Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Lo spazio bianco

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2008
Supporto: DVD
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 11,99

Venduto e spedito da Vecosell

spinner

Disponibile in 4 gg lavorativi

Solo 1 prodotto disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 3,00 €)

2,8
di 5
Totale 5
5
0
4
3
3
0
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Masi

    25/09/2019 16:17:35

    Lo spazio bianco è la nascita di un figlio: quando nasce un figlio la vita si resetta e se ne comincia una nuova. Un film gradevole e senza l'uso eccessivo di retorica, dialoghi credibili, ritmo ragionato ed interpretazioni sentite, portano il film ad offrire una visione lineare e coinvolgente quanto basta per infondere una certa dose di emozioni.

  • User Icon

    ROBERTO'61

    01/09/2012 22:47:43

    Maria, quarantenne single, è alle prese con una maternità prematura: sua figlia è in un'incubatrice, in "uno spazio bianco" tra la nascita e il nulla. Tratto dal bel romanzo della napoletana Valeria Parrella, è un bellissimo film. La regista, anche sceneggiatrice insieme a Federica Pontremoli, ha "scorporato" i passaggi emotivi, sganciandoli dalla levità insidiosa della parola, investendoli di una visualità-vita loro autonoma nella realtà quotidiana, materiale. Ma anch'essa come privata della pesantezza pervadente: era come illuminata dall'interno, in un ambiente fisico circostante, identificabilissimo, ma non occludente. La Napoli ricostruita è una città interna al cuore, correlata alla disperata, annaspante, ma eroica e forte volontà di vita che circonda la protagonista e la sua figlioletta; che, non a caso, è chiamata Irene, cioè "pace", equilibrio, nuova volontà di ri-affrontare un futuro pieno di incognite. La capacità di fare un cinema trasognato ma tangibile e intimo, nello stesso tempo, è il tratto stilistico più evidente dell'autrice. Senza l'attrice Margherita Buy, probabilmente, il film non avrebbe avuto tutte quelle consonanze e sfumature segrete tra le due esistenze in bilico, e le altre in cerca, come il "collettivo" dei suoi studenti e delle altre mamme dell'ospedale.

  • User Icon

    Joan

    12/10/2010 18:46:04

    Un bel film italiano, con una sensibile ed elegante regia di Francesca Comencini e una recitazione piena di coraggio e verità della grandissima Margherita Buy. Bravi anche gli attori secondari. Da non perdere.

  • User Icon

    Eliana

    22/09/2010 10:43:49

    Mamma mia che noia. Lentissimo, e privo di sentimento. Non mi ha lasciato niente.

  • User Icon

    Giorgio

    29/01/2010 14:25:36

    Film decisamente scadente, anzi uno dei peggiori che abbia mai visto. La storia è lentissima e melensa, recitata malino e inconsistente. Vorrei definirlo un film adatto a donne in stato interessante ma è meglio di no. E poi onestamente siamo stufi di sorelle di.. figli di... fratelli di... Una comencini bastava, perché triturarci con due? Film sconsigliatissimo, forse il libro è migliore, ma non ho nessuna intenzione di scoprirlo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

La maternità di una donna sola, 'incubata' in quello 'spazio bianco' dove vita e morte coincidono

Trama
Maria, insegnante di italiano in una scuola serale di Napoli, vive da sola, senza genitori né amanti. Tra una confidenza all'amico Fabrizio e un ballo in discoteca, trascorre i pomeriggi al cinema, dove incontra Pietro, ragazzo padre in preda a una crisi isterica del figlioletto. I due si frequentano, hanno una relazione e Maria rimane incinta. Alla notizia, il compagno non ne vuole sapere, rifiuta di partecipare alla gravidanza, non vuole prendersi responsabilità e, quando la bambina nasce prematura, Maria dovrà affrontare il calvario dell'attesa completamente da sola.

  • Produzione: 01 - Home Entertainment, 2010
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 98 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Italiano (DTS 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); interviste: intervista a Francesca Comencini
  • Francesca Comencini Cover

    Francesca Comencini è nata a Roma, città in cui adesso vive, dopo essere stata vent’anni a Parigi. Ha scritto e diretto numerosi film e documentari, tra i quali Pianoforte, Le parole di mio padre, Ritratto di Elsa Morante, Carlo Giuliani, ragazzo, Mi piace lavorare-Mobbing, A casa nostra, In fabbrica e Lo spazio bianco. Approfondisci
  • Margherita Buy Cover

    "Attrice italiana. Diplomatasi presso l’Accademia d’arte drammatica, esordisce al cinema in La seconda notte (1985) di N. Bizzarri. Bionda con gli occhi azzurri, timida e in apparenza fragile, è un volto ormai consacrato del cinema d’autore italiano. È la ragazza snob in La stazione (1990) di S. Rubini, l’innamorata enigmista in La settimana della sfinge (1990) di D. Luchetti, la nevrotica farmacodipendente in Maledetto il giorno che t’ho incontrato (1992) di C. Verdone, la contestatrice in Facciamo paradiso (1995) di M. Monicelli e la suora tentata dalla maternità in Fuori dal mondo (1999) di G. Piccioni, forse il suo ruolo più convincente, che le ha portato meritati riconoscimenti. Segue il percorso artistico dei registi con cui ha iniziato la sua carriera: C. Verdone (Ma che colpa abbiamo... Approfondisci
Note legali
Chiudi