Spacefood. La nuova gastronomia siderale - Andrea Coco - copertina

Spacefood. La nuova gastronomia siderale

Andrea Coco

Scrivi una recensione
Editore: Scatole Parlanti
Collana: Mondi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 10 novembre 2017
Pagine: 220 p., Brossura
  • EAN: 9788832810370
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 12,75

€ 15,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Prendete il più celebre critico enogastronomico dell'Universo, Aner Sims. Aggiungete il famelico - in tutti i sensi - paladino della Flotta Spaziale, Augusto "Rock" Parboni. Portateli là, dove nessun giornalista si è mai spinto per una recensione, nei locali più estremi del Cosmo. La prima tappa è il "Ristorante che non c'è", dove per accedere occorre prima dimostrare le proprie capacità nell'eloquio, pena... la disintegrazione. Poi, assieme a Scilla Aliprand, responsabile del Servizio di Protezione Aziendale di una multinazionale, si parte alla volta del pianeta Znavel, dove occorre indagare sulla misteriosa scomparsa del grande cuoco Apuleius. I tre flâneurs delle tavole imbandite mettono a repentaglio la propria incolumità pur di soddisfare le curiosità gastronomiche e ritrovare gli antichi valori della ristorazione. Spacefood è fantascienza con contorno di citazioni musicali e un filo di humor extraterrestre.
4
di 5
Totale 3
5
0
4
3
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Rosanna A.

    22/11/2018 07:44:08

    Un romanzo che è un tributo all’Irlanda e agli irlandesi e rientra nel filone della fantascienza umoristica, con evidenti riferimenti al ciclo "Guida galattica per autostoppisti" di Douglas Adams e all’antologia "La settima vittima" di Robert Sheckley. Romanzi nei quali è comunque presente la satira sociale e una morale, seppure secondaria, rispetto all’aspetto comico-narrativo. Inoltre lo stesso autore ammette di aver preso numerosi spunti da tre libri di Achille Campanile, grande scrittore italiano e il più grande umorista che l’Italia ha avuto nel Novecento: Agosto, moglie mia non ti conosco, Tragedie in due battute e L’Eroe. Il romanzo, suddiviso in tre capitoli: una parodia di una recensione giornalistica gastronomica e due avventure, che raccontano improbabili imprese ambientate in un universo surreale, popolato da personaggi bizzarri capaci di ridere, far ridere e ridere di se stessi. Il protagonista è Aner Sims, un giornalista enogastronomico che cura la rubrica “Ristoranti Novità” per il giornale The Times of Hibernia, la principale testata giornalistica del pianeta omonimo, con sede nella capitale. Valente critico, deve difendersi dai colleghi che lo sottostimano e da Augustus, che lo tormenta con le sue trovate. Un mix interessante. Il risultato è sicuramente gradevole, specialmente per chi ama il genere.

  • User Icon

    Arianna Z.

    23/11/2017 13:02:03

    Battute folgoranti, ritmo incalzante e situazioni paradossali alla Douglas Adams. E a quale città italiana e a quali ristoranti si sarà ispirato l'autore per ambientare il secondo capitolo dell'opera?

  • User Icon

    Joseph P.

    22/11/2017 13:39:35

    Un libro divertente, suddiviso in tre capitoli. La parodia di una recensione giornalistica gastronomica e due avventure, che raccontano improbabili imprese ambientate in un universo surreale, popolato da personaggi bizzarri capaci di ridere, far ridere e ridere di se stessi. Se cercate una piacevole evasione dal grigiore quotidiano, questo libro fa la caso vostro.

Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali