È la stampa, bellezza! La mia avventura nel giornalismo

Giorgio Bocca

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 11 giugno 2014
Pagine: 238 p., Brossura
  • EAN: 9788807884429
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,86
Descrizione
Nessuno meglio di Giorgio Bocca può aiutarci a riflettere sulla crisi che sta vivendo oggi la professione di giornalista. In Italia (e non solo in Italia) la carta stampata appare schiacciata dalle pressioni della politica e dell'economia, incapace di reagire allo strapotere della comunicazione televisiva, non più in grado di scandagliare i mutamenti reali della società. Orfani di grandi battaglie, i giornali perdono copie e non riescono ad attirare un pubblico di lettori più giovani. Per capire come si sia giunti a questo punto, Bocca parte da alcuni snodi fondamentali della sua più che sessantennale carriera: le grandi inchieste degli anni sessanta, la fondazione di "Repubblica", la sua stessa esperienza televisiva. Racconta il lavoro con direttori e compagni di strada. Ricostruisce anni di travagliati rapporti con i protagonisti della politica (da Craxi fino a Bossi e Berlusconi). E non risparmia critiche a chi ha portato l'informazione in un vicolo cieco.

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gidem

    28/01/2009 13:11:33

    Il solito Bocca: narciso, supponente, paternalistico, con quell’aria ormai insopportabile da venerabile maestro. Ma naturalmente, onore al merito di un grande del giornalismo di questo paese. E, soprattutto, che bellezza leggere i suoi articoli di trenta, quaranta anni fa. Quello sì che era un giornalismo di razza, fatta in un Italia che non c’è più e per italiani che, forse, non ci sono stati mai.

Scrivi una recensione