Il tacchino - Slawomir Mrozek - ebook

Il tacchino

Slawomir Mrozek

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: KKien Publ. Int.
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 188,13 KB
  • EAN: 9788833260327

€ 1,99

Punti Premium: 4

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Il tacchino" rappresenta la più alta espressione artistica di Mrozek, autore polacco di nascita, ma europeo di elezione e cultura. I protagonisti sono alla ricerca disperata di qualcosa che incuta loro coraggio e speranza. Arte? Affetti? Routine? Uno dopo l'altro, vengono scartati tutti. "Scappare? Anche se si volesse non si saprebbe dove, le strade sono pessime, tutt'intorno un vero deserto", dice il poeta. Contro questa abulia si difende Rodolfo, un giovane che, per amore, rapisce la ragazza scelta del duca per moglie. L'autore fa riferimento al marasma della vita nella Polonia staliniana (il testo è del 1960). Ma i riferimenti al "contemporaneo" non sono poi così difficili da individuare. In questo contesto, tragico e assurdo insieme, anche un tacchino, pur così regale, così sicuro dei propri successi, apprestandosi ad atti amorosi con belle ed opulenti galline, ne perde improvvisamente la voglia e abbandona il campo disgustato. "Ecco dove si cela il dramma, l'apatia, la ribellione contro la routine... Marasma e stasi. Mancanza di idee. Mancanza di una concezione generale, ecco cos'è". Critica serrata e spietata di molteplici aspetti della vita in una democrazia popolare, come quando l'autore fa dire: "ognuno serve il duca come meglio può. Il contadino semina i campi, altri costruisce le strade e altri ancora fa la spia". O quando fa dire al poeta: "Io continuo ad essere come la nave senza vele. Senza scopo, senza senso". E respinge ogni speranza che la vita e le sue leggi elementari: amore, amicizia, lavoro, possano smuoverlo dalla stasi, dall'indifferenza. Atto di accusa contro il regime staliniano dell'epoca, sicuramente, ma non è mai troppo tardi, in qualsiasi momento storico, per bollare le ingiustizie, ridicolizzare assurdità purtroppo ben radicate, ammonire contro i pericoli di una sterilizzazione psichica sempre incombente.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Slawomir Mrozek Cover

    (Borzecin 1930 - Nizza 2013) scrittore polacco. Gli si devono briosi racconti satirici (L’elefante, 1957; La pioggia, 1962, nt; Due lettere, 1974, nt) e varie commedie (Polizia, 1958; Tango, 1964; Una casa di frontiera, 1967, nt; Moniza Clavier: una storia d’amore, 1967; Un caso fortunato, 1970, nt; Gli emigranti, 1974, nt; Il mattatoio, 1974, nt; Serenata, 1977, nt; Il sarto, 1977, nt; Amor, 1978, nt). Il suo teatro, che ama i toni bizzarri, traduce in dialoghi rapidi e quasi ossessivi fisime e incubi della vita contemporanea. Considerato erede della tradizione di W. Gombrowicz e S. Witkiewicz, dà nelle sue commedie, pervase di ironia mordente e di umorismo grottesco, una visione catastrofica della condizione umana, in balia di una società retta da leggi assurde. Gli eventi drammatici del... Approfondisci
Note legali