Spartacus (2 DVD). Special Edition

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Stati Uniti
Anno: 1960
Supporto: DVD
Numero dischi: 2

nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Drammatico - Epico

Salvato in 46 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 6,99 €)

Capolavoro kubrickiano superiore ai soliti kolossal

Nel 73 a.C, il gladiatore Spartacus, liberatosi dalla schiavitù, guida una rivolta di schiavi, che sarà stroncata dalle legioni romane, guidate da Crasso.
4,4
di 5
Totale 25
5
16
4
4
3
4
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    d

    18/06/2020 16:39:56

    Uno dei film più belli della storia del cinema. Regia sontuosa ad altissimo livello (forse il migliore dei film di Kubrick). Kirk Douglas nelle vesti di Spartaco, lo schiavo che spezzò le catene e fece tremare Roma.

  • User Icon

    Spartaco96

    17/05/2020 14:49:29

    Un classico del cinema peplum, magistrale interpretazione di Kirk Douglas.

  • User Icon

    gaetano

    16/05/2020 11:01:24

    Rivisto ultimamente, pluripremiato di oscar, intramontabile. Immenso Kirk Douglas

  • User Icon

    Frà

    12/05/2020 20:07:28

    Un peplum diverso da ogni altro per il messaggio che porta con sè la figura dello schiavo-gladiatore e poi generale Spartaco, qui interpretato da Kirk Douglas che ne fu anche il produttore. Fu lui a sostituire il precedente regista con il giovane Kubrick: uno che non ha mai vinto Oscar importanti posto a dirigere tanti premi Oscar (Laurence Olivier, Charles Laughton e Peter Ustinov) che fecero sentire tutto il loro peso - in positivo ed in negativo - sulla realizzazione del film.

  • User Icon

    Rucco Celentano

    10/03/2019 22:50:38

    Uno dei primi film realizzati dal geniale Kubrick, anzi uno dei suoi tanti capolavori. Qui lo scenario è storico-guerriero, con il leggendario Kirk Douglas come protagonista nei panni di un fiero schiavo Trace, all'epoca degli Antichi Romani (ultimo secolo avanti Cristo). Lo scenario è l'antica Libia, tra le montagne. Il film risale al 1960, inizialmente doveva essere diretto da Anthony Mann, ma il produttore (e attore) Douglas alla fine si affidò a Kubrick con cui aveva già lavorato anni prima in Orizzonti di Gloria. L'American Film Institute ha inserito Spartacus tra i primi 100 film di tutti i tempi. Spettacolari le riprese dall'alto in cui vengono immortalati centinaia di soldati schierarsi in guerra.

  • User Icon

    landokal

    08/03/2019 10:38:08

    Kubrick regista poliedrico e geniale, si cimentò con quasi tutti i generi cinematografici, con grande efficacia, non poteva mancare allora il kolossal ambientato nell'antico romano impero, all'epoca degli schiavi , immolati per il divertimento dei nobili. La storia tra verità e leggenda, è raccontata con la solita maestria e Kirk Douglas è perfetto in questo ruolo.

  • User Icon

    Monica67

    07/03/2019 14:40:32

    Un buon film del genere peplum inferiore forse a Ben Hur e I dieci comandamenti. Qualche inesattezza storica ma scene di massa strepitose.

  • User Icon

    Michele Bettini

    08/03/2017 06:36:01

    Il precedente non è stato pubblicato, forse perché eccessivamente controcorrente. Stavolta mi limito a dare un giudizio: Film falso, che servì alle forze occulte per sfruttare le suggestioni del momento.

  • User Icon

    Davide

    16/02/2014 11:39:36

    Il voto adeguato sarebbe 4/5 ma il valore nostalgico del film che mi fece scoprire Kubrick mi spinge ad eccedere. Decisamente, aldilà delle licenze e delle fantasie storiche ( Crasso , nonostante la ricchezza non fu mai tanto potente a Roma; l'odissea degli schiavi fu assai più lunga e travagliata; il senato romano non aveva la forma degli odierni parlamenti ) il miglior film sull'antica Roma mai realizzato : dialoghi e situazioni credibili , scenari di una suggestività bucolica magnifica , una battaglia finale che per tensione e fedeltà storica spazzia via quella rissa da stadio propinata agli inizi de "Il gladiatore". Un senso dell'epica che ha abbandonato Hollywood da tempo.

  • User Icon

    Il Cinefilo

    30/04/2013 15:58:59

    Forse inferiore a Ben Hur e Quo Vadis, Spartacus però è e resterà uno dei migliori kolossal storici e una pietra miliare nelle carriere di Kirk Douglas (perfetto nella parte) e soprattutto di Stanley Kubrick. Iniziato dal maestro Anthony Mann e poi preso in mano dallo stesso Kubrick, Spartacus ha avuto una lavorazione veramente travagliata. Molti i contrasti fra Kubrick e i produttori perché i secondi non permettevano al primo di realizzare il film come voleva. Ovvio che questi contrasti avrebbero influito pesantemente e negativamente sul risultato finale che invece è un capolavoro di struggente bellezza, un dramma sulla lotta dei deboli e degli oppressi contro i potenti, narrati con la giusta dose di violenza e di romanticismo, quasi come un poema di Omero o di Virgilio (dai quali forse Kubrick ha preso ispirazione, essendo stato egli stesso un appassionato di mitologia ed epica), e interpretato magistralmente. Pur mancando dell'accento personale dei film di cui lo stesso Stanley curava la sceneggiatura, il film resta tuttavia ottimo vista anche l'esperienza del regista in campo fotografico che gli consente di realizzare scene dall'enorme impatto spettacolare. 4 premi Oscar e un successo di botteghino strepitoso (non sarà così per almeno la metà dei successivi film del maestro) Finale un po' romanzato ma superbo.

  • User Icon

    OskarSchell

    20/01/2009 16:18:34

    L'ho trovato infinitamente lungo fino ad odiare la monoespressiva faccia di Kirk Douglas!

  • User Icon

    Eugenio Sibona

    25/01/2008 09:03:02

    Come già han detto altri prima di me, è il meno personale di kubrick, e infatti io ne sono rimasto abbastanza deluso, ravvedendo il suo tocco solo nei titoli di testa e nei passaggi da una scena all'altra ("intermezzo", ecc..). la prima grandissima pecca è l'eccessiva lunghezza: nell'ora centrale per rimanere appiccicato allo schermo devi farti una flebo. douglas non mi è piaciuto moltissimo, ha sempre le stesse 3 facce, è decisamente meglio in orizzonti di gloria. tony curtis anche peggio, ha sempre LA STESSA faccia. ustinov è grandissmo, e secondo me l'avrebbe meritato lui l'oscar: infatti sono carinissime le trame tra lui e..... il senatore biondo vecchio e grasso, mi sfugge il nome!!!, vabbè, cmq con lui, tra i quali tra l'altro c'è lo schema di ambiguità sessuale ce poi sarà centrale ed esplosivo nei film successivi.

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    24/01/2008 16:32:51

    uno dei migliori film epici...non è il mio preferito del Maestro, ma è ugualmente un capolavoro...

  • User Icon

    Luca Ballati

    13/07/2007 23:22:52

    Non è inferiore ad altri capolavori kubrickiani

  • User Icon

    Elias

    28/01/2007 09:29:39

    E' chiaro che il mio commento era di quel genere, perchè dopo aver visto i vari film di KUBRICK, vederne un'altro che mi è piaciuto mi ha fatto esaltare. Adesso invece che li ho visti tutti i film del maestro STANLEY, posso dire che SPARTACUS, pur essendo un gran bel film, con sequenze magistrali e con un gran finale(il quale è una delle poche cose che ti fà sentire un tantino l'odore di KUBRICK), è sempre quello che rispecchia meno il volto del maestro. Ma sapete che cosa c'è di grave, che è l'unico film di KUBRICK in EDIZIONE SPECIALE 2 DISCHI!!Il film che meno caratterizza il volto, le idee del maestro te lo mettono in commerco in SPECIALE EDITION. Pensate se uscisse la SPECIAL EDITION di ARANCIA MECCANICA, 2001:ODISSEA NELLO SPAZIO, BARRY LYNDON, LOLITA!!! Va bene dai non sognamo troppo! Per adesso ci si può consolare guardando il MAKING OF nel dvd di THE SHINING!

  • User Icon

    Elias

    19/07/2006 11:30:42

    Dopo aver visto "2001: a space odissey", "The shining", "A clockwork orange", "Eyes wide shut" , "Full metal jacket", "Doctor Strangelove or: how I learned to stop worrying and love the bomb", "Barry Lyndon", "Paths of glory" e "Lolita" Stanley mi ha stupito ancora... Attendo di vedere i contenuti speciali...finalmente una "Special Edition" di un film di Stanley...

  • User Icon

    Alberto

    05/07/2006 16:09:18

    Il film meno personale di kubrick, ma una vetta del genere.

  • User Icon

    Gilmour

    28/06/2006 00:20:01

    Definire questo film come il peggiore è uno scempio, proprio come permettere a certa gente di fare commenti simili. Questo film è uno dei tasselli principali della storia del cinema ed è forse una delle più grandi opere di Kubrick. Da vedere assolutamente, nonostante sia molto lungo.

  • User Icon

    Simone

    16/11/2005 15:12:31

    Ma mica vorremmo paragonare Il gladiatore al capolavoro di Stanley? Cinema aulico vs cinema hollywoodiano? Ok, 5-0!

  • User Icon

    HULK

    26/07/2005 15:40:57

    Ogni generazione e società ha il cinema che si merita. A società di...cinema di....Goffredo Fofi, il quale considera Kubrick IL GENIO. quest'opera nata dalla lotta tra sceneggiatore Trumbo 'Ancora nelle liste nere', il regista Kubrick ed il produttore Douglas, naturalmente il vincitore è stato Douglas, è anticipazione delle rivolte che da li a poco, eploderanno nel mondo. l'utilizzo di attori inglesi nel ruolo dei romani' LIngua più pulita', americani nei ruoli degli spartachisti, verrà riproposto da Scorsese nell'ultima tentazione di cristo, dove il popolo parla addirittura lo slang .

Vedi tutte le 25 recensioni cliente

1960 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attore non protagonista - Ustinov Peter

  • Produzione: Universal Pictures, 2004
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Note: Contiene scene tagliate dalla versione originale
  • Durata: 197 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Italiano (DTS 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese; Serbo-croato
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: commenti tecnici: commento del produttore e attore Kirk Douglas, di Peter Ustinov, di Howard Fast, autore del libro da cui il film è tratto, del produttore Edward Lewis, di Robert A. Harris, esperto di restauro cinematografico, e dello scenografo Saul Bass; commenti tecnici: analisi scena per scena dello sceneggiatore Dalton Trumbo; opzione solo colonna sonora: colonna sonora integrativa del compositore Alex North; documenti: cinegiornali; interviste: intervista del 1960 a Jean Simmons e Peter Ustinov - intervista del 1992 a Peter Ustinov; dietro le quinte (making of): "La scuola dei gladiatori"; documentario: "The Hollywood Ten"; storyboard: storyboard originale di Saul Bass; foto: foto di scena, poster, pubblicità; disegni e animazioni: disegni originali del regista Stanley Kubrick; trailers: trailer cinematografico originale; finale alternativo; scene inedite in lingua originale
  • Kirk Douglas Cover

    Nome d'arte di Isur Gerselevic Danielovic «Demskij», attore statunitense. Di origini russe, laureato in lettere e diplomato all'American Academy of Dramatic Arts, inizia la carriera nei teatri di New York, recitando anche a Broadway. Sbarca a Hollywood nel dopoguerra, chiamato a interpretare il ruolo di un procuratore distrettuale in Lo strano amore di Marta Ivers (1946) di L. Milestone. L'anno successivo ha una parte di rilievo in Le catene della colpa di J. Tourneur e Le vie della città di B. Haskin. La sua capacità di caratterizzazione dei personaggi, unita al suo viso scolpito e volitivo, ne fanno subito una figura forte, spesso contrassegnata dal cinismo e dalla spietatezza. Non disdegna comunque anche ruoli brillanti, come in La cara segretaria (1949) di C.... Approfondisci
  • Laurence Olivier Cover

    Attore e regista inglese. Esordisce in teatro a diciannove anni segnalandosi presto come uno dei più promettenti attori inglesi allevati nel culto di W. Shakespeare. Sono infatti i trionfi sul palcoscenico con i vari Otello e Romeo e Giulietta a dare il via ai suoi successi cinematografici dopo l'esordio nel 1930 con la commedia nera Temporary Widow (Vedova temporanea) di G. Ucicky. Profilo nobile, asciutto, i gesti misurati ma energici, vanta uno sguardo profondo e il piglio dell'eroe tragico, malvagio o puro che sia. Trova a Hollywood la prima parte alla sua altezza nei panni del mefistofelico Heathcliff, il «cattivo» di La voce nella tempesta (1939) di W. Wyler, tratto dal romanzo Cime tempestose di E. Brontë. L'anno dopo si cala perfettamente nell'atmosfera lugubre e minacciosa allestita... Approfondisci
  • Jean Simmons Cover

    Attrice inglese. Dopo aver calcato il palcoscenico giovanissima, debutta sul grande schermo a soli quindici anni: bruna, intensa, bellezza delicata e quasi fragile, lavora con i maggiori registi inglesi, fino alla conquista di Hollywood. Dopo aver interpretato eroine quali l’Estella adolescente del dickensiano Grandi speranze (1946) di D. Lean e la giovane peccatrice indigena del melodrammatico Narciso nero (1947) di M. Powell, viene scelta da L. Olivier per il ruolo di Ofelia nello shakespeariano Amleto (1948), con cui conquista il premio per la migliore interpretazione a Venezia. Nelle pellicole successive è la crudele e inquieta protagonista del giallo Seduzione mortale (1952) di O. Preminger, moderna e combattiva giovane in cerca del proprio destino nell’intimista L’attrice (1953) di G.... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali