Lo specchio di Leonardo

Ivano Mugnaini

Editore: Eiffel
Anno edizione: 2016
Pagine: 90 p., Rilegato
  • EAN: 9788895447247
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 12,35

€ 13,00

Risparmi € 0,65 (5%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    francesca cannavò

    28/06/2017 21:18:29

    "Con il suo sguardo, l'altro conosce me più di quanto io possa conoscere me stesso, perché io non posso mai oggettivarmi, distanziarmi come un oggetto da me stesso. Io sono quel me che un altro conosce e mi sento trasformato in un oggetto inerme e nudo davanti all'altro" J.P. Sartre L’occhio fuori dal finestrino, il paesaggio conosciuto che scorre scandito dai cigolii dei cardini; i lampi ,gli scrosci violenti, bombarde di tuoni, dita di fango che arraffano i raggi. ..il carro rallenta, ansima: deve fermarsi. Il pensiero invece corre già troppo velocemente a raccattare tasselli di memoria che spianeranno le visioni : il Carro mi viene incontro con i suoi significati simbolici, è il settimo degli Arcani; il sette è l’indicatore, il settimo dito della mano: indica ed accusa. E lo si ritrova, questo dito, ben in vista nei disegni in sanguigno , nei dipinti di quell’epoca che si volle impregnare di ri-nascimento, nel dipinto forse più caro a Leonardo, “quel dito che promette il paradiso”, la rinascita finale a se stesso e che in un vortice estatico riporta al Satiro Danzante, ebbro dell’attimo d’infinito in cui viene colto da mano d’artista sconosciuto. Indica ed accusa . Espiazione e Colpa. Che colpa potrà mai essere addossata ad un genio? Al genio? La colpa del genio è la negazione del genio stesso alla propria essenza umana. Sul genio non piove grazia divina, il suo capo è eretto e fiero, si rivolge all’universo sfidandolo all’ultimo dubbio , alla prossima certezza; l’incedere manifesta sconfinate prospettive , lo sguardo a carpire la meccanica del volo, mai sospeso nel contemplarne il mistero. La negazione delle mani che accarezzano la testa , il viso di un bimbo, forse divengono ali sfrenate all’interno di quella testa, attorno a quel viso. Il Genio che si nega all’umanità , un assassino, un essere abbietto, uno di cui diffidare e da tener lontano. La colpa è piena e grave. L’espiazione è dovuta: lo svuotamento e la leggerezza. Il Processo lo istruisce il Caso: im

Scrivi una recensione