Stabat Mater - Libera Me Domine - CD Audio di Franz Joseph Haydn

Stabat Mater - Libera Me Domine

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Franz Joseph Haydn
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Bottega Discantica
Data di pubblicazione: 11 marzo 2014
  • EAN: 8015203102774

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Haydn, che ha esplicitamente dato testimonianza del suo personale trasporto per questa sequenza, ha scelto, per così dire una soluzione di sintesi fra i due accenti. Ossia, ha cercato di armonizzare i due registri – la dolente contemplazione della Croce, l'intima assimilazione dell'amore – mantenendoli nel loro intreccio drammatico fino alla fine. Il segno più evidente della volontà di esplicitare il tema dell'amore, senza attenuare quello dell'orrore, si può riconoscere proprio nella strofa 9. Da un lato, Haydn non ha rinunciato al registro drammatico dell'immagine del fuoco, inserendo la menzione dell'abisso divorante (orcus) in cui possiamo precipitare se il sangue di Cristo non ci custodisce. Haydn sceglie per il "Libera me" lo stile polifonico della scuola rinascimentale (Palestrina), che del resto egli conosceva e apprezzava personalmente. L'antico modello gli consente di assorbire l'invocazione per la liberazione dall'angoscia "della fine" dentro la serena gravità di uno stile "non teatrale", che mette in evidenza la coralità conciliata di una fiducia interiorizzata e condivisa.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Franz Joseph Haydn Cover

    Compositore austriaco.Le vicende biografiche. Iniziò lo studio della musica sotto la guida del cugino J.M. Franck; a sei anni conosceva già molti degli strumenti che si usavano in orchestra; a otto anni si trasferì a Vienna, essendo stato prescelto da G. Reutter quale ragazzo cantore per la cappella di S. Stefano. Qui proseguì gli studi di canto, di violino, di clavicembalo e di composizione, raggiungendo un tale grado di maestria che quando, giunto alla muta della voce, fu dimesso dal coro, era già in grado di affrontare la professione di musicista. Ogni tipo di attività musicale gli era congeniale: dava lezioni di clavicembalo, suonava il violino in orchestra, scriveva facili composizioni «alla moda», accompagnava strumentisti e cantanti. Proseguiva intanto gli studi di composizione, allievo,... Approfondisci
Note legali