 del mattino.Se "Un libro deve essere un'ascia per rompere il mare di ghiaccio che è dentro di noi" l'autrice approda a questo risultato con la dolcezza della sua narrazione , nonostante le strazianti vicende personali ; attraverso uno sguardo limpido racconta avvenimenti storici fondamentali per capire l'Europa in cui viviamo ( nazismo e comunismo) .

  • User Icon

    Renzo Rosso

    23/04/2019 05:47:36

    Ho finito di leggere il libro all'alba . impossibile distogliere l'attenzione.Se "Un libro deve essere un'ascia per rompere il mare di ghiaccio che è dentro di noi." questo lo fa con precauzione. La recensione precedente,a mio parere, rovina la lettura del testo che è denso di avvenimenti storici essenziali per comprendere la nostra Europa , eppure scritto con una dolcezza oggi introvabile, nonostante i dettagli della vita di Heda Margolius Kovàly siano strazianti.

  • User Icon

    Claudio

    08/09/2018 08:28:58

    Heda è una ragazza di Praga, di famiglia borghese, ebrea. Sarà l'unica sopravvissuta ai lager nazisti, da cui fuggirà durante la marcia della morte. Ma il ritorno a Praga sarà ancor di più traumatico, perché nessuno può o vuole aiutarla. Arriverà anche a pensare al suicidio pur di non subire quel tipo di vita. Ma finalmente finisce la guerra. Torna dal lager anche il suo futuro marito, che, dopo il colpo di sttao comunista, diventerà un importante uomo politici, arrivando alla carica di vice ministro. Ma le purghe staliniane colpiscono anche la Cecoslovacchia e Margolius viene prima arrestato e successivamente condannato all'impiccagione come nemico del popolo, assieme ad atri tredici importanti politici, fra cui il segretario del partito. Heda viene licenziata più volte, salva solo il bambino tramite una parente e si ammala gravemente; ma anche le cure ospedaliere per una nemica del popolo non sono ammesse. Solo un vecchio amico si prende cura di lei e sarà successivamente il secondo marito. Finalmente Stalin muore e vengono a galla gli orrori dei processi. Anche Margolius viene riabilitato e la vita della famiglia migliora. Fino ad arrivare al famoso 1968, alla "Primavera di Praga" che tanti sogni aveva instillato ma che finì presto con l'invasione del patto di Varsavia nell'agosto di quell'anno. Dopo varie peripezie, Heda riesce finalmente ad uscire dal paese e raggiungere il marito negli Stati Uniti, dove stava facendo una serie di conferenze, mentre il figlio studiava da tempo in Inghilterra.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
| Vedi di più >
Note legali