Spiagge straniere. Saggi 1993-1999 - J. M. Coetzee - copertina

Spiagge straniere. Saggi 1993-1999

J. M. Coetzee

0 recensioni
Scrivi una recensione
Curatore: P. Splendore
Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 29 agosto 2006
Pagine: 168 p., Brossura
  • EAN: 9788806172299
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,50

€ 17,50
(-40%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Spiagge straniere. Saggi 1993-1999

J. M. Coetzee

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Spiagge straniere. Saggi 1993-1999

J. M. Coetzee

€ 17,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Spiagge straniere. Saggi 1993-1999

J. M. Coetzee

€ 17,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

€ 9,45

€ 17,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

9 punti Premium

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'autore raccoglie in questo volume una decina di saggi letterari scritti negli ultimi anni per la "New York Review of Books" e una prolusione intitolata "Che cos'è un classico". Nei saggi riflette con piglio di narratore su alcuni autori del passato (Defoe, Dostoevskij, Musil e Borges), e su alcuni romanzi di autori contemporanei (Byatt, Mahfuz, Rushdie e Oz). Una sezione è dedicata agli autori che hanno scritto sull'Africa e in particolare sul Sudafrica: Nadine Gordimer, Doris Lessing e l'afrikaner Breyten Breytenbach. In "Che cos'è un classico" cerca di dare risposta al concetto di classico a partire dall'analisi della celebre conferenza di T. S. Eliot, considerando sopratutto l'alterna fortuna di J. S. Bach.
Se per Coetzee raccontare vuole dire "riportare dai più lontani margini", anche la letteratura va collocata in un "territorio lontano". Arrivarci "è un semplice problema di collegamento": si tratta di costruire "un ponte" e di collegare il luogo in cui ci troviamo nella realtà con un "territorio lontano, dove vogliamo stare", scrive in Elizabeth Costello (Einaudi, 2003), un libro ideato per essere saggio e romanzo insieme (e che ci riesce senza trasmettere artificiosità né noia).
Credo sia pensando a questo tipo di "viaggio" nella letteratura che Coetzee ha intitolato la sua raccolta di saggi critici Stranger Shores, ora in italiano nell'edizione e traduzione a cura di Paola Splendore (già traduttrice di Deserto, Donzelli, 1993) con il titolo di Spiagge straniere. Saggi 1993-1999, che della versione originale seleziona però soltanto alcuni capitoli. Ma le spiagge a cui approda Coetzee hanno anche un significato che più concretamente collega distanze storiche e geografiche: dal Settecento inglese del Robinson Crusoe di Daniel Defoe si passa al milieu russo di Dostoevskij, per arrivare ad autori del Novecento di provenienza e ambiente diverso: Musil e Borges, Byatt, Rushdie, Oz, Mahfouz, Gordimer (in una comparazione con Turgenev), Lessing, Breytenbach. Alcuni di questi vengono dal cuore dell'Europa, come Musil, altri ne rappresentano un'alterità "marginale", almeno apparentemente, provenendo dal Sudafrica, dalla Persia, dall'Egitto o dall'India; molti di loro restano in tensione fra il senso di appartenenza a uno stato lontano dalla cultura europea e il desiderio (o il destino) di spostarsi verso questo stesso centro o di porsi comunque in forte rapporto dialettico con esso.
Si tratta di classici? La domanda sorge spontanea perché in apertura viene pubblicato il testo della conferenza tenuta nel 1991 a Graz, in Austria, dal titolo tradotto Che cos'è un classico? Per certi autori la risposta sembra scontata, per altri non è affatto facile trovarla, né sembra che Coetzee voglia chiarirci che cosa sia un classico senza lasciare qualche ambiguità. Basta confrontare questo testo con quello di Calvino in Perché leggere i classici (Mondadori, 1995) per capire che l'uno si muove nelle idee chiare e distinte (ci dà un decalogo), mentre l'altro in un'oscurità che offre ben poche certezze, pur sollevando questioni critiche molto precise. In particolare, i discorsi che gli stanno maggiormente a cuore riguardano i rapporti tra la storia e la letteratura, e il problema dell'identità. Che cosa può avere significato per Eliot, ad esempio, ripensare Virgilio e l'Eneide (e con essi ridisegnare un'identità storica e letteraria dell'Europa), nell'ottobre nel 1944, "mentre le Forze alleate combattevano in Europa continentale e i tedeschi bombardavano Londra"? Oppure per lo stesso Coetzee ascoltare casualmente la musica di Bach una domenica del 1955 alla periferia di Cape Town, e rimanere come "paralizzato"? A loro volta, queste domande conducono a un'altra più esplicitamente formulata: "Quali sono i limiti – se ce ne sono – della relativizzazione storica del classico? Che cosa resta, se resta ancora qualcosa, dopo che il classico è stato storicizzato, della pretesa di parlare attraverso le epoche?". All'interno di tale indagine, l'autore arriva a una risposta, dicendo che il "classico è ciò che sopravvive alla peggiore barbarie". Ma a questo punto le domande sorgono in noi, e ancora più inquietanti: che cosa intende Coetzee, che ha scritto un libro come Aspettando i barbari, per "barbarie"? Si tratta di una provocazione, oppure di un diverso significato da dare al termine? Perché la critica, a suo dire, nel momento in cui preserva la sopravvivenza del classico (che dovrebbe già sussistere per il suo valore intrinseco), "può essere considerata uno degli strumenti dell'astuzia della storia"?
Questi problemi diventano ancora più urgenti alla luce della lettura degli altri saggi, dove è chiaro come la pietra di paragone resti sempre, inevitabilmente, il modello della letteratura occidentale, e soprattutto il romanzo realista. Ma anche qui il problema letterario si intreccia con quello storico e sociale, poiché l'interesse di Coetzee è tutto focalizzato sull'essere umano – e sull'essere umano in rapporto, appunto, con la storia e con l'identità – e, di conseguenza, sull'autore. "Solo il dolore è verità – scrive in Aspettando i barbari (Einaudi, 2000) – tutto il resto è soggetto a dubbio". E se la storia è inevitabilmente dolore, ecco perché è anche verità, nodo cruciale dell'indagine dello scrittore negli altri scrittori. Da un punto di vista sicuramente "fuori moda", infatti, che se ne infischia di Derrida e Barthes – molto più presenti, implicitamente, nei suoi romanzi – qui Coetzee mette in secondo piano i testi, anche se dà un certo spazio ai personaggi più significativi: vi fa capolino, ad esempio, Robinson Crusoe, "insieme al suo ombrello e pappagallo", e colpisce la figura di Zahira, nel romanzo L'epopea dei harafish di Naguib Mahfouz, "irrequieta nel ruolo di moglie, madre e nuora devota", che "usa le leggi progressiste dell'Islam per liberarsi di una serie di mariti insoddisfacenti, ma finisce ammazzata con un espediente da deus ex-machina che ci fa supporre che l'autore non sia riuscito a capire come concludere la parabola di questa donna impetuosa, volubile e ambiziosa", mentre delude la Frederica di Byatt, per l'"alquanto passiva intelligenza critica".
In generale, Coetzee esamina il raggio d'azione della parola e della scrittura di questi autori nel contesto di una società e di vicende storiche che rappresentano spesso forze contraddittorie, difficili da sostenere, e che pretendono l'affermazione di un'identità nel momento stesso in cui ne impongono con violenza una labile, incerta, inevitabilmente divisa o frantumata. È il caso di Musil, in bilico tra l'ipocrita Svizzera e la Germania nazista, o di Breytenbach, e delle considerazioni che può suscitare la sua provocatoria definizione di apartheid: "Siamo un popolo bastardo con una lingua bastarda. La nostra natura è di essere bastardi, ed è giusto così…". In taluni casi entrano in gioco, senza pudore o snobismi, elementi biografici che contribuiscono a delineare l'esperienza di questi scrittori, a dare corpo e concretezza alle loro pagine, come per Dostoevskij e Doris Lessing, la cui efficace "autobiografia" (così si intitola il capitolo a lei dedicato, ispirato a Sotto la pelle) delinea un rapporto difficile con la madre e quasi incestuoso con il padre, un matrimonio precoce, per andare alle radici della sua sensibilità personale e letteraria, ma anche di quella "coscienza morale" che l'autrice rivendica attraverso prese di posizioni politiche e confessioni tanto "inattuali" quanto doverosamente incisive oggi.
Ed è calandosi in questo intreccio – pur talvolta confuso, policentrico fino alla vertigine e criticamente poco ortodosso – tra parola letteraria, biografia e contesto storico, che Coetzee rivendica la sua libertà di fare critica, la volontà di guardare in faccia l'astuzia della storia senza accondiscendervi, ma interrogandola parlando di letteratura. E in questo modo, pur senza soddisfarci fino in fondo (perché troppo poco indulge a quel principio di piacere che desideriamo richiedere al testo e non all'autore), riesce ancora a portarci, da una diversa prospettiva, in quel "territorio lontano".
  Chiara Lombardi
  • J. M. Coetzee Cover

    John Maxwell Coetzee è uno scrittore sudafricano di lingua inglese, ma di discendenza afrikaner. Nel 2003 viene insignito del Premio Nobel per la Letteratura.Nelle sue opere narrative ha attaccato il sistema dell'apartheid e condannato il colonialismo nei suoi vari esempi storici, trovando il giusto equilibrio tra esigenza di denuncia e attenzione alle necessità tecniche ed estetiche del romanzo. Il suo esordio letterario avviene nel 1974 con Deserto, al quale fanno seguito Nel cuore del paese (1977), Aspettando i barbari (1980), Storia di una fattoria africana (1983), Foe (1986).Coetzee esplora nuovi territori letterari con Il Maestro di Pietroburgo (1994), Torna all’attualità con il romanzo Vergogna (1999, vincitore del Booker Prize; pubblicato in Italia nel... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali