Supposed Former Infatuation Junkie

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Maverick
Data di pubblicazione: 30 ottobre 1998
  • EAN: 0093624709428
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,90

€ 13,20

Risparmi € 3,30 (25%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Disco 1
  • 1 Front row
  • 2 Baba
  • 3 Thank u
  • 4 Are you still mad
  • 5 Sympathetic character
  • 6 That I would be good
  • 7 The couch
  • 8 Can't not
  • 9 Ur
  • 10 I was hoping
  • 11 One
  • 12 Would not come
  • 13 Unsent
  • 14 So pure
  • 15 Joining you
  • 16 Heart of the house
  • 17 Your congratulations

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandra

    30/03/2009 23:19:12

    Se nello stupendo primo lavoro prevalevano suoni e melodie semplici, questo rappresenta bene la maggiore maturità di Alanis. Il sound dell'album è innovativo sotto tutti i punti di vista. Al primo ascolto può sembrare "difficile": ma conoscendolo meglio non si può fare a meno di amarlo. Diverso da Jagged, ma non inferiore.

  • User Icon

    Maurizio

    19/10/2005 13:10:58

    D'accordo, forse non è all'altezza di 'Jagged Little Pill'. Bisogna anche dire, però, che questo album, il secondo di Alanis, aveva aspettative davvero molto difficili da soddisfare. A me è comunque parso un ottimo album, le sonorità esplorate sono vaste ed il risultato è una gradevole, anche se un pò lunga, collezione di buoni brani, tra cui spiccano 'Front row', 'Joining you' e 'So pure', che sono a parer mio la giusta sintesi dell'incontro fra la musicalità dell'artista ed il particolare stato d'animo che aveva in quel periodo. Alcuni brani, tuttavia, risentono marcatamente di questo momento di riflessione, pur integrandosi bene nel resto del lavoro; di questi i piu' gradevoli sono senz'altro 'Thank you', 'That I would be good', 'Unsent' (una lettera a cuore aperto della cantante ai suoi ex boyfriends) ed 'Ur'. Da menzionare è inoltre 'I was hoping', mentre 'Would not come' e 'Can't not' richiamano nello stile le atmosfere e la grinta del primo grande disco della Morissette. In definitiva, comunque, c'è secondo me un detto che rende molto bene l'idea che si può avere di questo album, ossia: 'La quiete dopo la tempesta', che è sicuramente quello che è successo ad Alanis nei suoi primi anni di carriera internazionale.

  • User Icon

    Bea

    24/09/2005 17:18:19

    17 melodiche poesie di pura sincerità.

Scrivi una recensione