Sweet Sixteen - CD Audio di Steve Lacy,Keptorchestra

Sweet Sixteen

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Caligola
Data di pubblicazione: 25 gennaio 2016
  • EAN: 8033433290016

€ 13,90

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La Keptorchestra, attiva fra gli anni '80 e '90, è stata fra le più importanti big band italiane, contribuendo in modo determinante alla formazione di musicisti diventati poi esponenti di punta del nostro jazz. Due, purtroppo, non sono più con noi: Maurizio Caldura, scomparso non ancora quarantenne nel 1998, e Marco Tamburini, che ci ha lasciati il 29 maggio 2015. Caligola, che ha pubblicato due dei tre album dell’orchestra, oggi non più reperibili, ha deciso di ristampare il secondo, “Sweet Sixteen”, registrato nel 1993 con Steve Lacy. Il caso vuole che questo disco, da anni fuori catalogo, sia stato anche il primo di Caligola Records, che ha oggi più di 200 titoli in catalogo. Il “numero uno" dell'etichetta esce oggi in una nuova versione rimasterizzata e soprattutto con l'aggiunta di una bonus track, la monkiana “Straight No Chaser”, il cui tema viene fischiato all’inizio da tutti i membri della band all’unisono, versione illuminata da uno splendido assolo di Lacy.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Steve Lacy Cover

    Pseud. di Steven Norman Lackritz. Sassofonista soprano statunitense di jazz. Specializzatosi su uno strumento legato, nella tradizione, soprattutto a Sidney Bechet (e prima che John Coltrane ne favorisse il rilancio), maturò alla fine degli anni Cinquanta uno dei più originali e lirici linguaggi del jazz moderno, confrontandosi in modi personali con le caratteristiche ritmiche e armoniche della musica nera, attraverso lo studio di Thelonious Monk. Con l'esperienza del free jazz, approfondì ulteriormente ed estese le sue ricerche sonore. Suonò e registrò con propri gruppi (spesso comprendenti la moglie Irene Aebi, cantante, violinista e violoncellista) e con numerosi musicisti d'avanguardia, anche europei. Approfondisci
Note legali