Categorie

Laura Bosio

Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2007
Pagine: 264 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830424586
L'ultimo romanzo di Laura Bosio si apre con un'immagine capovolta. La narratrice arriva nella tenuta dell'ex suocera, la Torricella, mentre è in atto un trasloco: un enorme armadio a specchi, che la gru sta collocando sul camion, riflette la figura della padrona di casa, ormai novantaquattrenne, a testa in giù, ma ben salda su un'ondeggiante poltrona di legno.
È un incipit che imposta efficacemente il patto narrativo: ai lettori, o forse meglio alle lettrici, è subito chiara la prospettiva rovesciata con cui sono raffigurate le terre d'acqua della Lomellina: il racconto nulla concede alle note del rimpianto nostalgico per un mondo in via di estinzione né ai timbri della rievocazione elegiaca del bel tempo antico. La cultura del riso, fonte di ricordi leggende e immagini suggestive, ha soprattutto offerto il "maggior impulso alla trasformazione dell'ambiente e del territorio". Lo sfondo di operosità dinamica, su cui si svolge la vicenda, è ricco di "infinite differenze" che provocano "incroci scandalosi". Bianca, la vecchia signora, governa incontrastata l'intrico di canali e chiuse ed è al centro della trama variegata degli eventi.
A corroborare l'ottica capovolta sono soprattutto i procedimenti compositivi che sorreggono la progressione d'intreccio. Il tempo del racconto, una settimana esatta, si dilata ad abbracciare le stagioni del passato, più o meno lontano, grazie a un taglio scorciato che, accostando documenti storici e polifonia di voci rammemoranti, elude sia lo sprofondamento regressivo nell'epoca remota delle mondine sia la ciclicità ricorrente dei ritmi stagionali. Soprattutto nelle sequenze iniziali, gli stacchi bruschi imprimono alla scansione narrativa un andamento rapsodico, talvolta spiazzante, che sottolinea le fratture e le soluzioni di continuità.
Non dissimile il trattamento delle coordinate spaziali: al centro svetta la grande casa, piena di oggetti e persone radicate nel presente, cui si affiancano arredi vetusti e figurine evanescenti di vicende ormai tramontate. Da lì, la narratrice spesso si allontana, in cerca di esperienze di vita vissuta e di incontri rivelatori, ma i suoi spostamenti valgono in realtà a corroborare il moto centripeto sotteso all'intera narrazione: tutto riporta alla Torricella. Lei, nata in quella terra d'acqua, da cui era scappata, in opposizione polemica alla famiglia e per rifiuto della provincia sonnolenta, riscopre la vitalità energetica del lavoro in risaia: e non solo abbandona la professione di traduttrice svolta nell'asettica metropoli di Losanna, ma nell'epilogo decide di accogliere l'eredità di Bianca, prendendone il posto.
Il rischio implicito in questa strategia narrativa, avvalorato dalla bandella di copertina, è quello di delineare un universo romanzesco specularmente bilicato fra poli contrapposti: "terra e cielo che si mescolano", la piantina di riso "forte e fragile", campi senza confini ma geometricamente delimitati, vite vere e visioni fantastiche, mondine che "sgobbano con la schiena curva" pronte però "a fare qualche pazzia, a ballare e poi a fare l'amore sui pagliericci", e così via, altalenando fra leggenda e scienza, adesso e allora, desiderio di fuga e ansia di radicamento. A scongiurare la convenzionalità di un reticolo di ossimori consunti è la scelta di eleggere a fulcro strutturale la figura di Bianca. Dalla sua vicenda sprigiona la tensione dinamica del racconto; dalle sue rievocazioni, abilmente dissimulate nel recit, le stagioni dell'acqua acquistano spessore e concretezza; grazie alla sua memoria, stanca ma mai ammaccata o livida, prendono vita le figure più vivide che la Torricella ha accolto e ospitato.
Tutti gli impegni che la donna ha assunto, nella vita pubblica e privata, contraddicono e capovolgono le convenienze del conformismo ottuso: forte dell'eredità paterna (a lei e non ai fratelli maschi è stata lasciata la tenuta), diventa imprenditrice accorta e illuminata; educata sulle battute di caccia, sbeffeggia, nelle pratiche quotidiane, la presunta superiorità virile, magari declinata in chiave fascista. Ancor più spavaldamente antitradizionali i comportamenti affettivi: innamorata di un giornalista dapprima mussoliniano, poi avversario del regime, non solo non lo sposa, ma gli cede, a sprezzo di ogni amor di mamma, il loro figlio appena nato. La voce narrante appartiene appunto alla ragazza che lo ha sposato e da cui ha poi divorziato: al lettore non sfugge affatto per chi simpatizzi, tra il figlio e l'ex nuora, la signora quasi centenaria. Capace di sguardo critico sul mondo, Bianca evita la retorica languida dei sentimenti, conservando il disincanto ironico che salva dai rimpianti acrimoniosi e dalle melensaggini della vecchiaia. Più che gli acciacchi della malattia, a minarne l'energia vitale è il senso di vuoto cui allude il trasloco iniziale: se ne è andata Orientina, l'altra figura femminile che avvalora l'immagine rovesciata su cui si è aperto il romanzo. Suora dai capelli rossi e dalla fervida fede, a guerra conclusa non torna in convento, resta nella tenuta di Bianca a patto di poter lavorare indefessamente: seppur priva di un braccio, è una "vera forza della natura" che irradia allegria, dando prova di autentica generosità caritatevole.
Ma è proprio intorno a Orientina che l'opera conosce una sfasatura strutturale che diluisce, impoverendola, la dinamica narrativa. Il punto di debolezza non sta tanto nella ragione dell'improvvisa scomparsa della donna, fuggita in compagnia di un ex soldato tedesco, diventato suo compagno di vita e ora accusato di omicidio, quanto piuttosto nella torsione prospettica che l'andamento melodrammatico di queste sequenze imprime al dettato. Come se l'autrice, mossa dall'ambizione di allargare e complicare il quadro, perdesse il filo forte della trama e, raddrizzando l'ottica, la banalizzasse, riconducendone lo sviluppo sotto le solite insegne degli intrighi sentimentali. Sul piano macrostrutturale, le testimonianze documentarie sulla cultura del riso, ora esplicite e dotte, appesantiscono il resoconto narrativo, disperdendo la levità delle connessioni lasche cui prima era delegata l'inserzione delle digressioni rammemoranti. Anche il sistema dei rapporti attanziali si riallinea entro la rete risaputa dei diagrammi di coppia. Esemplare l'entrata in scena di Filippo, nipote di Bianca, esperto "risaiolo", di cui la narratrice si innamora, ricambiata, al primo scambio di sguardi. Così che, nella conclusione, la morte annunciata di Bianca è compensata dalla nuova unione, con il passaggio di consegne generazionali, e dal ritrovamento di Orientina, in felice compagnia: il tutto orchestrato sulle note consuete del lirismo evocativo, a suggerire la ricomposizione di un ordine tradizionale in cui "semi" e "germi" gettati nel "terreno congeniale" rifioriranno, sullo sfondo di bagliori e riverberi luminosi.
Meglio, molto meglio, l'immagine iniziale di Bianca a testa giù, sospesa su una poltrona di legno, sola fra pavoni e coppie di caprioli.
  Giovanna Rosa

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Massimo F.

    26/08/2009 22.57.29

    Un libro suggestivo, a metà tra il romanzo melanconico-nostalgico ed il saggio sulla cultura del riso (intesa sia come coltivazione, sia come tradizioni). Belle atmosfere, personaggi variegati (alcuni ben disegnati, altri molto meno), stile scorrevole: leggibile, anche se nulla di eccezionale.

  • User Icon

    Alessio

    01/07/2009 16.26.20

    Grande scrittura, periodi estesi, proprietà lessicale e capacità di immaginazione. Il libro è un selezione di quadretti domestici e paesaggi ambientati in risaia e nei territori immediatamente adiacenti. Sullo sfondo, una vicenda neorealista che abbraccia gli anni dal dopoguerra ai giorni nostri. Ma questa è solo pretesto per unire paesaggi, situazioni, fotografie, immagini. Se fosse un quadro sarebbe impressionista. Talvolta greve nell'esposizione di convinzioni personali, l'autrice non si preoccupa di oscurare i suoi personaggi.

  • User Icon

    M. T.

    17/02/2009 10.50.49

    Dispersivo, frammentario, personaggi senza anima e senza coscienza...

  • User Icon

    enrybonzani

    20/03/2008 17.00.28

    Un Libro molto piacevole che fà comprendere le difficoltà contadine dei giorni nostri....ma allo stesso tempo evoca ricordi arcani di una società contadina ancora incontaminata composta da personaggi umani e stravaganti,bellissime le leggende contadine e le descrizioni delle risaie ...tutto sommato un buon libro a sfondo romanzesco.

  • User Icon

    guido come

    26/01/2008 14.56.26

    ...quadri a quadretti, mosaici di pianura.-

  • User Icon

    gigia

    02/01/2008 21.08.14

    non mi è piaciuto per niente..avrei salvato si e no una ventina di pagine,se volevo un trattato sulle risaie non mi compravo un romanzo...ma appunto un trattato! personaggi vuoti che non prendono spessore..che sembrano piuttosto degli intrusi che fanno ogni tanto capolino sul "documentario-risaie". incisi lunghissimi e capitoli inutili e noiosi. mi spiace aver concluso il 2007 con un libro così poco riuscito

  • User Icon

    Piero

    21/12/2007 21.10.57

    Voleva entrare nel mondo delle risaie. Infatti l'ho fatto ma sono uscito senza anima, troppo amido non lascia posto alla passione. Sempre sarà paragonata con il film "riso amaro", poveraccio libro, è un'altra cosa ma non ha potuto andarsene dil ricordo che tutti abiamo della storia raccontata nel cinema. Ci manca, mi dispiace.

  • User Icon

    Sonia

    26/11/2007 21.48.54

    Uno dei pochi libri che ho lasciato a metà: noioso, con personaggi che non prendono vita, per nulla coinvolgente. Speravo di poter entrare in un mondo affascinante e un pò insolito, ma sono stata ampiamente delusa.

  • User Icon

    Betta

    16/11/2007 10.29.16

    Ho deciso di acquistare qst libro perchè ambientato nel mio mondo. Mi avevano convinto alcune frasi, tratte dal testo, riportate in un settimanale..Ma la delusione è stata notevole. Non è riportando qualche termine dialettale o qualche aneddoto ormai di tempi lontani, piuttosto che leggende o note storiche dell'arrivo di questo cereale in Italia, che si ricrea il mondo della risaia e la gente che ci lavora..L'autrice ha semplicemente ambientato una storia di amore, incomprensioni e abitudini in una ambiente agreste, preferendolo ad altri scenari, tracciando un trattato scientifico senza sentimenti... Mancano le vere passioni, i sacrifici le gioie che caratterizzano una persona nata in mezzo alle risaie...Le emozioni che possono scaturire nel vedere il proprio seminato gemogliare, crescere e maturare..Mancano nel testo il profumo "morbido" e intenso delle terre arate, quello "secco" e pungente del riso maturo, quello "umido" e fragrante della pioggia che batte sulla terra arida, quello fresco e invitante della primavera o quello caldo e fruttato dell'estate... Il mondo della risaia non è piatto come nella descrizione dell' autrice, non sono i nuovi arrivati che lo rendono movimentato, non sono persone nate e cresciute lontano dalla campagna che possono comprenderne la sua magia e la sua impenetrabile natura...Ogni giorno è fonte di nuove emozioni, speranze, sorprese che solo noi creati dalla terra, nostra fonte di vita possiamo comprenderne..e purtroppo l'autrice, a mio parere, non è riuscita a nel suo intento...

  • User Icon

    ant

    07/09/2007 11.56.46

    Meglio la parte riguardante le curiosità, le facezie, gli aneddoti, e la storia del riso e delle mondariso. La narrazione riguardante i personaggi reali non mi ha coinvolto più di tanto

  • User Icon

    Sebastiano Ricci

    11/07/2007 03.13.02

    Una bella malinconia in un luogo poco conosciuto, il vercellese e le risaie. E' proprio il riso ad essere il protagonista del romanzo insieme ad alcune fiammanti figure di donne (Bianca, Orientina, la narratrice) che mescolano i loro destini con il ricordo delle mondine, di Silvana Mangano in Riso amaro. Meditativo, eccentrico - la Bosio non per niente è piemontese - di scrittura generosa. L'unico buon romanzo nella cinquina dello Strega 2007.

  • User Icon

    luca

    08/05/2007 16.29.33

    Leggete questo libro. I personaggi sono ricchi di umanità, spesso sorprendenti. C'è un pizzico di thriller e viene descritto con cura meticolosa un mondo affascinante - quello delle risaie - che ai nostri occhi non potrebbe apparire più lontano.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione