Storia della letteratura italiana - Francesco De Sanctis - copertina

Storia della letteratura italiana

Francesco De Sanctis

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 17 aprile 2020
Pagine: 650 p., Brossura
  • EAN: 9788833001661

€ 22,80

In uscita da: 17 aprile 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La "Storia della letteratura italiana" è il capolavoro critico e la più importante opera di Francesco De Sanctis. Si tratta della prima, sistematica, compatta e coerente sintesi di tutta la letteratura italiana. In essa l'autore ricostruisce in modo mirabile lo sfondo storico critico-civile dal quale nacquero i capolavori della letteratura italiana. L'opera è articolata in venti capitoli, dai Siciliani e Toscani fino all'Ottocento. Essa costituisce tutt'oggi una base fondamentale per lo studio della letteratura italiana.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,67
di 5
Totale 3
5
2
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    56

    14/05/2019 00:07:21

    pietra miliare della letteratura italiana con grande focalizzazione su dante

  • User Icon

    Sabato

    22/09/2018 08:40:03

    Leggere De Sanctis non significa solo leggere il miglior critico letterario dell'Ottocento, ma leggere un vero e proprio romanzo della nazione. Dalle pagine della Storia della letteratura italiana traspare il critico letterario, ma anche il filosofo e il politico risorgimentale. Esponente prima della Destra storica insieme a Silvio Spaventa, e poi, deluso da essa, tra i leaders della Sinistra meridionale, De Sanctis è fortemente influenzato dal liberalismo di matrice hegeliana, che egli interpreta in modo democratico. La storia della letteratura italiana è la storia di connessione sentimentale mancata tra élites e popolo: sin dai siciliani la letteratura del nostro paese è rimasto un fenomeno "alto", che ha inciso poco tra le masse, con pochissime eccezioni: una tra tutte è Dante. Ed è proprio una letteratura che sia compiutamente nazionale e non un fenomeno elitario l'ideale del De Sanctis.

  • User Icon

    Pamela

    06/06/2007 20:48:18

    Per leggere questo libro impegnativo e per apprezzarlo bisogna avere una minima conoscenza degli autori della letteratura italiana (come il Dante od il Petrarca). Ma soddisfatto questo requisito, offre una piacevole lettura e la possibilità di cogliere a fondo gl'autori della letteratura italiana. Consigliato a chi piace questo genere.

  • Francesco De Sanctis Cover

    (Morra Irpina, oggi Morra De Sanctis, Avellino, 1817 - Napoli 1883) critico italiano.La vita e le opere Visse a Napoli dall’età di nove anni, studiando prima con uno zio sacerdote e poi con il purista Basilio Puoti. Nel 1839 aprì una scuola privata al Vico Bisi, dove continuò a insegnare anche dopo essere stato nominato professore (1841) nel collegio militare della Nunziatella. Intanto veniva superando i limiti del purismo e si accostava alle grandi letterature europee e alla filosofia idealista. Nel maggio del 1848 partecipò, insieme ai suoi allievi, all’insurrezione napoletana. Nel dicembre 1850 fu imprigionato; dopo due anni e mezzo di carcere (durante i quali compose il dramma Torquato Tasso e il carme in endecasillabi La prigione, studiò il tedesco, lesse la grande Logica di Hegel e tradusse... Approfondisci
Note legali