Suites per violoncello solo - CD Audio di Johann Sebastian Bach,Luca Franzetti

Suites per violoncello solo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johann Sebastian Bach
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Bottega Discantica
Data di pubblicazione: 3 marzo 2017
  • EAN: 8015203102972

€ 19,50

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Incidere una nuova versione delle Suites per violoncello di Johann Sebastian Bach significa intercettare un viaggio, quello che i sei straordinari capolavori hanno iniziato ormai tre secoli fa e che oggi, ancora in corso, accoglie costantemente nuovi contributi, alla ricerca di una “verità” (esecutiva, storica, filologica) che forse non sarà mai del tutto afferrabile. Un “enigma” che continuerà a proporsi con la forza inedita e disarmante dell'essenzialità (uno strumento solo con le sue quattro corde, più una), oggi non più di ostacolo alla collocazione delle Suites accanto alle grandi cattedrali sonore dei lavori “maggiori” del compositore di Eisenach. Il rigoroso lavoro di analisi filologica compiuto dal M° Franzetti ha preso in considerazione i materiali usati nella costruzione del violoncello e delle sue corde e i tipi di danze che venivano ballate all'epoca di Bach in riferimento ai movimenti delle Suite.
Luca Franzetti suona un violoncello barocco con corde di budello
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Johann Sebastian Bach Cover

    Compositore tedesco.La vita: da Weimar, a Cöthen, a Lipsia. Figlio di un violinista, ricevette la prima istruzione musicale dal padre e, dopo la sua morte (1695), dal fratello maggiore. Nel 1700 entrò a far parte, come soprano, del coro di S. Michele a Lüneburg, rimanendo al servizio di quella chiesa anche dopo la muta della voce, avvenuta l'anno seguente. Nel 1703 ebbe un breve incarico a Weimar come violinista nell'orchestra ducale; pochi mesi dopo divenne organista di chiesa ad Arnstadt. Nel 1707, colpito da dure critiche perché si era assentato senza permesso e perché sottoponeva a eccessive elaborazioni l'accompagnamento dei corali, si trasferì a Mühlhausen, presso la chiesa di S. Biagio. Nello stesso anno sposò sua cugina. Nel 1708 tornò a Weimar come organista di corte. Deluso nella... Approfondisci
Note legali