La straniera - Claudia Durastanti - copertina

La straniera

Claudia Durastanti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: La nave di Teseo
Collana: Oceani
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 14 febbraio 2019
Pagine: 285 p., Brossura
  • EAN: 9788893447751
Salvato in 412 liste dei desideri

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

La straniera

Claudia Durastanti

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La straniera

Claudia Durastanti

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La straniera

Claudia Durastanti

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 18,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Finalista Premio Strega 2019, proposto da Furio Colombo
Finalista della 35^ Edizione del Premio Letterario Nazionale per la Donna Scrittrice "Rapallo"
Finalista del premio Viareggio-Rèpaci 2019 per la Narrativa

Tra la Basilicata e Brooklyn, da Roma a Londra, dall’infanzia al futuro, il nuovo libro dell’autrice di Cleopatra va in prigione è un’avventura che unisce vecchie e nuove migrazioni, un viaggio alla scoperta di identità molteplici e amori unici, e il ritratto indimenticabile di una famiglia e di un mondo apparentemente lontani che ci parla con assoluta precisione di oggi.

«La straniera ha architettura solida e scrittura fiammante» - Claudia Durastanti, Sette

«Sulla scrittura di Claudia Durastanti non si possono spendere che elogi, è di una eleganza e funzionalità ammirevoli» - Piersandro Pallavicini, Tuttolibri - La Stampa

«Claudia Durastanti è fatta per raccontare. La giovane scrittrice mi ha subito costretto a entrare nel suo mondo dandomi una spinta generosa e brutale alle spalle» - Alfonso Berardinelli, Il Foglio

«La storia di una famiglia somiglia più a una cartina topografica che a un romanzo, e una biografia è la somma di tutte le ere geologiche che hai attraversato»

Come si racconta una vita se non esplorandone i luoghi simbolici e geografici, ricostruendo una mappa di sé e del mondo vissuto? Figlia di due genitori sordi che al senso di isolamento oppongono un rapporto passionale e iroso, emigrata in un paesino lucano da New York ancora bambina per farvi ritorno periodicamente, la protagonista della Straniera vive un’infanzia febbrile, fragile eppure capace, come una pianta ostinata, di generare radici ovunque. La bambina divenuta adulta non smette di disegnare ancora nuove rotte migratorie: per studio, per emancipazione, per irrimediabile amore. Per intenzione o per destino, perlustra la memoria e ne asseconda gli smottamenti e le oscurità. Non solo memoir, non solo romanzo, in questo libro dalla definizione mobile come un paesaggio e con un linguaggio così ampio da contenere la geografia e il tempo, l’autrice indaga il sentirsi sempre stranieri e ubiqui. La straniera è il racconto di un’educazione sentimentale contemporanea, disorientata da un passato magnetico e incontenibile, dalla cognizione della diversità fisica e di distinzioni sociali irriducibili, e dimostra che la storia di una famiglia, delle sue voci e delle sue traiettorie, è prima di tutto una storia del corpo e delle parole. In cui, a un certo punto, misurare la distanza da casa diventa impossibile.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,07
di 5
Totale 163
5
64
4
64
3
21
2
11
1
3
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Loris

    25/06/2020 09:06:57

    Questo memoir ha una forma destrutturata che lo rende anomalo: all’iniziale progressione cronologica, usata per ricostruire le vicende familiari, seguono sezioni che adottano criteri geografici o privilegiano campi tematici quali salute, lavoro e infine amore. Questo consente all’autrice di sviluppare digressioni e riflessioni eterogenee, che però formano un quadro coerente e narrativamente efficace, anche in virtù di una scrittura mai banale o semplicemente mimetica. Il senso di estraneità racchiuso nel titolo non ha forse la valenza esistenziale di Camus: più prosaicamente si associa all’essere cresciuta tra due mondi (America e Basilicata) e alle migrazioni lavorative che negli ultimi decenni hanno spinto molti fuori dall’Italia. Riguarda però anche le relazioni affettive, la ricerca di un linguaggio comune coi genitori (oltre la questione della sordità), la convivenza con un altro che genera una simbiosi complessa, carica di aspettative e di zone d’ombra. Come accade spesso nei testi autobiografici, al contorno ci sono riferimenti letterari, cinematografici e musicali che creano un terreno comune col lettore, oltre l’ambito generazionale: trovare citati un certo racconto di King (e la sua trasposizione) o una data canzone dei REM evoca ricordi e accorcia le distanze dal vissuto di questa particolare ‘straniera’.

  • User Icon

    A. Iantomasi

    26/05/2020 14:16:05

    Chi non si è sentito almeno una volta straniero? C. Durastanti lo racconta con la sua scrittura meravigliosa e la sua vita oltre ogni romanzo.

  • User Icon

    Elisabetta

    17/05/2020 18:19:10

    La Durastanti ha di certo una scrittura scorrevole, la storia è una bella storia, la copertina è bellissima... ma mi aspettavo di più! Il libro comincia bene, ci sono capitoli ben scritti, intensi, ti tengono incollata alla pagine... andando verso la fine ne trovi alcuni di poco conto (almeno per me) che ti fanno un po' cadere l'entusiasmo accumulato nelle pagine precedenti. Tutto sommato lo consiglio, è una bella lettura.

  • User Icon

    Lou

    17/05/2020 16:30:41

    Quando si scrive qualcosa di biografico è imprescindibile saper trovare una voce unica e riconoscibile che permetta di appassionarci ai grandi temi così come ai piccoli dettagli del quotidiano. La Durastanti è tutto questo, attraverso una scrittura ricca, ironica, ritmata e mai banale. Un talento.

  • User Icon

    Ludovica

    16/05/2020 15:39:37

    Una bella e coinvolgente storia familiare. Ho apprezzato lo stile elegante della narrazione.

  • User Icon

    Rossana

    15/05/2020 16:10:06

    Dopo alcune prove significative, Claudia Durastanti raggiunge in questo romanzo una maturità inconsueta. La vicenda ha come personaggi principali due genitori sordi, innamorati e conflittuali, attratti e separati definitivamente, poveri da generazioni ma capaci di attraversare tempi e luoghi con inventività e coraggio; e due figli spaesati nei loro spostamenti tra un paesino della Basilicata e gli Stati Uniti d’America: ambienti raccontati con un realismo straniato che continuamente prede in contropiede il lettore. È questo straniamento che depone a favore dell’autobiografismo del libro, del resto fortemente relativizzato da una ironia e una pluriprospettività adulta. Il rapporto privilegiato è quello tra la madre e la figlia, con la scoperta progressiva da parte di quest’ultima dell’ossessione dell’incostanza che ne eredita, e della corporeità che a partire dai suoi limiti la investe. Un libro bellissimo, convincente, originale e appassionato ma insieme perfettamente calibrato.

  • User Icon

    clara

    12/05/2020 14:07:16

    Claudia Durastanti sa raccontare; entri ed esci da stanze con bucce di mandarino sul divano e calzini di spugna anneriti dall’andare scalzi, finisci in soffitta a leggere decine di libri, marinando ripetutamente la scuola; cammini tra le strade di Londra, ripercorrendo le vicende di Mary Wollstonecraft, Mary Shelley e Anna Bolena. La straniera è un libro scorrevole, scritto con una lingua elegante, un ricco vocabolario e diversi spunti di riflessione (a partire dai concetti di identità e appartenenza). Però non mi ha convinto. Gli ultimi capitoli, poi, mi hanno dato il colpo di grazia: molto filosofeggiare sull’amore e sulle vicende sentimentali dell’autrice che hanno fatto girare rapidamente le pagine per chiudere il libro e restituirlo alla biblioteca.

  • User Icon

    maria

    12/05/2020 07:44:01

    Un libro meraviglioso che piano piano rivela sempre più bellezza e profondità. La storia di Claudia è una storia singolare e non si può non empatizzare con lei. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Pollapollina

    11/05/2020 13:06:44

    Ho faticato. Ho faticato con questo memoir romanzato, perché per le prime cento pagine proprio non mi convinceva. Poi la storia, passando dai genitori della protagonista a lei stessa, si è fatta un po’ più interessante, ma non sono riuscita ad entrare in empatia con nessuno. In più lo stile sconclusionato di scrittura mi rendeva insofferente. O annoiata.

  • User Icon

    pavamau

    11/05/2020 12:49:03

    Molto bello Consigliatissimo

  • User Icon

    Francesca

    11/05/2020 12:45:55

    Un'opera ibrida tra il romanzo, il saggio e il memoire nel quale alla biografia della madre si coniugano parti aubiografiche o autofittive. A mio avviso la più interessante tra le opere di Claudia Durastanti, di certo il suo lavoro più maturo e consapevole.

  • User Icon

    Emma

    11/05/2020 12:45:17

    La prima volta che ho provato a leggerlo mi sono fermata a pagina cinquanta: lo trovavo insopportabile. Poi, vedendo che in tanti continuavano a parlarne, ho deciso di dargli un'altra possibilità… e me ne sono perdutamente innamorata. Una scrittura dura ma allo stesso tempo molto emotiva, una storia dolorosa ma che ha la capacità di delineare perfettamente cosa significhi essere umani oggi, far parte di quella generazione (che coincide suppergiù con i Millennials) che si è improvvisamente accorta che dalla tua infanzia non puoi guarire. Consigliatissimo, brava Claudia!

  • User Icon

    Lucia

    11/05/2020 12:00:03

    La Duastanti, come molti altri, si è dedicata a scrivere una storia che ce la fa scoprire/conoscere un po’ di più. E’ la sua storia è quella della sua famiglia. Un bel racconto, una scrittura che ti accompagna pagina dopo pagina senza mai annoiarti. Non smetteresti mai...

  • User Icon

    Silvia Gaia

    26/04/2020 23:00:46

    Ho superato abbondantemente la metà e perciò mi sono fatta un'opinione su questo libro strano, che però allo stesso tempo mi ha comunicato una sensazione di "già visto", una scrittura per così dire "moderna" ma da qui a gridare al capolavoro... Pennellate astratte per lo più per descrivere personaggi importanti come una madre e un padre, e questo le è riuscito. Meno interessanti tutte le riflessioni slegate e senza una priorità, come se l'autrice avesse seguito un flusso di coscienza e buttato giù qualsiasi pensiero le venisse in mente, su un taccuino magari, e poi si è ritrovata questo materiale e gli ha dato una sorta di sistemazione cronologica... qualcuno qui ha detto che è stranamente freddo, distaccato. Vero, al posto del vero pathos (e di motivi ne avrebbe avuti) l'autrice si compiace del suo self control e inframmezza deliri di parenti, lutti o altre avversità con strane riflessioni spesso avulse dal discorso principale sulle balene o altro che con la trama non c'entrano niente., tipo una Houellebecq in versione femminile... DI sicuro lo finirò, ma non credo mi rimarrà dentro. Esperimento mal riuscito, secondo me. Un memoir, così come un romanzo, necessita di un filo conduttore più deciso.

  • User Icon

    Mangiatrice di Libri

    19/04/2020 13:18:09

    Due mondi: Stati Uniti e Italia, una bambina e due genitori Sordi fuori dal comune. Claudia che cresce e si confronta tra il suo mondo e il resto del mondo... Leggero nella lettura e a tratti commovente

  • User Icon

    MikyTo

    24/03/2020 23:10:22

    Tanto rumore per questo libro ma non ho trovato entusiasmo nel leggerlo. Troppo incasinato, senza un filo logico.

  • User Icon

    Lory Tassi

    03/02/2020 10:14:43

    Romanzo molto bello e molto "diretto", parla di una e parla di tutte.

  • User Icon

    Francesca

    07/01/2020 15:39:08

    Scrittura interessante e scorrevole, trama autobiografica di una sensibilità e dolcezza unica

  • User Icon

    Sari

    21/12/2019 21:18:17

    Libro che non mi ha preso fino in fondo, bello ma nulla di straordinario

  • User Icon

    Alba

    10/12/2019 15:16:10

    Sicuramente l'autrice scrive bene ma ho trovato il libro noiosissimo....ho fatto una gran fatica a terminarlo.

Vedi tutte le 163 recensioni cliente

Claudia Durastanti (Brooklyn 1984) è scrittrice e traduttrice. Al suo attivo ha tre romanzi e con il memoir La straniera quest’anno è finalista al Premio Strega.

Diviso in sei grandi capitoli Famiglia, Viaggi, Salute, Lavoro & denaro, Amore, Di che segno sei, La straniera è un libro complesso e spiazzante, addolorato e ironico. Di sicuro la Durastanti si avvale di mille colti riferimenti letterari, cinematografici, musicali e antropologici – materia dei suoi studi universitari – per rinforzare e sottolineare la narrazione della propria esistenza. Un’esistenza difficile e svantaggiata come può esserlo quella di una figlia di genitori nati sordi e che solo con il tempo hanno imparato a parlare, ma non necessariamente a comunicare. E quando lo fanno scambiano finzione e realtà, rifiutano il linguaggio dei segni e sono nel contempo segnati da una disabilità mai accettata, anzi combattuta con violenza per carattere e forti disagi psichici.

Una figlia nata nel quartiere Italo-americano di Brooklyn e riprecipitata giovanissima nella Basilicata della Valle d’Agri, luogo di origine della sua estesa famiglia migrante.

Di questa famiglia spaccata in due fra America e Italia, dei viaggi annuali per rivedere i nonni materni, del grande divario fra realtà umane e sociali così in contrasto, della sua personale sofferenza nel rapportarsi ai genitori, la Durastanti parla a lungo e con distacco, senza mai piegarsi all’autocommiserazione o indulgere in richieste di pietà al lettore.

Il suo approccio alla diversità – quella dei genitori e la sua stessa di giovane donna per anni vicina a essere definita un caso borderline – è da un lato simile a quello di un entomologo che si china su un gruppo di strani e intriganti insetti:

In tredici anni di terapia, sono sempre stata nella zona ambigua tra una morte possibile e una vita mai del tutto piena, come tanti, forse come tutti. C’è stato un periodo in cui su dieci tratti della sindrome di personalità borderline ne ho avuti otto. Il confine in me era già segnato, e mi è sempre stato chiesto di attraversarlo: ogni volta che uscivo da casa di mia madre entravo in un mondo diverso, di cui dovevo apprendere la furbizia e i codici, la bellezza e i sistemi, barattandoli per qualcosa di confuso e approssimato ogni volta che rientravo, e a un certo punto mi sono smarrita. Una parte della mia vita era invisibile, non detta, e a lungo non ho saputo chiamarla.

Dall’altro basato invece sul rovesciamento di concetti acquisiti e scontati: La straniera è una biografia eppure la Durastanti la definisce la bastarda dei generi letterari una cosa che solo i sopravvissuti possono scrivere. Ma a ben vedere anche lei è una sopravvissuta: alle violenze psicologiche di un padre che ne ha distrutto l’autostima; allo strano e contorto amore di una madre che si è affidata alla propria disabilità come un drogato all’eroina; infine a due genitori incapaci di amare e proteggere, ma pronti a usare questa figlia come arma di ricatto.

E se è vero che il linguaggio è la più potente forma di comunicazione fra esseri umani, possiamo immaginare quanto sia stato arduo crescere con genitori il cui linguaggio in nulla somiglia a quello parlato altrove, non importa quale sia la lingua usata. E come i limiti di una comunicazione – verbale, sensoriale – appresi fra le mura domestiche possano nel tempo trasformarsi anche per la voce narrante in una disabilità ad approcciarsi al resto del mondo, di comprenderne le sofferenze. Alla Durastanti i piagnistei degli innamorati abbandonati sembrano vani e inutili; la povertà degli altri, sofferta da lei così a lungo nell’infanzia e prima adolescenza, qualcosa da ridefinire e classificare.

La straniera non è un libro facile per tema e argomenti trattati, ma si avvale di una scrittura densa e corposa, impegnativa eppure gratificante per il lettore che non voglia accontentarsi di una delle tante descrizioni scontate di una vita scontata. La straniera è un libro che scava dentro, costringe a ripensare ai rapporti, di amicizia e di amore, pone domande, come ogni buon libro dovrebbe fare e non da’ risposte. Quelle siamo noi lettori a doverle trovare.

I vincitori del concorso “Caccia allo Strega” 2019

Valentina - Recensione stregata scelta da Claudia Durastanti

Memoir, saggio, autobiografia, qualunque genere esso sia non interessa perché questo libro è bellissimo e può permettersi la presunzione di scegliere da sé a quale genere appartenere. La Straniera ricostruisce il "lessico famigliare" della sua autrice. Racconta la storia di sua madre, poi di suo padre, infine la sua, facendosi anche portavoce di una generazione. Nata da genitori sordi, incoscienti (forse), sicuramente liberi, che non hanno fatto altro che mettere in discussione se stessi e soprattutto il proprio vicolo fisico, Claudia ripercorre le scelte fondamentali della sua famiglia- da quella di ribaltare la disabilità (e viverla con incoscienza) a quella di adottare strategie di dissimulazione e poi gli incontri, il matrimonio, la migrazione, il divorzio, fino alla scelta di tornare in Italia. Claudia ha voglia di imparare, studiare, capire, conoscere e si rifugia nei libri e nei film, ma soprattutto nei libri che diventano subito l'unica strategia di resistenza e di escapismo. Intanto nel suo migrare e poi tornare, prende vita una nuova definizione di Straniero ovvero colui, che anziché sentirsi solo, ha più punti di approdi, più patrie, e può scegliere da che parte stare. Allora il libro diventa il superamento della soglia, dal prima al dopo, attraverso gli eventi che cambiano e ci cambiano. Tutto ciò che è all'apparenza fragile mette radici fortissime nel libro, la realtà è vera e spietata, non ci sono filtri né traumi che non possono trasformarsi in passaggi segreti per terreni nuovi. E allora disabilità, migrazione, ritorni, amore filiale e amore carnale diventano espedienti per una storia che funziona. Bellissima la domanda finale con cui l'autrice ribalta tutto. Uno stile davvero contemporaneo. Copertina: 5 Storia: 4 Stile: 4                                 

Corrias Giuseppina       

Non lasciatevi ingannare dall’opacità della foto dell’autrice in quarta di copertina. Per lei ce ne vorrebbe una almeno tridimensionale. È lei infatti anche la fragile giovane senza volto in copertina; anzi è lei la copertina stessa, con quell’esplosione di rosso che irradia tutta l’energia del suo grido al mondo: QUANDO TUTTO CADE, INDOMITO L’AMORE RESTA. (Che è Marx; ma lui parlava solo di coraggio). Perché lei è così: sempre nervosa, deprivata ed elettrica. Come la storia che racconta. E non leggete il titolo secondo le orribili logiche del linguaggio attuale in cui le parole sono sempre pro o contro, incrostate dalle scorie di campi semantici dualistici e oppositivi. Uno dei poteri di questa strega lucana nata a Brooklyn è prendere parole intossicate - migrazione povertà classe ecc. - togliergli il marcio di cui le abbiamo riempite in questi ultimi squarci di modernità e restituircele geneticamente mutate. Un esempio. Chi non sente - come papà e mamma della narratrice - non è sordomuto handicappato disabile diversamente abile...No. È lui. È lei. Singolare. Unica. Straniera. Come sua madre; che lascia che la credano tale piuttosto che sorda e l’ha chiamata Claudia, convinta che quel nome fosse sinonimo di forza. Ha imparato da sua madre, “la figlia della muta”, a scambiare un errore o una lacuna fisica per una risorsa e a elevarsi sul resto del resto, inventandosi una lingua alluvionale fatta di depositi di Continenti diversi e varie Ere esistenziali meravigliante e travolgente come la banda e i fuochi d’artificio in una sagra di paese. Memoir romanzo autobiografia? Molto di più. Un Inno. Un omaggio devoto ed entusiasta a sua madre. In punta di fioretto. Per salvare sé stessa e quelli con cui fa famiglia - fratello padre “Bobby” e infiniti altri e altre - non guarda in faccia nessuno e: dagli! bugie furti colpi bassi; più talento e bravura q b. Copertina 5 Storia 5 Stile 5                                                                           

                                                                         

Aurora 

Classe 1984, doppia nazionalità, una personalità incostante, fragile ed eppure anche tenace, Claudia Durastanti offre nel suo memoir il ritratto sghembo di una famiglia inquieta e decisamente poco convenzionale che viene presentata per temi alla maniera di un oroscopo (i viaggi, la salute, il denaro, l’amore) ma si sviluppa nello spazio come una carta topografica mediante tutti i percorsi di “partenze e ripartenze, strappi, suture e tagli” che sembrano caratterizzare, da una generazione all’altra, i principali personaggi. Un percorso di crescita ostico, in vero, per l’autrice, nipote di emigrati, figlia di genitori sordi, migrante a sua volta (anche se, in un percorso decisamente anomalo, dall’America alla Basilicata, e perciò “di ritorno”) e poi bambina e adolescente lucana, studentessa di antropologia a Roma e infine expat nella Londra del post-Brexit. Con uno stile accurato che equilibra sapientemente le parti più romanzesche con parentesi ora saggistiche ed ora più ironiche e pop (moltissime le citazioni, in questo senso, di libri, canzoni e film) Durastanti affronta temi come la disabilità, la povertà, la definizione della propria appartenenza e, per continuo, della propria identità, con un approccio lucido e mai scontato in cui la dimensione personale finisce per allargarsi ad abbracciare quella di un’epoca e in cui “quel miscuglio di aspirazione, vittimismo, cabala, accidia e rabbia” ereditata, al posto di una fede politica, dai suoi familiari, si riflette nella solitudine e nell’inadeguatezza di un’intera generazione: quella stessa generazione che per caso o necessità si è trovata ad avere sempre più legami col mondo, a spostarsi e a parlare più lingue senza tuttavia riuscire (non sempre, perlomeno) a far corrispondere a questa condizione un senso intimo di scelta e, di conseguenza, di libertà. Perché “straniero”, ci ricorda l’autrice, “è una parola bellissima”. Ma solo quando nessuno ti costringe ad esserlo. Copertina: 3 Storia: 4 Stile: 4                                                                   

Daniela

C’è chi parla di memoir e chi di autobiografia romanzata. Qualcuno l’ha definito una lunga lettera d’amore, altri un'autofiction. Classificare questo libro significherebbe vincolarlo agli schemi e alle regole di un unico genere letterario, ma l’irruenza e la forza delle parole non si accontentano di definizioni e limiti. Claudia Durastanti ci rende partecipi di un’indagine familiare in cui finzione e realtà si mescolano rendendo impossibile circoscrive i rispettivi campi d’azione. Figlia di genitori muti, racconta la disabilità come perdita di un “super potere”, dato di fatto e certezza immutabile, destinazione obbligatoria nella storia di ognuno. Pezzi di vita ordinati con cura come piccoli tesori esposti in vetrina, scatti di un’infanzia insolita che, da un lato svelano la difficoltà di accettare e affrontare la disabilità e dall'altro descrivono l’amore come forza propulsiva, trasmettendo la certezza che “Quando tutto cade, indomito l’amore resta”. Gli spunti di riflessione fioriscono in ogni pagina, ma l’essenza del libro è quella che il titolo stesso ci suggerisce: in un mondo in continuo movimento essere stranieri non è più ASSENZA di radici ma ECCESSO di legami. E’ un valore aggiunto che rende liberi di scegliere che forma dare alla propria esistenza. Straniera è Claudia: curiosa, intelligente, dinamica e ribelle, figlia di ogni patria che l’ha ospitata e ha sfamato la sua sete di novità, figlia di ogni Paese che l’ha respinta. Straniera è chiunque abbia tanti punti di approdo e può scegliere in quali acque gettare l’ancora. Commovente, raffinato, dolce, profondo ma soprattutto innovativo nella capacità di affrontare temi quanto mai attuali, come l’emarginazione e l’estraneità, e di trasformarli in ricchezza, rivestendoli di una luce e di un colore che mai nessuno era riuscito a cogliere. Copertina 5 Storia 5 Stile 5                                                                       

Giacomo            

“La straniera” non può essere considerata un’autobiografia canonica, sia perché la forma romanzo non viene mai meno sia per la non linearità del racconto. La trama, infatti, si articola in sezioni suddivise secondo una terminologia astrologica, derivata, come affermato dalla stessa Durastanti, dalla visione della famiglia come una galassia e dei legami trai vari membri come costellazioni da interpretare. Il senso d’estraneità evocato dal titolo è tutto nella lingua e nel linguaggio, nell’eterno problema della traduzione: da una lingua all’altra, da un luogo all’altro, da disabilità comunicative al resto del mondo. La traduzione però coinvolge, ed è questo un punto importante del romanzo, anche la memoria, il rapporto con la propria infanzia, con le sue difficoltà e la necessità d’interpretarle una volta cresciuti, per verificarne la portata e quantificarne il valore nel presente. Emerge dunque una necessità di chiarezza, il bisogno di comprensione e Claudia Durastanti, a differenza di altri scrittori italiani contemporanei, sceglie un linguaggio piano, vivido, che evita impeti di trasporto eccessivo per fermare i quadri rappresentati in una loro identità, così da poterli veramente comprendere e affrontare. Ecco dunque che si torna a un altro motivo di fuoriuscita dall’autobiografismo: il romanzo, come tale, non si mette del tutto al riparo dalla finzione, dall’invenzione letteraria, e proprio per questo nel modo di elaborare traumi e solitudini “La straniera” oltrepassa il limite della storia personale di chi scrive per divenire un racconto condiviso, proprio di ciascun lettore. Copertina 4. Storia 4. Stile 5.                                                             

IL RIFUGIO DELL'IRCOCERVO - letterature, mondi e animali mitologici

Famiglia, Viaggi, Salute, Lavoro&Denaro, Amore. Sono le categorie in cui Durastanti ha riordinato i ricordi della sua vita, anche se sembrano rimandare, forse volontariamente, alle principali sezioni degli oroscopi. Non a caso l’ultimo capitolo, una brevissima riflessione in cui l’autrice trae le conclusioni dell’intero memoir, s’intitola proprio Di che segno sei.

La particolarità più intrigante di un’opera come La straniera, è la sua pretesa di mettere a nudo l’intera esistenza di una persona senza per questo doversi appoggiare al classico ordine cronologico. Al suo posto, l’autrice predilige infatti la divisione tematica, in cui due o più momenti vengono messi in relazione in virtù del loro contenuto affine. La scelta di ordinare questa carrellata di ricordi in cinque sezioni non è casuale: ciascun campo tematico richiama spontaneamente alcune delle esperienze più importanti della sua vita. In ordine di importanza, la prima sezione riguarda la famiglia.

Se possiamo davvero rifarci alla metafora dell’oroscopo, bisogna ammettere che quello dell’autrice non è stato affatto clemente. Si comincia quindi dalla sua Famiglia: disordinata, caotica, sfortunata. Tra due genitori sordi, un padre violento e la povertà, le esperienze di Durastanti sono state duramente influenzate da un contesto familiare borderline, che l’autrice tratta nel suo romanzo con ammirevole tranquillità, senza vittimismo o autocommiserazione.

La prima sezione è anche quella più strettamente cronologica, in quanto incentrata sul racconto delle biografie dei due genitori. D’altro canto, si tratta di ricordi di seconda mano, molto meno malleabili di quelli di cui la scrittrice ha avuto esperienza diretta. Le figure della madre e del padre rappresentano qualcosa di più di semplici personaggi: sono la raffigurazione di  un modo di affrontare la vita, una prospettiva sul mondo e un modello, il più delle volte negativo.

Nel capitolo dedicato ai Viaggi, emerge tutta l’anima cosmopolita di una donna cresciuta a cavallo di un desertico paesino della Basilicata e della frenetica Brooklyn, per poi trovare con sofferenza la sua strada a Londra. Si prosegue quindi tra le varie malattie – reali o presunte, sue o dei suoi cari – affrontate nella sezione Salute, e per le infelici tensioni che hanno regnato le esperienze lavorative dell’autrice, fino a quella piccola parentesi chiamata “Amore”, secondaria e quasi dimenticabile. L’onnipresenza della figura della madre schiaccia quella di un compagno che viene citato solo alla fine, quasi per sbaglio. Non è la rappresentazione consapevole di una gerarchia di affetti, ma la naturale conseguenza del fatto che alcune persone ci determinano in modo più incisivo di altre.

Anche nel momento in cui ci si addentra nel cuore più autobiografico dell’opera, lo stile narrativo mantiene un tono freddo, distaccato, a tratti quasi impersonale.  Il classico stile discorsivo di chi si impegna per descrivere i fatti, anziché costruirci sopra un’esperienza narrativa. Una confessione, più che un racconto. E infatti l’autrice si mette a nudo, con un’oggettività che schiaccia l’elemento più prettamente emotivo: racconta la sua vita intervallandovi riflessioni raffinate e citazioni colte, con uno stile asciutto e fluente, e la capacità di estrapolare insegnamenti universali da quelle che sono state le sue concrete esperienze di vita.

La straniera è quindi la storia vera di una giovane donna che, come tante altre, è stata segnata dall’intreccio dei grandi eventi storici contemporanei con le “piccole” tragedie familiari. Un memoir classico e ben fatto, che non spicca forse per l’originalità dell’idea, del contenuto o della forma, ma che si fa notare in virtù della sua capacità di tracciare un affresco consapevole e spontaneo di un’intera generazione, senza stereotipi o vittimismi. È la generazione nata negli anni ’80, figlia della globalizzazione e del pluralismo culturale, che in questo romanzo viene rappresentata dalla straniera per eccellenza: bilingue, intraprendente, figlia della povertà e di due genitori sordi, esclusi dalla società ma loro schiavi, istruita nonostante le sue origini umili, irrequieta e disillusa. Cittadina al tempo stesso del mondo intero e di nessun luogo.

Anja Boato

Come deve essere a sei anni trasferirsi dalla Basilicata alle luci di Brooklyn? E il contrario? Perché questa è la traiettoria che è stata disegnata per Claudia Durastanti – scrittrice e traduttrice che oggi vive e lavora a Londra –, e che ora viene raccontata in un memoir personalissimo come La straniera. Un racconto che si muove nel tempo e soprattutto nello spazio, perché sono i luoghi geografici a scrivere e farci immergere nella sua storia famigliare. Una vicenda di continue migrazioni, andate e ritorni, che l’hanno portata a essere quello che è oggi. Centrale è la figura della madre, un personaggio sofferto – soprattutto perché sorda, come il marito – e incredibilmente umano, che incontra l’uomo della propria vita il giorno in cui sta per buttarsi da Ponte Sisto a Roma. O forse non è andata esattamente così, ma poco importa.
Le pagine seguono prima le tracce della donna, dagli anni nel paesino dei nonni a quelli del collegio a Potenza. E poi le visite ai genitori rimasti a NY e lo shopping a Soho, il mare – si fa per dire – a Dead Horse Bay. E la vita che prosegue, e si intreccia con quella di una bambina cresciuta tra Little Richard e il Mago di Oz. La vita di Claudia, così come era stata quella di tutta la famiglia, sarà segnata dai viaggi e da una certa irrequietezza, oltre che curiosità. Prende il sopravvento nelle pagine, in una dimensione sempre sospesa tra riferimenti più che concreti, speculazioni sull’esistenza e atmosfere oniriche. Dove vive chi si sente sempre straniero, a casa propria e nell’angolo più sperduto.

Motivazione per la candidatura al Premio Strega 2019:
«Il romanzo merita attenzione per tre aspetti del tutto insoliti (oltre all’insolito percorso biografico e di lavoro dell’autrice, che è e non è una straniera). Il primo aspetto è certamente il linguaggio. Riflette in modo curioso (sorprendente ) una vita, in modo più efficace di un sequenza di notizie. È un linguaggio lontano-vicino, familiare ed estraneo, molto bello e senza alcuna preziosità o deliberata ricerca di stile. Una seconda ragione è la storia, che appartiene, allo stesso tempo, al genere “familiare” ma anche a una sequenza di avventure con scarti sorprendenti rispetto all’attesa abilmente creata. Ovvero si carica e si libera della memoria personale e familiare, spingendo continuamente il lettore a rifare la mappa del mondo e del tempo che sta percorrendo. Infine merita attenzione il talento espressivo (che non è il linguaggio, ma la costruzione del racconto) che rende La Straniera non una raccolta di memorie, ma il punto in cui nasce (anche, ma non solo da ciò che è accaduto) una storia nuova».
Proposto da Furio Colombo
  • Claudia Durastanti Cover

    È scrittrice e traduttrice. Il suo romanzo d’esordio Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra (Marsilio, 2010) ha vinto il Premio Mondello Giovani. Ha pubblicato inoltre A Chloe, per le ragioni sbagliate (Marsilio, 2013), Cleopatra va in prigione (Minimum Fax, 2016) e La straniera (La nave di Teseo, 2019). È stata Italian Fellow in Literature all’American Academy a Roma. È tra i fondatori dell’Italian Festival of Literature in London.  Approfondisci
Note legali