The Story of a Snail Who Discovered the Importance of Being Slow - Luis Sepulveda - cover

The Story of a Snail Who Discovered the Importance of Being Slow

Luis Sepulveda

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Nick Caistor
Illustratore: Satoshi Kitamura
Editore: Alma Books Ltd
Anno: 2017
Rilegatura: Paperback / softback
Pagine: 128 p.
Testo in English
Dimensioni: 198 x 128 mm
Peso: 115 gr.
  • EAN: 9781846884139

€ 8,43

€ 8,87
(-5%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Rebelde the snail can't stop asking his fellow molluscs awkward questions, starting with: why are we so slow? When he is finally banished from the snail community because of this, he is forced to travel the world alone. As he explores in his slow snail-like way, Rebelde makes new friends and goes on plenty of adventures, gaining wisdom from every new encounter. But when he finds out his friends are in danger, he decides to rush home to warn them. Will he get there in time to save them? Luis Sepulveda's bestselling The Story of a Snail Who Discovered the Importance of Being Slow is a wonderful ode to diversity and unity, celebrating the importance of being slow in a world obsessed with speed.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Luis Sepulveda Cover

    È stato uno scrittore cileno. Militante di Unità popolare, fu costretto a lasciare il paese in seguito al colpo di stato che mise fine al governo di Allende. Il suo impegno di militante ecologista lo spinse a partecipare a diverse missioni dell’organizzazione ambientalista «Greenpeace». Esordì nella narrativa con la raccolta di racconti Cronache di Pietro Nessuno (1969), cui sono seguiti Le paure, le vite, le morti e altre allucinazioni (1986) e Taccuino di viaggi (1987). Si impose definitivamente con il romanzo Il vecchio che leggeva romanzi d’amore (1989), cui fecero seguito Il mondo alla fine del mondo (1989), Un nome da torero (1994), storia di spionaggio ambientata fra la Patagonia e la Germania, La frontiera scomparsa (1994), l’originale... Approfondisci
Note legali