Categorie

Max Beerbohm

Traduttore: R. Birindelli, M. Praz
Collana: La memoria
Edizione: 7
Anno edizione: 1982
Pagine: 164 p.
  • EAN: 9788838902031

Parlando di Max Beerbohm, Emilio Cecchi diceva: «sta il fatto che quella dell'umorista vero, è un'arte che esige infinite cose da ricordare, esperienze profonde e innumerabili, e giuoca sulle vestigia di molte epoche e passioni del cuore e del mondo». E non si può dire che sull'umorismo e sugli umoristi ci siano idee chiare; c'è anzi molta confusione, un attruppamento pieno di disparità e di incertezze. Umoristi sono Cervantes, Dostojevskij, Pirandello, Brancati, Campanile; e umorista è Beerbohm. Ma secondo la definizione che Cecchi dà del vero umorista. Si può aggiungere, stante la poca conoscenza che in Italia si ha di Beerbohm, che per il ritmo indiavolato dei suoi racconti, il fuoco d'artificio delle sue invenzioni, ci si può richiamare fondatamente a un grande e celebre maestro del cinema: il Clair del Milione, dei Tetti di Parigi, di Accadde domani.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    patrizia e Max

    14/01/2013 15.27.17

    Sorprende su tutto l'originalità della scrittura e delle trame, assolutamente in anticipo sui tempi. Bellissima scoperta di un autore che meriterebbe senza dubbio maggiore considerazione.

Scrivi una recensione