Standing on the Shoulder of Giants

Artisti: Oasis
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Helter Skelter
Data di pubblicazione: 28 febbraio 2000
  • EAN: 5099749684423
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Disponibile anche in altri formati:

€ 6,50

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Disco 1
  • 1 Fuckin' in the bushes
  • 2 Go let it out
  • 3 Who feels love?
  • 4 Put yer money where yer mouth is
  • 5 Little James
  • 6 Gas panic!
  • 7 Where did it all go wrong?
  • 8 Sunday morning call
  • 9 I can see a liar
  • 10 Roll it over

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stefy '94

    01/04/2009 19:17:21

    Non capisco secondo i critici cosa abbia di sbagliato quest'album... a me piace tantissimo! Certo non è all'altezza di "(What's the Story) Morning Glory?", ma è comunque un gran bel disco. L'album si apre benone con l'elettrizante "Fuckin' in the Bushes", prosegue con "Go Let It Out" (a mio avviso il miglior pezzo dell'album) e "Who Feels Love?" (orecchiabile ma esageratamente psicadelica). Verso la fine troviamo la bellissima "Sunday Morning Call" e la simpatica ed ironica "I Can See a Liar". L'album si conclude con "Roll It Over", non certo una delle migliori canzoni dell'album, ma comunque molto coinvolgente ed elettrizzante.

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    04/02/2009 14:09:43

    giusto...se questo album fosse stato curato di più, sarebbe oggi indicato come uno dei migliori degli Oasis...da pelle d'oca Gas panic!!!

  • User Icon

    SoFarAway

    12/12/2006 11:45:09

    Standing on the shoulder of giants si discosta dagli album precedenti e successivi per la maggiore sperimentazione e suoni + elettronici e meno beatlesiani. L'album è comunque bello anche se con qualche intoppo. Go let it out, Sunday morning call e Where did it all go wrong da sentire più e più volte

  • User Icon

    francesco

    28/08/2006 17:33:16

    Doveva essere il riscatto da un album come Be Here Now (ingiustamente definito il peggiore dei Gallagher) e ne esce un album un po' affrettato (CONCORDO CON ALEX P!!) e un po' sperimentale, cosa che agli Oasis non è mai riuscita troppo. Who feels love e Little James alzano la media e quindi il voto finale

  • User Icon

    Anny

    19/02/2006 21:54:35

    sicuramente nn è tra gli album migliori degli oasis,ma a me piace!dal punto di vista strettamente musicale è un'album sperimentale,basti pensare a canzoni cm go let it out e who feels love.E poi ci sn la dolcissima sunday morning call,la mitica fuckin in the bushes ke apre ogni concerto e gas panic ke mi da i brividi!

  • User Icon

    Alex P

    18/10/2005 19:45:26

    questo è l'unico album dove gli Oasis introducono il sound elletronico, che si sente subito al primo impatto, cmq l'album ha belle canzoni come go lot it out, who feels love, little james, sunday morning call... però non scorre bene come gli altri... l'album secondo me è stato fatto con troppa fretta e il risultato si sente.. ma cmq è carino

  • User Icon

    Filippo Galli

    22/09/2005 18:12:20

    Go let it out meglio di let it be.

  • User Icon

    Antonio Margiotti

    02/08/2005 12:52:44

    L'album degli Oasis ke mi ha deluso di + nonostante ciò vi sono 3 canzoni molto belle (go let it out, sunday morning call & little james)...meglio questo cd ke Blue 4 fans

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione