-15%
Storia dell'arte e anacronismo delle immagini - Georges Didi-Huberman - copertina

Storia dell'arte e anacronismo delle immagini

Georges Didi-Huberman

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: S. Chiodi
Collana: Nuova cultura
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 27 settembre 2007
Pagine: 263 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788833917702

40° nella classifica Bestseller di IBS Libri Filosofia - Estetica

Salvato in 39 liste dei desideri

€ 28,90

€ 34,00
(-15%)

Punti Premium: 29

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Storia dell'arte e anacronismo delle immagini

Georges Didi-Huberman

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Storia dell'arte e anacronismo delle immagini

Georges Didi-Huberman

€ 34,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Storia dell'arte e anacronismo delle immagini

Georges Didi-Huberman

€ 34,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'anacronismo, ovvero l'intrusione di un'epoca in un'altra, la proiezione sul passato di categorie che non gli appartengono, è la bestia nera di ogni disciplina storiografica, compresa la storia dell'arte. Ma il tabù dell'operazione ritenuta falsificante sopra ogni altra è rovesciato da Didi-Huberman nella prospettiva che la recupera a paradigma vitale dell'interrogazione storica, sulla scorta delle tre "stelle solitarie" che hanno posto l'immagine nel cuore stesso della riflessione sul tempo: Aby Warburg, Walter Benjamin e Carl Einstein. Il tempo non si identifica senza residui con la storia, di cui le immagini non sono meri documenti, secondo l'abusata formula "l'artista e il suo tempo". Dunque quale tempo ci sta davanti nell'immagine? È innanzi tutto un tempo plurale, un montaggio di temporalità differenti e sfasate, di ritmi eterogenei, come accade in un affresco del Beato Angelico, dove un pensiero mistico del V secolo si incastona in una cornice già rinascimentale. La storia dell'arte si esercita su questi oggetti temporalmente spuri, e facendolo modifica lo schema epistemico della storia stessa, mette in atto una serie di temporalizzazioni che è anche una critica della storia in quanto sottomessa alla dinamica chiusa della cronologia.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il titolo originale del libro (Devant le temps) impone il concetto di tempo all'attenzione del lettore, ma è sempre l'immagine a essere al centro dell'opera di Georges Didi-Huberman: un'immagine aperta, dinamica, complessa, sovradeterminata, che il tempo euristicamente attraversa, scompone e riconfigura secondo modelli impuri e anacronistici, presentati in questo volume nella speranza che possano condurre al rinnovamento dello statuto, del metodo e del compito della storia dell'arte in quanto disciplina.
Il punto di partenza è duplice: distanziarsi dal credo panofskyano della "storia dell'arte come disciplina umanistica" e, sulle orme di Michel Foucault, ripartire da un'"archeologia critica della storia dell'arte" per arrivare ad "aprire il metodo" storico-artistico. Presa di posizione che rifiuta la "consonanza eucronica" (la storia come un semplice processo continuo e omogeneo) delle interpretazioni "iconologiche" delle opere e del passato e si schiera dalla parte dei pensieri critici e teorici che hanno affermato la necessità dell'anacronismo come modello temporale interpretativo della storia, intesa come dinamica e variegata combinazione di differenti temporalità, e hanno riconosciuto la sua importanza per l'analisi delle immagini e la corretta comprensione della loro eterogeneità e complessità.
Secondo Didi-Huberman, la "mutazione epistemologica" di cui la storia dell'arte ha bisogno, ovvero quel radicale rovesciamento prospettico per il quale la storia da punto fisso diviene serie di movimenti e lo storico da padrone della storia ne diventa il destinatario, è stata realizzata da un piccolo gruppo di storici tedeschi dei primi decenni del Novecento: pensatori indipendenti fautori di opere e idee che vanno oggi riconsiderate e riattualizzate. Tre gli studiosi a cui Didi-Huberman fa particolare riferimento: Aby Warburg, Walter Benjamin e Carl Einstein, che condividono il fatto di aver posto l'immagine al centro della loro indagine storica e di essersi avvalsi di una nozione di tempo animata dalla "nozione operativa di anacronismo" e di quella psichica di inconscio. Di questi autori Didi-Huberman rivivifica alcuni strumenti che ritiene determinanti: il concetto di sopravvivenza, alla base di un modello temporale fatto di ritorni, rimozioni, cesure e latenze; la concezione delle immagini come "energie attive e vitali", campi di forze risultanti di un'eterna polarità tra due elementi contrapposti ma dialetticamente conciliabili; l'introduzione dell'inconscio come oggetto storico; la definizione della storia dell'arte come "lotta" e punto di vista allargato, antropologico e aperto su quel "campo di forme" informe e in continuo divenire che è l'arte.
La posizione teorica di Didi-Huberman ha ampiezza e ripercussioni che vanno al di là della storia dell'arte e riguardano l'immagine in tutti i suoi aspetti. La "scommessa" di questa opera vuole essere insieme archeologica, anacronistica e prospettica: una ricerca dei fondamenti, un'ipotesi di lettura e la formulazione di un modello interpretativo che reinventa "un valore d'uso a concetti segnati dalla storia (…), ma che possono rivestire oggi una qualche attualità nel dibattito sulle immagini e sul tempo". Marta Grazioli
  • Georges Didi Huberman Cover

    Georges Didi-Huberman (Saint-Étienne 1953), è uno dei maggiori filosofi e storici dell’arte francesi. Dal 1990 insegna all’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi. Oltre a Scorze, pubblicato da Nottetempo, ricordiamo Aprire Venere. Nudità, sogno, crudeltà (Einaudi, 2001), L’immagine insepolta. Aby Warburg, la memoria dei fantasmi e la storia dell’arte (Bollati Boringhieri, 2006), Ninfa moderna (2004), La pittura incarnata (2008) tutte pubblicate da il Saggiatore; e La conoscenza accidentale (Bollati Boringhieri, 2011). Approfondisci
Note legali